Contrasto alla corruzione, Italia fortemente impegnata ma penalizzata da indici percettivi

contrasto alla corruzione

Ben al di là della riforma, l’Italia è una nazione fortemente impegnata nel contrasto alla corruzione, ben più di altri paesi e contrariamente a quanto troppo spesso si tende a rappresentare. L’ultimo rapporto dal titolo “Exporting corruption” pubblicato nel 2022 e rilanciato continuamente sui Social media da Transparency International, definisce l’Italia come Paese che compie sforzi davvero limitati nel contrastare la corruzione. Questa campagna di rappresentazione della nazione merita una riflessione approfondita, ancora una volta, sul tema della misurazione della corruzione, con attenta considerazione delle conseguenze di un rating negativo, per giunta fortemente opinabile, sulla nostra economia.

L’equilibrio tra i poteri alla base del principio di legalità

Nell’ordinamento giuridico moderno i diritti ed i doveri disegnano il nucleo del codice genetico dello stato di diritto. La dicotomia “Diritti-Doveri” si esprime plasticamente nell’equilibrio in cui dette situazioni giuridiche soggettive vivono, nel principio di legalità. Questo principio è però sempre più articolato e si declina attraverso una suddivisione di compiti ed una ricostruzione funzionale, non più definibile esclusivamente con la separazione dei poteri pubblici che si controllano a vicenda, con esecutivo e legislativo in dialettica tra loro e con il potere giudiziario. Beninteso, l’idea che Montesquieu ‒ nel suo Lo Spirito delle Leggi – pose alla base del moderno diritto costituzionale, secondo la quale smembrando il potere si poteva effettivamente garantire la libertà politica e giuridica, poiché ciascun potere sarebbe stato controllato e frenato dagli altri due, rappresenta ancora oggi un modello di grandissimo significato storico e filosofico. Essa è, e resta, la pre-condizione imprescindibile del moderno principio di legalità. Nondimeno, la separazione (o divisione) dei poteri integra, a nostro avviso, soltanto uno dei canoni su cui si erge lo stato di diritto contemporaneo: è difatti innegabile che, per garantire un’effettiva uguaglianza di tutti i soggetti di fronte alla legge, deve essere attribuito un ruolo più importante anche ad altri fattori, aventi natura di impulso e promozione di nuovi fondamentali diritti e di adattamento degli ordinamenti ad una realtà sociale ed economica sempre più dinamica, innovativa e trasformatrice.
Su un piano distinto rispetto a quello strettamente nazionale si impone difatti, in modo inarrestabile, anche la dimensione internazionale degli ordinamenti giuridici. Guardando ab intra, inoltre, è parimenti crescente il riconoscimento di un ruolo cruciale, nel disegno delle regole, anche a forme di partecipazione e controllo dal basso, attraverso un’effettiva e costante condivisione delle esperienze e delle decisioni più importanti ad opera della società civile. La collettività tutta, in questa ottica, è chiamata ad una costante opera di condivisione e compartecipazione attiva, di vigilanza collaborativa.

Un’informazione che consenta un livello di competizione globale basato sulla realtà

Nella dimensione del multilateralismo giuridico, tendente ad una progressiva armonizzazione delle regole, che incide direttamente o mediatamente nella sfera giuridica dei consociati, viene però in rilievo anche la dimensione del dovere: affinché detta nuova architettura dell’ordinamento giuridico e della effettiva declinazione di diritti e doveri sia compiuta, infatti, si pongono come necessarie anche altre pre-condizioni. Tra esse, la più rilevante in assoluto è quella relativa alla informazione, che deve essere il più possibile oggettiva e completa, accessibile e vera, in grado cioè di consentire un livello di competizione globale basato sulla realtà, anziché sulla rappresentazione di essa, così come la formazione di un’opinione pubblica effettivamente consapevole e partecipe. 

L’informazione-rappresentazione-comunicazione di massa è la base della partecipazione, essa è l’architrave della democrazia, è oggetto di uno dei più importanti diritti fondamentali nell’ordinamento giuridico multilivello. La stampa, così come ogni forma di comunicazione di massa, ha pertanto un ruolo ed una responsabilità cruciali in questo contesto. In un ambiente orientato al dominio dell’informazione sulla realtà, la possibilità di incidere negativamente sulla prima, alterando la seconda, offre terreno di facile conquista per una pletora di operatori, i quali non disdegnano, in alcuni casi, di fare della ingegneria reputazionale una vera e propria attività professionale.

L’informazione-rappresentazione-comunicazione di massa è la base della partecipazione democratica

Esempio emblematico del mancato compimento del dovere di informare e del corrispondente livello di mancata attuazione del diritto ad essere correttamente informati è quello relativo alla misurazione del fenomeno corruttivo, sul quale è ormai diffuso a livello globale un ampio dibattito, avviato dall’Eurispes nel 2017. Imputato, in questo specifico contesto, è il metodo di misurazione cosiddetto percettivo, che pretende di attribuire ranking e rating a livello internazionale ai sistemi nazionali, sulla base della percezione di un fenomeno, come quello della corruzione. Recenti studi ed importanti documenti multilaterali negli ultimi anni hanno disvelato, senza appello, la fallacia dell’Indice di percezione. Esso, difatti, cede sul piano della logica alla realtà normativa e fattuale. Nato per il nobile scopo di superare l’omertà insita nel pactum sceleris che caratterizza la corruzione, intesa in senso stretto e proprio, col tempo, l’Indice percettivo ha visto estendersi la sua sfera di operatività con la pretesa di coprire ogni aspetto di cattiva amministrazione. L’effetto distorsivo collegato a suddetto ontologico assunto, corrispondente all’abuso dei ratings asseritamente collegati all’applicazione dell’Indice, ha concorso a penalizzare soprattutto gli ordinamenti più attivi dal punto di vista della reazione alla corruzione in tutte le sue forme (più combatti la corruzione, più la rendi percepibile, come recita il Paradosso di Trocadero). 

L’effetto distorsivo dell’Indice percettivo della corruzione

Dalla distorsione, vieppiù, si è passati infatti al paradosso vero e proprio, quando si sono paragonati ordinamenti dal punto di vista della percezione della corruzione senza tenere conto di quelle che erano le relative caratteristiche istituzionali e di normativa processuale penale. Si allude alle peculiarità ordinamentali che disegnano il nostro ordinamento giuridico, come sistema a tenuta forte nel contrasto alla corruzione: l’autonomia del pubblico ministero, l’indipendenza della magistratura in genere, l’obbligatorietà dell’azione penale, l’assoluta libertà di stampa in ordine alla pubblicazione anche delle notizie di reato fin dalle prime battute dell’indagine. Se si riflette sul fatto che l’Indice di percezione della corruzione è assurto a livello internazionale a parametro di riferimento sulla affidabilità dei paesi e dei loro sistemi giuridici ed economici, si può ben comprendere come il paradosso nell’uso di certe misurazioni possa falsare la comparazione tra ordinamenti. Nell’epoca dello sviluppo sostenibile, dell’ambiente legalmente orientato in un ordinamento giuridico multilivello, del multilateralismo costruttivo, degli sforzi comuni per la creazione di un level playing fieldglobale, della lotta ai paradisi normativi e della promozione di un’armonizzazione minima dei sistemi giuridici penali, se non della globalizzazione stessa del diritto penale, l’Indice di percezione della corruzione è quindi destinato a segnare il passo.

Contrasto alla corruzione, tutelare il diritto di un paese di vedersi correttamente valutato 

Il diritto di un paese di vedersi correttamente valutato e rappresentato deve trovare adeguata tutela, così come il dovere di rappresentare adeguatamente la realtà socio-economica ed istituzionale di interi sistemi nazionali non può restare una mera aspirazione astratta e non verificabile. Una risposta a questa ansia di riduzione delle distanze tra la realtà e la rappresentazione può venire da quelle azioni di armonizzazione normativa ed assistenza tecnica che consentono di migliorare gli standard globali nella prospettiva della sempre maggiore affermazione dei princìpi dello stato di diritto. L’Italia è in questo una nazione guida riconosciuta a livello globale.

 

*Giovanni Tartaglia Polcini, magistrato, consigliere MAECI e componente del Comitato Scientifico dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento