Covid e Tg, la quarta ondata non spaventa il prime time

Tg

I Tg dall’ 1 al 5 novembre – Dopo una lunga assenza dai titoli, la pandemia risale velocemente le scalette del prime time, con l’aumento dei contagi anche in Italia che venerdì si impone in prima pagina: 5 le aperture (Tg Rai, Tg5 e TgLa7). Dopo l’annuncio dell’Ema di una quarta ondata con scenari preoccupanti soprattutto in Germania e per i Paesi dell’Est Europa, le testate rilanciano le dichiarazioni comunque rassicuranti del nostro Governo, impegnato per garantire al più presto la terza dose del vaccino. A rasserenare il quadro nazionale contribuiscono i dati del contagio che, come evidenziato giovedì da Tg La7 fin dai titoli, mostrano quanto lo scenario appaia invertito rispetto ai primi mesi della pandemia, con le Regioni del Nord meno esposte al virus, grazie all’estesa opera di vaccinazione e prevenzione che induce perfino i politici tedeschi a tentare di “fare come l’Italia”.

Vertice per l’ambiente di Glasgow: per Tg 1 “ottimi risultati”, per Greta “solo bluff”

L’impennata dei contagi porta in secondo piano il vertice di Glasgow, che domina nella prima parte della settimana (aperture per tutti), con gli interventi di Draghi e gli accordi raggiunti martedì per contrastare la deforestazione, in uno scenario che, tuttavia, non trova ancora tutte le potenze concordi sui tempi per la svolta green. Doppi titoli e lunghi servizi, ad eccezione di Tg4 che invece tratta del meeting solo verso fine edizione e fa suo lo scetticismo del commentatore Guzzanti. Di giudizio opposto l’esperta Roberta Boscolo, che intervistata martedì dal Tg1 definisce come “un successo” gli accordi finora comunicati. Interessante il Dataroom di lunedì di Milena Gabanelli sui ritardi nel processo di conversione verde nel nostro Paese, dovuti per lo più agli avvitamenti burocratici. Sul finire della settimana i riflettori si spostano sulla protesta dei giovani, con Greta Thunberg che venerdì accusa di bluff i leader mondiali, bocciando i risultati finora ottenuti.

L’ombra di Draghi sul percorso verso il Quirinale. Tg 2 glissa sullo scontro Giorgetti-Salvini

Lontana dalle aperture, la politica nostrana appare sotto tono, con pochi spazi dedicati all’approvazione del Ddl sulla concorrenza (titoli, ma nessuna apertura) e nessun particolare approfondimento. Nel commentare uno scenario che vede il Premier ammantato di sempre maggior prestigio a livello internazionale, Mentana (lunedì) riflette su di un confronto politico che “languisce” e che finisce – non potendo influire realmente sui temi oggetto dell’azione del Governo – con il proiettarsi su altro, in primo luogo la corsa al Quirinale. Grande lo spazio destinato a questo tema, con Tg5 che martedì vi dedica la copertina. Se i Tg Mediaset riprendono le parole del Viceministro Giancarlo Giorgetti che, nell’auspicare Draghi al Colle di fatto contrasta l’endorsement dalla Lega per Berlusconi, Tg2 glissa sulle tensioni interne al Carroccio, e giovedì non dedica neanche un titolo al vertice federale convocato da Salvini per ribadire “chi comanda” nel partito.

Leggi anche

Grande spazio sui Tg Mediaset alle tensioni nei 5 Stelle e all’emergere di una nuova forza politica guidata da Di Battista. La maxi operazione che ha portato alla identificazione di oltre 5mila illegittimi beneficiari del “Reddito di cittadinanza” guadagna mercoledì l’apertura di Tg4 e Tg5 e produce servizi che “scaldano” lo scontro politico, non privi, però, di qualche buono spunto d’analisi.

Emergenza profughi, Lamorgese esorta l’Europa

Le operazioni di soccorso nel Mediterraneo, che hanno visto due navi Ong recuperare oltre mille migranti lasciati da Malta in balìa delle onde, riportano nel prime time il tema sbarchi, con Tg4 che vi dedica l’apertura. Spazio fin dai titoli per tutti – cosa rara – anche alle parole del Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, che rivendica con forza un maggior coinvolgimento dei paesi partner nell’accoglienza e distribuzione dei profughi. Buono l’approfondimento del Tg3 sugli oltre 1.200 rifugiati afghani che arriveranno legalmente in Italia attraverso un corridoio umanitario coordinato dalla comunità di Sant’Egidio.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città