Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia

In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro Paese si colloca tra i 12 Stati Membri dell’Ue ad aver già raggiunto l’obiettivo di diffusione e utilizzo al 2020 (17%).

Tra gli obiettivi fissati dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima – PNIEC, presentato dal Ministero dello Sviluppo Economico alla Commissione Europea a gennaio 2019, entro il 2030 il 30% dell’energia consumata in Italia dovrà provenire da fonti rinnovabili.

Green tax per colpire chi inquina

Gli obiettivi fissati vengono accompagnati dall’imponente piano di investimenti approvato dal Parlamento Ue a gennaio 2020, per trasformare l’Europa in un Paese a “impatto climatico zero” entro il 2050.

Nonostante la grande attenzione rivolta all’ambiente ed una crescita sostenibile, sicuramente la pandemia ha ridimensionato la possibilità di impiegare risorse a questo scopo. In questo senso, non sono mancate critiche alla Legge di Bilancio 2021 come quelle sollevate da Legambiente. 

Verso un’energia condivisa?

Negli ultimi anni i princìpi della sharing economy stanno trovando applicazione anche nel settore energetico, con l’obiettivo di contrastare l’inquinamento e i cambiamenti climatici attraverso una ridefinizione del modello di produzione e consumo. A tale fine, è stata prospettata e si sta sviluppando la soluzione dell’autoproduzione attraverso il decentramento di piccoli impianti da fonti rinnovabili, diffusi sul territorio, e collegati da reti intelligenti, che consentono di immettere in rete la produzione di energia in eccesso e di condividerla: in poche parole, una formula di energy sharing, la cui logica è la condivisione di impianti di produzione e distribuzione di energia. Tale formula è già affermata in molti paesi europei, tra i quali è da citare la Germania, dove sono nate cooperative di autoproduzione di energia rinnovabile, i cui soci sono al contempo produttori e consumatori (prosumer).

In Italia, un mercato potenziale di circa 500mila comunità energetiche, consentirebbe un risparmio tra 2 e 6 miliardi di euro l’anno, e una riduzione di anidride carbonica tra 3,6 e 11 milioni di tonnellate (Simulazione Politecnico di Milano).

Tutti in bici. Le piste ciclabili cambieranno le nostre città

La nascita di comunità energetiche

Esempio virtuoso dell’utilizzo dell’energia condivisa è dato dalla Regione Piemonte che, nel 2018, si è dotata di una legge che disciplina l’energy sharing, con l’obiettivo di promuovere l’istituzione di comunità energetiche e di agevolare la produzione e lo scambio di energie provenienti da FER.

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Il 14 giugno 2018, è stato firmato a Strasburgo l’accordo tra Parlamento Europeo e Consiglio Ue per l’abbattimento del 32% di CO2 entro il 2030, che permette, ad ogni produttore di energia elettrica, di aggregarsi e creare una comunità energetica “autonoma” attraverso cui condividere energia. Inoltre, la Direttiva Ue sulle rinnovabili “Red II” (2001/2018), agli articoli 21 e 22, stabilisce che è possibile produrre, accumulare e vendere energia con un modello da “uno a molti” e che, diversi soggetti/utenti, possano unirsi nelle cosiddette “comunità delle rinnovabili”, fondate su autoconsumo e condivisione dell’energia prodotta. Le utilities non avranno più una mera funzione commerciale e cambieranno il loro modello di business: si passerà da un sistema produttivo e distributivo centralizzato, ad uno decentrato, con energia autoprodotta e condivisa.

In Lombardia è stata annunciata ad ottobre 2020 la nascita della prima comunità energetica rinnovabile di Sorgenia. La società, uno dei principali operatori del mercato elettrico nazionale, ha lanciato un’iniziativa dedicata alle nuove forme di generazione distribuita intelligente. Il progetto partirà dai comuni di Turano Lodigiano e Bertonico con la presenza di cinque impianti fotovoltaici integrati

Clima, Occidente addio. Economie e stili di vita: occorre una rivoluzione copernicana

A Tirano, in provincia di Sondrio, il comune è alimentato al 100% da fonti pulite, tra fotovoltaico e biomasse, e mira a diventare la prima comunità energetica del territorio.

Il progetto Green Energy Community dell’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile mira, invece, ad aumentare la sostenibilità e generare un ciclo economico a basse emissioni di carbonio nel distretto di Pilastro-Roveri a Bologna. I cittadini e le 900 aziende del quartiere otterranno la riduzione delle tariffe grazie a una combinazione di fonti rinnovabili, generazione distribuita, stoccaggio di energia e ottimizzazione dei consumi.

Questi sono solo alcuni degli esempi a dimostrazione di come la diffusione dell’utilizzo di energia pulita non comporti solo un miglioramento dell’ambiente e dei luoghi nei quali viviamo, ma anche un notevole risparmio economico per gli utenti consumatori.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra