G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

corruzione

La corruzione ostacola il buon funzionamento e la produttività del settore pubblico come quello privato. Essa, inoltre, alimenta le disuguaglianze e le povertà, incidendo sul benessere e sulla distribuzione della ricchezza, minando le opportunità dei cittadini di partecipare equamente alla vita sociale, economica e politica di un paese. Non solo, questo fenomeno erode la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni indebolendo, in tal modo, i legami sui quali si basa la democrazia. Come riconosciuto da tutti gli organismi internazionali, la crescita economica e la sicurezza nazionale sono dunque messi a repentaglio dai fenomeni corruttivi. A ciò si aggiunga che la corruzione e le ricadute socioeconomiche da essa derivanti aggravano la violenza e la disuguaglianza di genere, in particolare nei contesti più vulnerabili, contribuendo ad alimentare la migrazione irregolare.

La corruzione mette a repentaglio la crescita economica e la sicurezza nazionale 

Partendo da queste considerazioni, si è svolta nei giorni scorsi la seconda riunione del Gruppo di lavoro G7 anticorruzione (Anti-Corruption Working Group del G7/ACWG), a Roma presso la Sala Conferenze Internazionali del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Lanciato quest’anno sotto Presidenza italiana, l’esercizio è stato avviato su indicazione del Vice Presidente del Consiglio, On. Antonio Tajani, per consentire il raggiungimento di obiettivi sempre più ambiziosi e concreti nell’ambito della prevenzione e repressione di ogni forma di corruzione. I lavori hanno consentito un giro di tavolo sulle esperienze e sulle buone prassi in materia di assistenza tecnica anticorruzione sul piano internazionale. Particolare attenzione è stata rivolta ai programmi di coordinamento e supporto all’attività giudiziaria e giurisdizionale a livello internazionale, sviluppati dall’Italia sotto la guida della Farnesina ed attraverso l’Organizzazione Italo Latino Americana/IILA, come l’iniziativa europea EL PACCTO 2.0 e il programma Falcone Borsellino per l’America Latina. Il Gruppo di lavoro anticorruzione del G7 ha incontrato nell’occasione una rappresentanza del tavolo inter-istituzionale di coordinamento anticorruzione, istituito presso la Farnesina dal 2016, con la partecipazione di oltre venti Amministrazioni centrali e organizzazioni della società civile. Nel corso dell’evento, è stata richiamata l’importanza del documento di Alti Princìpi del G7 sull’assistenza tecnica internazionale nel settore dell’anticorruzione, approvato ufficialmente dai Leaders nel Comunicato conclusivo del Vertice di Borgo Egnazia.

La corruzione è spesso collegata con la criminalità organizzata e facilita il riciclaggio di denaro

Diversi sono stati i punti individuati e discussi nel corso dei due incontri (il primo virtuale, si è svolto lo scorso febbraio). Anzitutto, l’osservazione dell’evoluzione dei fenomeni criminali ha fatto emergere che la corruzione è spesso collegata con la criminalità organizzata e facilita il riciclaggio di denaro, ed è uno dei principali fattori che favoriscono la tratta di esseri umani, rendendo necessaria una risposta internazionale coordinata. Il Gruppo ha quindi richiamato l’attenzione della Comunità globale in generale e il G7 a promuovere un approccio multilivello nella lotta alla corruzione attraverso uno studio del fenomeno, che sia anche inclusivo, con il coinvolgimento di tutte le parti interessate, come la società civile, il mondo accademico, gli esperti, i giovani e il settore privato.

Anche il G7 riconosce la corruzione come un problema diffuso che richiede un’azione collettiva

Riconoscendo la corruzione come un problema diffuso che richiede un’azione collettiva, sono stati individuati alcuni pilastri combinati per avviare un percorso condiviso per la promozione dello stato di diritto, dei valori etici e di giustizia. Di particolare importanza l’accento posto sull’educazione alla lotta alla corruzione che dovrebbe essere presa in considerazione in tutti i livelli di istruzione per rafforzare la capacità dei giovani di diventare “leader dell’integrità”. Accanto a questo aspetto, l’auspicio di un sempre più stretto coordinamento tra le organizzazioni che si occupano della crescita armonica dei paesi, tra cui le Nazioni Unite e altre Organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale e l’OCSE. Restano, infine, fondamentali i parametri attraverso i quali la corruzione viene misurata a livello internazionale. In questo senso, occorre sempre più fare riferimento e sviluppare parametri di misurazione oggettivi e non meramente percettivi. La corretta misurazione di un fenomeno infatti rappresenta un percorso necessario e propedeutico affinché possano essere individuate le iniziative correttive e di contrasto utili ad ottenere il più ampio margine possibile di successo. In questo quadro, l’Italia risulta all’avanguardia con il progetto “Misurazione del rischio di corruzione” dell’ANAC che mette a disposizione un set di indicatori, estrapolati da diverse banche dati, per quantificare il rischio che si verifichino eventi corruttivi a livello territoriale. 

La prossima Presidenza canadese proseguirà, nel 2025, le attività anticorruzione nel solco tracciato quest’anno dall’Italia.

*Avv. Angelo Caliendo, Componente del Consiglio Direttivo dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione