Come insegnare la Shoah e mantenere viva la memoria?

Chiedersi se si possa insegnare la Shoah può sembrare a dir poco un interrogativo irriverente o una sospetta curiosità. In realtà, porsi una domanda di questo tipo – essenziale e ineludibile – significa chiedersi non perché, ma come si dovrebbe insegnare oggi la Shoah. Domanda che ne comporta una ancora più insidiosa e che così può essere formulata: come si può conservare e mantenere viva la memoria? Come onorare un ricordo-testimonianza che non deve essere assolutamente tradito? La progressiva scomparsa degli ultimi testimoni diretti dello sterminio rende ancor più urgente l’esigenza di una risposta. Sappiamo tutti che la memoria della Shoah è sempre stata sotto l’attacco continuo di critiche, polemiche, tentativi di revisione e forme plateali di negazione. È così da quando s’iniziò ad acclarare l’entità della tragedia subito dopo la fine della seconda guerra mondiale. Sin da quando, per essere il più chiari possibile, a Norimberga, nel ’46, Auschwitz diventò un tabù. È occorso perciò un processo lungo e impegnativo, che possiamo chiamare di rimemorazione e riconoscimento effettivo del passato, perché la Shoah rientrasse a buon diritto nella storia e perché il valore di testimonianza contenuto nelle sofferte parole dei sopravvissuti si trasformasse in un lascito morale. È stato già detto, ma gioverà ripeterlo: Auschwitz, e ciò che questo nome implica, non è una semplice pagina di storia.

Il modello di un paradosso insolubile

C’è, tuttavia, il rischio che lo divenga. In parte, Auschwitz, assurto qui a simbolo della Shoah e inteso anche come paradigma di una modernità lacerata e terminale (immagine riscontrabile, ad esempio, in pensatori diversi come Adorno e Bauman), Auschwitz, dicevamo, in buona misura è già una pagina da manuale, e non solo perché il racconto dello sterminio è letteralmente diventato un tema o un capitolo dei libri di storia contemporanea con i quali la disciplina storica viene insegnata oggi nelle scuole. Perché non diventi un non-luogo della memoria, un evento comparabile con altri e, alla fine, confondibile con mille altri ancora, come pretende di fare lo storico relativista che indugia pericolosamente sui mobili confini del negazionismo, Auschwitz dovrà continuare a rappresentare il modello di una paradossalità insolubile. Non c’è altra condizione – non, certo, quella dello storico che saprebbe bene come rubricare la voce “Shoah” tra gli eventi capitali del XX secolo – per fare i conti con quel che, per richiamare il titolo di un saggio di Agamben oggi quanto mai attuale, rimane ancora di Auschwitz.

Auschwitz non dovrebbe mai trasformarsi nell’oggetto di una narrazione lirica

Antisemitismo, negazionismo e complottismo, in Italia ancora focolai di odio. L’indagine Eurispes

“Paradossale” è, alla lettera, quanto va contro l’opinione comune e la normale capacità della razionalità umana di intendere un evento, un fatto, una teoria. Il paradossale può essere tale da inibire qualsiasi sforzo di comprensione, tanto da farne accettare l’impossibilità. Fra i tanti, lo hanno sostenuto, a proposito dello sterminio ebraico, Primo Levi e Theodor Adorno. Per quest’ultimo, addirittura, Auschwitz non dovrebbe mai trasformarsi nell’oggetto di una narrazione lirica, perché la poesia, in un certo senso, solleva l’animo e celebra la bellezza, mentre nella Shoah niente di tutto ciò è possibile. Una posizione fin troppo radicale anche per Celan, che indurrà il filosofo francofortese a renderla meno aspra e categorica. Il riconoscimento della paradossalità di Auschwitz è, per Jean-Michel Chaumont, un passaggio obbligatorio per chi vuole farne oggetto di studio e riflessione: «viviamo in una sorta di irriducibile tensione fra l’ammissione fattuale di ciò che è stato e la protesta etica per cui non sarebbe mai dovuto accadere. Come ogni grave crisi, tale tensione provoca in un primo momento uno sconvolgimento globale: paralizza la riflessione, stravolge ogni certezza e ogni valore, obbliga a una revisione totale delle norme di pensiero e di azione. Come è possibile, infatti, conservare fiducia in un mondo in cui è stata possibile Auschwitz?»1.

Sopravvivere a tutte le narrazioni possibili

Già, come è possibile non cadere nella paralisi dello sconforto quando scopriamo ciò che è veramente stato? Eppure, proprio in virtù della sua paradossalità (Agamben parlerebbe di “aporeticità”), Auschwitz potrebbe insegnarci ad avere più fiducia in quello che facciamo, a contare di più sulla correggibile fallibilità dei nostri giudizi e a credere nella necessità di alimentare la memoria. Serviranno le giornate commemorative, i dibattiti, i convegni accademici e così anche le immancabili novità dell’industria cinematografica che ci ricorda puntualmente che il racconto dello sterminio raggiunge un alto livello di efficacia comunicativa quando viene proiettato sul grande schermo e reso, per così dire, ancor più vivo e drammatico di quanto possano fare le semplici parole. Se la Shoah saprà sopravvivere a tutte le sue narrazioni possibili (lo è, in fin dei conti, anche quella che ne propongono i negazionisti), se sapremo generare nuove forme di narrazione e preservare nello stesso tempo la dura verità storica, allora la memoria avrà ancora molto da dire e insegnare.

1Jean-Michel Chaumont, “Auschwitz oblige?” Cronologie, periodizzazioni, inintelligibilità storica, nel vol. Insegnare Auschwitz. Questioni etiche, storiografiche, educative della deportazione e dello sterminio, a cura di Enzo Traverso, Bollati Boringhieri, Torino 1995, 54.

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione