L’Italia disunita ha urgente bisogno di riforme: a colloquio con Sabino Cassese

sabino cassese

Sabino Cassese, docente presso la School of Government della Luiss, giudice costituzionale, Ministro della Funzione pubblica nel governo Ciampi nonché autore del recente saggio Amministrare la nazione (edito nel 2023 da Mondadori) prende in esame le incognite della prossima stagione di riforme in Italia. Oltre al nodo della Pubblica amministrazione, cruciale per attuare i piani di governo, nell’intervista il Prof. Cassese esamina in qualità di giurista i nodi costituzionali riguardanti stabilità dell’esecutivo, autonomie regionali, partecipazione politica e società. Sferzante ed efficace l’immagine che restituisce della Pubblica amministrazione in Italia, fatta di “ottimi orchestrali”, dove però “manca il direttore d’orchestra”.

Professor Cassese, l’originale immagine che utilizza nel pamphlet per fotografare l’attualità coglie una dialettica conflittuale tra i poteri dello Stato, che è poi il primo ostacolo delle riforme. Possiamo spiegarla in termini comprensibili?

Semplificando molto direi che il prisma ha molte facce, così pure la società e lo Stato italiano, progrediti per un verso, arretrati per un altro, all’avanguardia in alcuni campi, in retroguardia in altri. Siamo “antichi” e moderni allo stesso tempo, sostanziati da un’ambivalenza che rende difficile interventi e valutazioni.

Questa doppia faccia è attualmente incarnata dalle spinte autonomiste e dalla tensione verso il presidenzialismo, progetti confliggenti, che la maggioranza di governo sembra intenzionata a portare avanti. Modificare la Costituzione presenta dei rischi sul piano degli equilibri democratici?

Le due tendenze non sono incompatibili l’una con l’altra. L’una risponde al bisogno di continuità dell’esecutivo. Occorre non dimenticare che abbiamo avuto 68 governi diversi in 75 anni di storia repubblicana. L’altra risponde al bisogno di autonomia: occorre non dimenticare che fin dall’unità d’Italia sono stati avanzati progetti regionalistici, che i costituenti speravano che l’autonomia regionale potesse dare al Paese quel pluralismo che non aveva avuto, che le regioni hanno atteso poi 22 anni per essere concretamente realizzate, che un’esperienza di metà secolo, a partire dal 1970, richiede, da un lato, un check-up, dall’altro un avanzamento per restare in vita, e questo potrebbe richiedere anche un ridisegno delle regioni esistenti.

Sono passati trent’anni dal decreto legislativo di riforma della PA che porta il suo nome. In questo lungo arco di tempo sono stati molteplici gli interventi finalizzati al superamento delle croniche disfunzioni dello Stato. Ci sono le condizioni per sperare in un cambio di passo?

Ogni disegno di modernizzazione dello Stato e della Pubblica amministrazione parte della necessità di un’effettiva “industrializzazione” di reti e apparati. Occorre ridefinire i processi di decisione, calcolare i tempi, facendoli rispettare, premiare i migliori. Tutto questo non solo nella burocrazia, ma anche nella giustizia. Abbiamo ottimi orchestrali, ma manca il direttore d’orchestra e questa assenza si fa sentire quasi dovunque.

Sarà l’anno dell’autonomia differenziata, ha annunciato Salvini. Leggendo il suo saggio balza, però, agli occhi la perdurante “disunità ” della Penisola. Quali sono le ragioni di questa frammentazione che da sempre segna la storia d’Italia?

Il Mezzogiorno di oggi non è più il Mezzogiorno di ieri, nel senso che ha fatto progressi. Tuttavia, il divario è rimasto, perché il Nord è andato più veloce del Sud. L’impegno meridionalistico della nazione, nel corso di un secolo e mezzo dall’Unità, ha avuto fasi alterne e questa assenza di continuità ha prodotto l’attuale situazione. Basti ricordare che la distanza tra Roma e Milano è all’incirca quella che c’è tra Roma e Cosenza e che per andare da Roma a Cosenza occorre il doppio delle ore necessarie per andare a Milano.

Le ragioni del divario sono molteplici. Quando si è tentato di porre rimedio, i risultati sono sempre stati inferiori alle attese. Si tratta della manifestazione di un ennesimo deficit delle nostre classi dirigenti?

Occorre abbandonare l’ottica causa-effetto e seguire l’insegnamento di Bertrand Russell, valutando le molte concause. Tra queste, metterei al primo posto il fattore antropologico e culturale, la prevalenza di una cultura di stampo idealistico invece che empiristico, la stessa mancata industrializzazione del Sud, che ha attivato il circolo vizioso della meridionalizzazione dello Stato e ha impedito il formarsi di una mentalità industriale, insieme alla diffusione dello “scientific management” e del taylorismo nel nostro Mezzogiorno.

“Lo Stato oggi appare distante da un individuo anomico e asociale”: la sua è una denuncia dai toni gravi, perché articolata da un costituzionalista. Cosa bisogna fare per ridare fiato alla partecipazione democratica, facendo crescere individui consapevoli e maturi?

Tutto parte dal grado di scolarizzazione della nostra società, quindi dal livello culturale e intellettuale di giovani e anziani. Siamo agli ultimi posti in Europa e molto lontani da paesi come il Giappone la Corea. Inoltre, i grandi formatori dell’opinione pubblica, gli strumenti essenziali per mantenere un rapporto tra società e Stato, cioè i partiti, sono oramai scomparsi, al punto tale che l’unica forza politica presente in Parlamento che conserva la parola partito nella propria denominazione appare sul punto di abbandonarla. C’è, poi, il grande divario tra partecipazione politica passiva e partecipazione politica attiva. La prima coinvolge il 70% delle persone con più di 14 anni, la seconda soltanto l’8%. Vuol dire che c’è un enorme spazio che si potrebbe coprire, ma l’assenza dei partiti nella società non riesce a colmare questo grave gap. Questo produce incapacità delle forze politiche di prospettare il futuro, di fare programmi, di cogliere le esigenze fondamentali della società, che riguardano la sanità, la scuola e la protezione sociale, proponendo piattaforme. Bisogna, per dirla in sintesi, andare oltre gli epifenomeni, per provare finalmente ad affrontare i problemi di fondo che condizionano la quotidianità.

Leggi anche

Ultime notizie
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità
insularità
Intervista

Il diritto costituzionale all’insularità: intervista al Prof. Tommaso Edoardo Frosini

Il professor Tommaso Edoardo Frosini, Ordinario di diritto pubblico comparato nell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, evidenzia le attinenze tra diritto costituzionale all'insularità e uguaglianza, così come sancito dalla nostra Costituzione, e individua trasporti e digitale come i settori nei quali investire per le isole.
di redazione
insularità
medici
Sanità

Sanità a rischio, pesa la carenza di medici e l’assenza di chirurghi

Sanità a rischio: dalla carenza di medici all’assenza di chirurghi. Questo sarà il prossimo futuro senza una programmazione “a monte”, e l’aumento dei posti in Scuola di Specializzazione non è sufficiente a risolvere la carenza di personale medico.
di ROCCO LEGGIERI*
medici
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Diritto

L’algoritmo d’oro e la torre di Babele

“L’algoritmo d’oro e la torre di Babele” di Caterina e Giovanni Maria Flick è un saggio sugli effetti della tecnologia sulla nostra civiltà, con un invito alla conservazione dell’umano e alla sua conciliazione con il progresso tecnologico.
di Ilaria tirelli
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Istruzione

Scuola, più fondi e voglia di futuro: intervista a Ivana Calabrese

Nell’àmbito del Secondo Rapporto su Scuola e Università dell’Eurispes, dialoghiamo con Ivana Calabrese di Ashoka sul tema dell’Istruzione in Italia, ma innanzitutto sul futuro di una istituzione che passa attraverso docenti capaci e fondi per l’innovazione.
di Massimiliano Cannata
Fisco

La Riforma della riscossione, nuovi criteri per decongestionare i debiti non riscuotibili

La recente Riforma fiscale introduce il “discarico automatico” dei ruoli dopo 5 anni dall’affidamento. Lo scopo principale del provvedimento è risolvere il problema all’accumulo dei debiti fiscali in mancanza di cancellazione delle posizioni non più riscuotibili.
di giovambattista palumbo
insularità
Intervista

Insularità, cruciale la sentenza della Corte costituzionale: intervista al Prof. Gaetano Armao

A un anno dall’introduzione nell’art. 119 del principio di insularità, tracciamo un bilancio sui risultati e sulle lacune nell’intervista al Prof. Gaetano Armao. Sarà cruciale la prossima sentenza della Corte costituzionale rispetto a risorse e provvedimenti finora inefficaci e insufficienti.
di redazione
insularità