Covid e Tg, la quarta ondata non spaventa il prime time

Tg

I Tg dall’ 1 al 5 novembre – Dopo una lunga assenza dai titoli, la pandemia risale velocemente le scalette del prime time, con l’aumento dei contagi anche in Italia che venerdì si impone in prima pagina: 5 le aperture (Tg Rai, Tg5 e TgLa7). Dopo l’annuncio dell’Ema di una quarta ondata con scenari preoccupanti soprattutto in Germania e per i Paesi dell’Est Europa, le testate rilanciano le dichiarazioni comunque rassicuranti del nostro Governo, impegnato per garantire al più presto la terza dose del vaccino. A rasserenare il quadro nazionale contribuiscono i dati del contagio che, come evidenziato giovedì da Tg La7 fin dai titoli, mostrano quanto lo scenario appaia invertito rispetto ai primi mesi della pandemia, con le Regioni del Nord meno esposte al virus, grazie all’estesa opera di vaccinazione e prevenzione che induce perfino i politici tedeschi a tentare di “fare come l’Italia”.

Vertice per l’ambiente di Glasgow: per Tg 1 “ottimi risultati”, per Greta “solo bluff”

L’impennata dei contagi porta in secondo piano il vertice di Glasgow, che domina nella prima parte della settimana (aperture per tutti), con gli interventi di Draghi e gli accordi raggiunti martedì per contrastare la deforestazione, in uno scenario che, tuttavia, non trova ancora tutte le potenze concordi sui tempi per la svolta green. Doppi titoli e lunghi servizi, ad eccezione di Tg4 che invece tratta del meeting solo verso fine edizione e fa suo lo scetticismo del commentatore Guzzanti. Di giudizio opposto l’esperta Roberta Boscolo, che intervistata martedì dal Tg1 definisce come “un successo” gli accordi finora comunicati. Interessante il Dataroom di lunedì di Milena Gabanelli sui ritardi nel processo di conversione verde nel nostro Paese, dovuti per lo più agli avvitamenti burocratici. Sul finire della settimana i riflettori si spostano sulla protesta dei giovani, con Greta Thunberg che venerdì accusa di bluff i leader mondiali, bocciando i risultati finora ottenuti.

L’ombra di Draghi sul percorso verso il Quirinale. Tg 2 glissa sullo scontro Giorgetti-Salvini

Lontana dalle aperture, la politica nostrana appare sotto tono, con pochi spazi dedicati all’approvazione del Ddl sulla concorrenza (titoli, ma nessuna apertura) e nessun particolare approfondimento. Nel commentare uno scenario che vede il Premier ammantato di sempre maggior prestigio a livello internazionale, Mentana (lunedì) riflette su di un confronto politico che “languisce” e che finisce – non potendo influire realmente sui temi oggetto dell’azione del Governo – con il proiettarsi su altro, in primo luogo la corsa al Quirinale. Grande lo spazio destinato a questo tema, con Tg5 che martedì vi dedica la copertina. Se i Tg Mediaset riprendono le parole del Viceministro Giancarlo Giorgetti che, nell’auspicare Draghi al Colle di fatto contrasta l’endorsement dalla Lega per Berlusconi, Tg2 glissa sulle tensioni interne al Carroccio, e giovedì non dedica neanche un titolo al vertice federale convocato da Salvini per ribadire “chi comanda” nel partito.

Leggi anche

Grande spazio sui Tg Mediaset alle tensioni nei 5 Stelle e all’emergere di una nuova forza politica guidata da Di Battista. La maxi operazione che ha portato alla identificazione di oltre 5mila illegittimi beneficiari del “Reddito di cittadinanza” guadagna mercoledì l’apertura di Tg4 e Tg5 e produce servizi che “scaldano” lo scontro politico, non privi, però, di qualche buono spunto d’analisi.

Emergenza profughi, Lamorgese esorta l’Europa

Le operazioni di soccorso nel Mediterraneo, che hanno visto due navi Ong recuperare oltre mille migranti lasciati da Malta in balìa delle onde, riportano nel prime time il tema sbarchi, con Tg4 che vi dedica l’apertura. Spazio fin dai titoli per tutti – cosa rara – anche alle parole del Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, che rivendica con forza un maggior coinvolgimento dei paesi partner nell’accoglienza e distribuzione dei profughi. Buono l’approfondimento del Tg3 sugli oltre 1.200 rifugiati afghani che arriveranno legalmente in Italia attraverso un corridoio umanitario coordinato dalla comunità di Sant’Egidio.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica