Lotta alla corruzione nello sport sia globale e condivisa

corruzione nello sport

La lotta alla corruzione nello sport è stato il tema portante di “The fight against corruption in sport. The growing role of Research”, webinar che si è svolto a settembre all’interno di una più ampia Sport Integrity Week 2023, promossa dalla Sport Integrity Global Alliance – SIGA. L’incontro, organizzato in collaborazione con l’Istituto Eurispes, ha coinvolto illustri rappresentanti del settore giuridico e sportivo sulla corruzione nello sport, le scommesse illegali e match-fixing.

Lotta alla corruzione: la sfida delle democrazie moderne

Emanuel Macedo De Medeiros, CEO di Sport Integrity Global Alliance è intervenuto in prima battuta con un videomessaggio, nel quale ha definito la corruzione come la grande sfida che coinvolge le democrazie moderne. «La lotta alla corruzione nello sport è un principio fondamentale da portare avanti, la base su cui deve fondarsi la cultura sportiva. La corruzione è un cancro che investe tutti i soggetti, dalle istituzioni agli sportivi, dai club agli enti sportivi. Ma stiamo vincendo questa lotta? Stiamo facendo tutto il possibile a livello legislativo e istituzionale? Purtroppo no, c’è ancora tantissimo da fare, ed è necessario un cambio di passo. Dobbiamo cambiare atteggiamento, lo sport perde credibilità e non possiamo permettercelo. Si tratta di un problema globale con soluzioni globali, per le quali bisogna collaborare e cooperare a tutti i livelli: locale, nazionale, regionale e internazionale». E poi. «Per vincere la guerra contro la corruzione nello sport bisogna vincere la guerra contro la corruzione nelle nostre società, investendo molto di più nella ricerca. Abbiamo la responsabilità ma anche l’opportunità di fare la differenza».

Corruzione nello sport: un approccio olistico per il contrasto

È in seguito intervenuto Stefano Cavanna, Avvocato, esperto di programmi di Capacity Building dell’Unione europea, già membro eletto del Consiglio Superiore della Magistratura, con un’analisi evolutiva del fenomeno e i conseguenti metodi di contrasto che si sono sviluppati dagli anni Settanta ad oggi. Iniziato come un fenomeno legato al doping e all’alterazione del risultato sportivo, la corruzione nello sport negli ultimi quindici/venti anni, si è evoluta in nuove forme che vanno dalla corruzione di funzionari di organizzazioni sportive internazionali, alla criminalità organizzata all’interno degli organismi sportivi, infiltrazioni mafiose, frodi nell’assegnazione di grandi eventi sportivi e nell’acquisizione delle relative infrastrutture, evasione fiscale e altri crimini finanziari. In questo contesto, le partite truccate legate alle scommesse illegali e al riciclaggio di denaro sono diventate fonte di grande preoccupazione, poiché le scommesse online hanno incredibilmente ampliato la capacità dei gruppi criminali di operare attraverso il dark web. Stefano Cavanna ha inoltre evidenziato un grande cambiamento nella lotta alla corruzione nello sport: «Passando al fronte opposto dell’azione di contrasto al dilagare della corruzione nello sport, possiamo osservare un approccio strategico maturato negli ultimi anni, soprattutto in seno al G20. Questa nuova prospettiva consiste nell’adottare un approccio olistico e non focalizzarsi più su singoli aspetti, settori e soggetti potenzialmente interessati dal rischio di corruzione. Fino a non molto tempo fa, invece, l’attenzione era rivolta al limitato ambito di responsabilità dell’organizzazione sportiva, trascurando quindi ogni approccio multi-stakeholder».

Dare la giusta dignità alla “corruzione zero” nell’Agenda delle Nazioni Unite

Nicola Allocca, Presidente del Comitato OCSE per l’integrità delle imprese e la lotta alla corruzione, ha illustrato il manifesto “Zero Corruption” messo a punto da Business at OECD. Se la corruzione è la malattia che impatta sul progresso delle nostre democrazie, è più utile cercare di minimizzarne l’impatto, o di sradicare il male con un vaccino efficace? Partendo da questa domanda, il manifesto sintetizza le 10 regole d’oro nella lotta alla corruzione con azioni basate sulle best practices dell’OCSE.«È un documento che coinvolge più stakeholder e che ha l’ambizione di rompere pregiudizi e barriere culturali. Può essere sostenuto da organizzazioni pubbliche e private, aziende e rappresentanti delle imprese e sarà uno dei principali strumenti per sponsorizzare il 18° SDG. La corruzione è una questione globale trasversale che dobbiamo affrontare insieme per garantire un futuro sostenibile e progressi nelle sfide a lungo termine. Se permettiamo alla corruzione di privare le prossime generazioni di risorse chiave come l’assistenza sanitaria, l’istruzione, gli standard di sicurezza e protezione, il benessere sociale e i diritti ambientali, imporremo un peso intollerabile di disuguaglianza sui nostri figli. Per questa ragione, dobbiamo avere il coraggio di dire che è possibile eliminare la corruzione e dobbiamo dare la giusta dignità alla “corruzione zero” nell’Agenda delle Nazioni Unite, incluso il nuovo 18° SDG».

Le mani della criminalità sul mondo dello sport

In chiusura, l’intervento di Giovanni Tartaglia Polcini, Presidente della SIGA, magistrato, componente del Comitato Scientifico dell’Eurispes, Consulente Giuridico del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, introduce gli strumenti alla base della lotta alla corruzione: ricerca, consapevolezza istituzionale, coinvolgimento e azione concreta. «Lo sport è un fondamento sociale ed economico della nostra società, rappresenta un business da centinaia di miliardi di dollari e proprio per questo è soggetto a corruzione. L’integrità dello sport va assolutamente tutelata e preservata. Scommesse illegali, match-fixing e doping sono i metodi più utilizzati per alterare l’integrità dello sport. Le organizzazioni criminali hanno messo le mani sul mondo dello sport con conseguenze devastanti, le infiltrazioni sono sempre più frequenti e seguono lo stesso schema degli altri settori». Come illustrato da Polcini, gli illeciti legati ad eventi sportivi sono da ricondurre soprattutto a scommesse illegali, partite truccate, doping, appalti pubblici e corruzione nell’assegnazione di grandi eventi pubblici. La nuova area di rischio nello sport è invece radicata nei collegamenti tra sport, criminalità organizzata e riciclaggio di denaro e il relativo impatto in ambito pubblico e privato. L’affacciarsi della criminalità organizzata nello sport è legata a tre ragioni fondamentali: gli enormi interessi economici che ruotano intorno ad esso; il consenso che genera controllo sul territorio; la visibilità che i grandi eventi sportivi hanno su tutti i media a livello nazionale e internazionale. Come si insinuano le mafie nel tessuto economico generato dagli eventi sportivi? Il quadro tracciato da Polcini fornisce esempi quali le attività di vendita di biglietti per eventi sportivi (il cosiddetto bagarinaggio), scommesse illegali e partite truccate, e finanche la gestione di club sportivi e di strutture per lo sport. Anche dall’intervento di Polcini emerge, infine, la necessità di una lotta alla corruzione nello sport che sia globale e condivisa, con standard di integrità universali.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento