Modello Friuli Venezia Giulia per un sistema di lavoro efficiente: superati gli obiettivi del PNRR

Friuli Venezia Giulia

I risultati delle politiche attive del lavoro promosse dalla Regione Friuli Venezia Giulia in questi anni parlano chiaro: gli obiettivi posti dal PNRR a livello europeo e a livello nazionale riguardo all’inserimento dei cittadini nel programma GOL, sulla garanzia di occupabilità dei lavoratori, a fine 2022 sono stati ampiamente superati consentendo di segnalare il Friuli Venezia Giulia come la prima regione italiana, seguita nell’ordine, dai buoni risultati conseguiti dalla Sardegna e dall’Umbria. In Friuli VG ben 22.856 cittadini sono stati coinvolti  nelle politiche attive del lavoro collegate al PNRR (al 9/01/2023) rispetto al target indicato a livello europeo (4.980 cittadini) e nazionale (9.780). Se guardiamo alle percentuali nel 2022 la Regione Friuli VG ha superato di gran lunga le indicazioni europee per un valore pari al 458,9% e quelle nazionali per il 233,7%. I dati sono stati presentati ufficialmente dall’ANPAL e dall’Osservatorio regionale sul mercato del lavoro nella conferenza annuale promossa il 7 febbraio 2023 dall’assessore regionale Alessia Rosolen a Trieste, dal titolo molto significativo e stimolante: “Oltre il mercato: il sistema lavoro in Friuli Venezia Giulia. Servizi, imprese e formazione per un’occupazione di qualità”.

La Regione Friuli Venezia Giulia ha superato di gran lunga le indicazioni europee per un valore pari al 458,9%

Gli ottimi risultati conseguiti dalla Regione non sono legati tanto a una favorevole e temporanea congiuntura, bensì sono stati raggiunti in base ad uno specifico modo di interpretare e praticare le politiche attive del lavoro da parte della Regione al punto da far riconoscere che, con questa esperienza, si è di fronte ad un vero e proprio “modello Friuli Venezia Giulia”. Gli elementi che lo caratterizzano sono sostanzialmente due. Il primo è costituito dall’approccio omnicomprensivo ai processi che regolano il mercato del lavoro, il quale è visto certo come il luogo fondamentale dell’incontro tra la domanda e l’offerta di occupazione, ma anche – potremmo dire soprattutto – come la realtà in cui vengono a confluire i principali processi di cambiamento in atto nella società, compresi quelli collegati ad esempio alle transizioni verde e digitale, ben individuate nei documenti europei e nazionali. Per assicurare adeguati livelli di efficienza del mercato del lavoro diventa quindi più utile parlare di “sistema lavoro”, come nel titolo della conferenza, e valutare attentamente l’impatto di fenomeni come le disuguaglianze e le precarietà sociali, le condizioni di vita delle famiglie e di aspirazioni ed esigenze che maturano al loro interno, l’adeguatezza dei patrimoni conoscitivi e delle competenze fornite dall’istruzione e dalla formazione professionale, la capacità di risposta in termini di efficienza da parte dei servizi pubblici ai bisogni economici, individuali e collettivi.

Direzione unica regionale in materia di lavoro, formazione, istruzione e famiglia

«Oltre a una transizione digitale e ambientale – ha spiegato con chiarezza l’assessore regionale al lavoro, Alessia Rosolen, nel suo intervento alla conferenza di Trieste – stiamo vivendo una vera e propria transizione sociale». Per questa ragione, ha aggiunto, dobbiamo partire «dai temi dell’istruzione e della formazione, che devono interfacciarsi con le reali necessità delle imprese, per arrivare fino al sistema dei servizi sociali». Un approccio che trova una corrispondenza operativa anche nell’accorpamento in un’unica direzione regionale delle competenze dell’assessorato in materia di lavoro, formazione, istruzione e famiglia. Da aggiungere che questa impostazione ai problemi del lavoro in un certo senso riprende, fa propria ed applica gli orientamenti affermati da tempo nell’ambito della rete europea dei Servizi per l’Impiego (PES) secondo i quali, in questa fase di profondi cambiamenti, le strutture pubbliche devono operare contemporaneamente come porte d’ingresso a un nuovo welfare che è insieme lavorativo e sociale. Nello specifico della realtà regionale del Friuli Venezia Giulia, ad esempio, soltanto un approccio collegato ad una operatività orientata dalla “transizione sociale” può aiutare i responsabili delle decisioni a gestire al meglio anche il fenomeno delle “grandi dimissioni volontarie” che si registra nel mercato del lavoro della regione (trend di crescita pari a +14,6% tra gli occupati nel 2022) – un fenomeno che rende difficile a molte imprese mantenere o trovare il personale di cui necessitano con i danni che ne conseguono.

Friuli Venezia Giulia, una sinergia dei principali attori pubblici e privati dello sviluppo regionale e nazionale

Il secondo elemento originale del modello Friuli VG riguarda innanzitutto la governance  del sistema, che risulta inclusiva e partecipativa, in grado di raccogliere il contributo dei principali attori pubblici e privati dello sviluppo regionale e nazionale. Nella presentazione  degli ottimi risultati del sistema del lavoro regionale è emerso il grande valore dello stretto coordinamento con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), una esperienza che è condivisa con le altre regioni italiane. Ma il vero valore aggiunto creato in Friuli Venezia Giulia riguarda la “centralità dei Centri per l’Impiego”, espressamente riconosciuta dall’assessore al lavoro, i quali sono oggetto di numerose iniziative finalizzate a potenziarne i compiti, le responsabilità, il grado di efficienza. Ad esempio, come ha spiegato la dirigente dell’Osservatorio regionale del mercato del lavoro, Francesca Pedron con riferimento al programma GOL e all’attuazione del PNRR, «qui tutta la procedura, a differenza di altre regioni d’Italia, viene gestita direttamente dai Centri per l’impiego, dalla presa in carico all’inserimento delle persone nel sistema». Tali centri diventano, dunque, il fulcro delle politiche attive del lavoro, componente strutturale di una catena che collega in modo organico tra loro le diverse funzioni: dalla raccolta dei dati e delle informazioni alla loro diffusione esterna, dall’organizzazione degli interventi al monitoraggio dei risultati, dalla programmazione delle politiche alle previsioni e definizione delle possibili prospettive di sviluppo. La rivoluzione digitale in atto, che ha aperto la possibilità di diffondere l’uso di Big Data e di condivisi algoritmi di Intelligenza Artificiale nei servizi pubblici per il lavoro, rende attualmente possibile compiere un ulteriore passo in avanti per una grande qualificazione di tutto il sistema pubblico. Le verifiche condotte in ambito europeo, ad esempio da una delle più importanti reti di istituti ed esperti di monitoraggio dei mercati del lavoro regionali, la Rete ENRLMM, confermano il valore di questa grande possibilità/opportunità.   

*Marco Ricceri, Segretario generale dell’Eurispes.

ALLEGATI
2023_Politiche.Famiglia_Regione.FVG_Marzinotto
2023ConvegnoLavoro_Relazione_F.Pedron
2023ConvegnoLavoro_Relazione_C.Corvino
2023_ConvegnoLavoro_Relazione_L.Meneguzzo

Leggi anche

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità