La perdurante crisi dello Zimbabwe

Zimbabwe

Nel 2022, il tasso d’inflazione in Zimbabwe ha raggiunto e superato il 200% segnando uno dei momenti di maggiore gravità della recente crisi economica e sociale che caratterizza il Paese dell’Africa australe. Pur essendo distanti dai livelli raggiunti negli anni dell’iperinflazione (2007-2008), la perdurante precarietà finanziaria rappresenta un elemento in grado di alimentare l’instabilità politica e sociale (locale e regionale) nell’anno delle elezioni Presidenziali.

Instabilità economica in Zimbabwe

Considerando esclusivamente i dati relativi all’ultimo triennio (2020-2022), emerge che le crisi dovute alla pandemia da Covid-19 ed al conflitto in Ucraina hanno avuto un impatto elevato sul già precario quadro economico-finanziario della capitale Harare. Quadro aggravato dai cambiamenti climatici sempre più lunghi e intensi periodi di siccità, con conseguenze negative sul comparto agricolo; dall’instabilità delle forniture di energia elettrica (frequenti blackout, con danni al comparto industriale); un progressivo incremento dei tassi d’inflazione che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede possano tornare a parametri inferiori al 10% non prima del 2027 (al netto di ulteriori shock economici).

Complessivamente, ad oggi, 7,9 milioni di abitanti dello Zimbabwe, circa metà della popolazione, vive in stato di povertà estrema.

Osservando i dati riportati dal FMI, ad esempio riguardo il Prodotto interno lordo, l’economia dello Zimbabwe negli ultimi vent’anni è stata caratterizzata da un andamento sinusoidale, ovvero, a drastiche contrazioni, come nel 2008 (-16,3%) e 2019 (-6,1%), sono corrisposti notevoli picchi di crescita (+19,7% nel 2010 e +7,2% nel 2021).

L’andamento dell’inflazione

Un ulteriore parametro che risulta fondamentale per comprendere le radici dell’attuale crisi economica è quello dell’inflazione. Se nel decennio 2009-2019, l’inflazione ha avuto tassi tutto sommato contenuti, nel 2020 questa ha raggiunto il picco del 557,2%, attestandosi al 98,5% nel 2021 ed al 284,9% nel 2022. Parallelamente, ai ciclici fenomeni di iperinflazione, il Paese deve fronteggiare ripetute svalutazioni monetarie. Nel mese di dicembre 2022, il tasso di cambio tra dollaro statunitense e dollaro dello Zimbabwe era in rapporto di 1 a 930. Un dato quest’ultimo, che, secondo numerosi analisti economici, potrebbe aggravarsi ulteriormente nel 2023.

Dal 2009 al 2019, la Banca centrale dello Zimbabwe ha implementato un sistema monetario fondato su più valute. Nel 2019, però, per far fronte all’aggravarsi della crisi, le autorità hanno deciso la transizione ad un sistema con un’unica valuta, il dollaro dello Zimbabwe, che ha subito un rapido deprezzamento ed ha contribuito al picco d’inflazione registrato nel 2020 ed allo sviluppo di un mercato parallelo in cui è impiegato il dollaro statunitense, con un tasso di cambio differente rispetto a quello ufficiale.

Gli economisti concordano che la progressiva svalutazione della moneta locale è riconducibile anche alla necessità della Banca Centrale dello Zimbabwe di stampare crescenti quantità di valuta per far fronte alle spese sostenute dallo Stato: obbligazioni contrattuali, finanziamenti per l’agricoltura (compresi i fondi a sostegno delle imprese impattate dalle siccità), per le industrie e il comparto estrattivo. Tuttavia, l’assenza di politiche di lungo periodo in grado di garantire una stabilità macroeconomica, alimenta un eccessivo bisogno di valuta da parte dello Stato, che mina alla base la stabilità economica del Paese.

Instabilità sociale in Zimbabwe

Le negative performance di Harare dal punto di vista economico sono, come già evidenziato, in parte dettate da criticità strutturali (inflazione e svalutazione), ma alimentate anche da fattori esterni, come la crisi energetica regionale e la guerra in Ucraina.

Lo Zimbabwe soddisfa gran parte del proprio fabbisogno energetico tramite l’importazione di energia elettrica dai Paesi confinanti: Sudafrica, Zambia e Mozambico. Tuttavia, la grave crisi energetica che sta interessando i sistemi di produzione e distribuzione di elettricità in Sudafrica e la riduzione dei livelli di produzione delle centrali idroelettriche in Zambia e Mozambico stanno avendo un impatto negativo anche sullo Zimbabwe, con blackout giornalieri che possono perdurare sino a venti ore.

Altra dinamica, che sta avendo gravi conseguenze sul comparto agricolo, è quella legata al conflitto in corso in Ucraina. Prima del conflitto, Harare era uno dei maggiori importatori di fertilizzante ucraino, i cui prezzi oggi sono però sostanzialmente raddoppiati, passando da $28 a $55 ogni cinquanta chilogrammi.

Il combinato di questi elementi, crisi economica, inflazione, svalutazione, crisi energetica e del comparto agricolo, ha tra le sue conseguenze più evidenti l’incremento del costo beni di prima necessità, compresi generi alimentari e carburanti, le frequenti interruzioni nell’erogazione dei servizi amministrativi e burocratici da parte dello Stato per mancanza di fondi e l’accumulo di ritardi nei pagamenti degli stipendi dei dipendenti statali, compresi quelli dei docenti scolastici.

Quali prospettive politiche?

In questo clima di precarietà economica e sociale, in cui si susseguono scioperi e manifestazioni di protesta da parte di associazioni di categoria e sindacati, nell’estate 2023 si terranno le elezioni presidenziali. L’attuale Presidente, Emmerson Mnangagwa, succeduto nel 2017 a Robert Mugabe, e capo del partito di governo Zimbabwe African National Union-Patriotic Front (ZANU-PF), potrebbe essere rieletto alla guida del Paese, ma con un consenso inferiore rispetto a quanto registrato in passato. Il nuovo aggravamento delle condizioni di vita della popolazione e la postura autoritaria nei confronti delle forme di opposizione politica, i cui spazi nel dibattito pubblico risultano ridotti, potrebbero erodere parte dell’ampio consenso popolare di cui gode lo ZANU-PF.

L’appuntamento elettorale dello Zimbabwe, data l’interdipendenza tra i vari Paesi dell’Africa australe, ha una rilevanza regionale. In primo luogo, la tornata elettorale potrebbe catalizzare il malcontento relativo alle pendenti questioni socioeconomiche. L’eventuale deterioramento della stabilità politica potrebbe sfociare in violenti moti di protesta, cui il Paese non è nuovo. Eventuali proteste potrebbero essere supportate, ed anche emulate, dalla popolazione di paesi limitrofi, come il Sudafrica ed il Malawi, il cui malcontento è causato da problematiche similari, crisi energetica, economica ed alimentare. In secondo luogo, ed in virtù del legame storico presente tra Zimbabwe e Sudafrica, il risultato che lo ZANU-PF otterrà alle elezioni dell’estate 2023 potrebbe fornire interessanti indicazioni sulla futura performance del suo corrispettivo sudafricano, il partito di governo African National Congress (ANC). Come lo ZANU-PF, l’ANC si trova oggi a fronteggiare una crisi socio-economica multidimensionale ed una costante contrazione del proprio consenso popolare. Una gestione democratica e pacifica del processo elettorale e dei suoi risultati, in Zimbabwe, impatterebbe quindi positivamente il contesto regionale. Di contro, un aggravamento degli scontri politici ed un irrigidimento dello ZANU-PF prefigurerebbe un aumento delle tensioni sociali al livello regionale.

In conclusione, la crisi economica dello Zimbabwe è oggi una delle più gravi del Continente. Questa crisi è al contempo frutto di scelte politiche passate e motore dei prossimi risultati elettorali, il cui esito potrebbe influenzare il futuro economico e politico della regione.

 

*Emanuele Oddi, analista, ricercatore dell’Eurispes.

 

 

Ultime notizie
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità
insularità
Intervista

Il diritto costituzionale all’insularità: intervista al Prof. Tommaso Edoardo Frosini

Il professor Tommaso Edoardo Frosini, Ordinario di diritto pubblico comparato nell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, evidenzia le attinenze tra diritto costituzionale all'insularità e uguaglianza, così come sancito dalla nostra Costituzione, e individua trasporti e digitale come i settori nei quali investire per le isole.
di redazione
insularità
medici
Sanità

Sanità a rischio, pesa la carenza di medici e l’assenza di chirurghi

Sanità a rischio: dalla carenza di medici all’assenza di chirurghi. Questo sarà il prossimo futuro senza una programmazione “a monte”, e l’aumento dei posti in Scuola di Specializzazione non è sufficiente a risolvere la carenza di personale medico.
di ROCCO LEGGIERI*
medici
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Diritto

L’algoritmo d’oro e la torre di Babele

“L’algoritmo d’oro e la torre di Babele” di Caterina e Giovanni Maria Flick è un saggio sugli effetti della tecnologia sulla nostra civiltà, con un invito alla conservazione dell’umano e alla sua conciliazione con il progresso tecnologico.
di Ilaria tirelli
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Istruzione

Scuola, più fondi e voglia di futuro: intervista a Ivana Calabrese

Nell’àmbito del Secondo Rapporto su Scuola e Università dell’Eurispes, dialoghiamo con Ivana Calabrese di Ashoka sul tema dell’Istruzione in Italia, ma innanzitutto sul futuro di una istituzione che passa attraverso docenti capaci e fondi per l’innovazione.
di Massimiliano Cannata
Fisco

La Riforma della riscossione, nuovi criteri per decongestionare i debiti non riscuotibili

La recente Riforma fiscale introduce il “discarico automatico” dei ruoli dopo 5 anni dall’affidamento. Lo scopo principale del provvedimento è risolvere il problema all’accumulo dei debiti fiscali in mancanza di cancellazione delle posizioni non più riscuotibili.
di giovambattista palumbo
insularità
Intervista

Insularità, cruciale la sentenza della Corte costituzionale: intervista al Prof. Gaetano Armao

A un anno dall’introduzione nell’art. 119 del principio di insularità, tracciamo un bilancio sui risultati e sulle lacune nell’intervista al Prof. Gaetano Armao. Sarà cruciale la prossima sentenza della Corte costituzionale rispetto a risorse e provvedimenti finora inefficaci e insufficienti.
di redazione
insularità