Cinni di guerra, un libro raccoglie memorie e fantasie dei bimbi che videro passare il fronte

Cinni di guerra – Memorie e fantasie di bimbi che videro passare il fronte è la prima pubblicazione curata insieme dai fratelli Savini, Giacomo e Giuseppe, edita da Minerva. Il libro si compone di cento testimonianze, fornite direttamente da quelli che sono stati i bambini di ieri, coloro che con la guerra hanno condiviso l’infanzia o l’adolescenza. Non sono solo gli ultimi, preziosi testimoni di una storia che, si sa, ha segnato tragicamente l’umanità intera, ma sono anche gli ultimi in grado di raccontare questi eventi dal punto di vista di un bambino, perché tali erano all’epoca dei fatti. Così i “cinni” (letteralmente dal dialetto bolognese “bambini”) diventano il filtro attraverso il quale dare una nuova prospettiva al racconto della Storia con la “s” maiuscola. E, allo stesso tempo, il dialetto, presente fin dal titolo, si impone prepotentemente quale mezzo per delimitare l’ambito del racconto: Bologna, il centro della città, la periferia, la sua montagna e la pianura verso il Po.

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

I racconti si incrociano, si sovrappongono, si confondono, dando vita a piani di osservazione molteplici e differenti

Quelle raccolte da Giacomo e Giuseppe Savini sono memorie infantili, fantasie, paure, angosce, accadimenti tragici ma, a volte, anche banali che, proprio nella loro semplicità, riescono a mostrare la quotidianità, l’altruismo e il senso di fraternità che ha accomunato intere famiglie. È impressionante come, a distanza di decenni, i ricordi siano ancora vividi, dettagliati, impressi nella mente; memorie che non si possono cancellare o superare facilmente e, proprio per questo, rimaste con chi racconta fino alla vecchiaia. Sono testimonianze che non raccontano solo una storia – quella che tutti conosciamo, che abbiamo letto o studiato sui libri – ma un vissuto che, oggi, ci appare così distante e irripetibile, solo un brutto incubo: la fame, i bombardamenti, le SS, i rastrellamenti, i morti. I racconti si incrociano, si sovrappongono, si confondono, dando vita a piani di osservazione molteplici e differenti. Ci sono, poi, elementi comuni, rimasti nei ricordi di tutti questi bambini, come ad esempio il ronzio di Pippo, nome ironicamente dato all’aereo che volava di notte preannunciando un bombardamento, unico modo di “esorcizzare” la paura di una morte imprevedibile.

Come insegnare la Shoah e mantenere viva la memoria?

Forme dialettali ed espressioni caratteristiche per essere più fedeli al ricordo 

La narrazione è organizzata cronologicamente in base alla data di nascita degli intervistati e sono state realizzate dagli autori stessi fra il 2017 e il 2019. Scelta consapevole è anche quella di mantenere le forme dialettali, espressioni caratteristiche, errori grammaticali, lessicali o sintattici eventualmente commessi dai testimoni nel corso delle interviste, in modo da essere il più fedeli possibile al ricordo di chi racconta. In queste pagine ritroviamo i nostri nonni, i nostri genitori, situazioni di cui magari non si parla più – come ad esempio la storia di una famiglia che è rimasta per ben cinque giorni con due cadaveri in casa per l’impossibilità di seppellirli – o che magari non ci si aspetta – come ad esempio la bontà di alcuni giovani soldati tedeschi pronti a far felice una bambina facendola salire sul carro armato – ed è ciò che, alla fine della lettura, fa restare con un nostalgico, affettuoso, senso di condivisione.

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica