La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

giustizia riparativa

Della giustizia, se tale è, si dica quel che si dica, non si può ammettere alcuna forma di duplicità. Al massimo, come tra i primi aveva fatto Aristotele, se ne possono distinguere e definire le forme. Si darebbero, allora, una giustizia di tipo geometrico o distributiva e una di tipo aritmetico o compensativa. È soprattutto a questa seconda fattispecie di giustizia che si rivolgono le riflessioni dell’uomo della strada, quando, pensando alla giustizia e alla spettrale solennità di un’aula di tribunale, ragiona matematicamente sull’entità di un reato e sulla “giusta” punizione da comminare a chi ne verrà riconosciuto colpevole. In occasioni simili può accadere di scoprirsi pessimi matematici, tentando di far quadrare i conti a qualsiasi costo e diventando colpevolisti o innocentisti senza mezze misure, perché convinti, a torto, che la giustizia sia inflessibile e intransigente per natura. Questa è la giustizia che sanziona e risarcisce e non quella che ripara. La giustizia che castiga il torto, illudendosi di “premiare”, attraverso la sanzione comminata a terzi, chi lo ha subito. Diversa è la giustizia riparativa, il cui modello, di provenienza anglosassone (il pensiero corre alle restorative city di Hull e Leeds), inizia a diffondersi anche in Italia.

Una storia nobile e recente

Quella della giustizia riparativa è una storia che in gran parte deve essere ancora scritta, perché le sue origini sono piuttosto recenti. Chi volesse raccontarla, difficilmente potrebbe prescindere dal luogo in cui tutto probabilmente ha avuto origine. E precisamente in quella che, sino allo scoppio della I guerra mondiale, era la Berlin canadese, poi ribattezzata Kitchener in memoria di un militare britannico, diventato segretario di Stato, che aveva combattuto contro i tedeschi nella Grande guerra. Nei primi anni ‘70, in questa località dei grandi laghi, due educatori ebbero l’idea di proporre una soluzione diversa dalla classica punizione per una serie di atti di teppismo compiuti da due adolescenti ai danni delle abitazioni di diversi loro concittadini. Non vennero “puniti”, ma inseriti in un programma di incontri con le famiglie alle cui proprietà avevano recato danno, in modo che, insieme, vittime e trasgressori, trovassero la soluzione – la “giusta” e concordata misura, si potrebbe dire – per riparare e restaurare il rapporto di fiducia che era venuto meno. La soluzione allora escogitata fu quella di prestazioni di lavoro concordate in misura tale da assicurare l’impegno riparatore dei due ragazzi. Fu un esperimento, e come tale viene oggi ricordato. Le prime incoraggianti applicazioni di questi principi si ebbero nel campo della giustizia penale applicata su minori. Date le origini, i suoi primi sviluppi si sono avuti proprio nel mondo anglosassone.

Dentro il meccanismo della giustizia riparativa

La giustizia riparativa vuole essere un approccio che concepisce il reato tanto come un danno subito da una o più persone, quanto come l’allentamento o divisione relazionale che il reato in questione ha provocato all’interno di una comunità. Come spiegano gli esperti di Reparative Justice, la frattura può essere mitigata, “compresa”, in un certo senso contenuta e, nel migliore dei casi, anche ricomposta. Delle fratture restano sempre le cicatrici, si potrà dire, ma queste, si potrebbe aggiungere, sono sempre il ricordo di qualcosa che non è più e che in qualche misura è stato superato. Le “cicatrici” impediscono una definitiva cancellazione della memoria del misfatto, e questo può essere un bene, perché “riparare” non vuol dire “cancellare” o manomettere la memoria del passato. Come si procede, allora? Qual è la prassi da seguire? Innanzitutto, si inizia con il tessere delle strategie (momenti di confronto, studio, conoscenza del problema) che coinvolgono le diverse parti in causa, tutte portatrici, in misura diversa, di bisogni e aspettative. Gli attori principali di questo contesto sono la vittima, l’autore del reato e la comunità. La giustizia riparativa quasi esige che il ruolo di quest’ultima non sia quello di una comparsa. Anzi, come possono rivelare diverse esperienze virtuose di giustizia riparativa (e tra poche righe si farà menzione di una di queste) il ruolo della comunità di riferimento, se coinvolgibile e ben coinvolta, diventa di fondamentale importanza.

Nuove coordinate e nuovi orizzonti

Ma in che cosa consiste la grande novità della giustizia riparativa? La risposta che seguirà è indice delle difficoltà che la sua piena e rapida applicazione inevitabilmente incontrerà, perché se è vero che molti passi in avanti sono stati fatti, la strada da percorrere non appare affatto in discesa. Si tratterebbe, come ha chiarito Zagrebelsky, di «modificare profondamente le coordinate con le quali concepiamo il crimine e il criminale: da fatto solitario a fatto sociale; da individuo rigettato dalla società a individuo che ne fa pur sempre parte, pur rappresentandone il lato d’un rapporto patologico».[1] La speranza non nascosta dall’ex presidente della Corte Costituzionale è che i successi della giustizia riparativa riducano sempre di più il numero di persone che finiscono in carcere. La direzione di queste coordinate è nota, i precedenti non mancano, e questo vale anche per la letteratura scientifica – forense e psicologica – che studia la materia.

Un laboratorio sperimentale nel nord Sardegna

L’Italia non intende restare a guardare quello che si fa altrove. Lo testimonia la vivacità del dibattito in corso, determinata anche da un’urgenza che non ammette deroghe. La legge n.134/2021 di riforma del processo penale definisce le linee che dovranno essere seguite nel nostro Paese per introdurre la giustizia riparativa, dando delega al governo per disciplinarne l’attuazione. Il dibattito non è solo politico e nemmeno circoscritto al mondo giuridico, e questa, se vogliamo, è una fortuna. Ci sono settori dell’associazionismo che studiano la giustizia riparativa e Università – quella di Sassari, ad esempio – che hanno dato vita a laboratori sperimentali. Lo ha constatato di recente anche la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, che proprio nel capoluogo sardo ha inaugurato lo scorso 23 giugno l’XI Conferenza mondiale sulla giustizia riparativa.

La scelta dell’Italia vale come un riconoscimento per la qualità di un processo in corso; l’avere, invece, individuato la Sardegna come luogo della conferenza è forse ancor più significativo. È nell’isola che si trova Tempio Pausania, la prima città e comunità riparativa d’Italia. In questo centro di poco meno di 15mila abitanti della Gallura interna s’impiantarono i primi semi di un progetto di lunga durata che avrebbe dovuto ricomporre il rapporto tra la comunità e il nuovo carcere. Pensato e costruito per ospitare persone che avevano commesso reati di stampo mafioso, da molti visto come una risorsa economica da far fruttare e da altri come una iattura che avrebbe compromesso l’immagine della città, il carcere diventò subito un argomento capace di dividere l’opinione pubblica, parte della quale si dichiarò (siamo nel 2014) preoccupata per la possibile influenza che il contatto con i parenti dei detenuti avrebbe potuto avere sulla città. E così un team di ricercatori e studiosi dell’Università di Sassari, guidati dalla professoressa Patrizia Patrizi, decise di scommettere su Tempio, avviando un progetto che è ancora in corso e che ha coinvolto un numero crescente di soggetti. Un progetto che viene ora presentato come un modello per ispirare altre città del Paese.

Giustizia ripartiva, cui prodest?

La giustizia riparativa non è un’idea a costo zero. È, chiaramente, un investimento, e non solo di natura economica. È un investimento perché dai suoi costi è possibile ricavare degli utili, e molteplici possono essere, se ben calcolati, i vantaggi e i benefici che può assicurare. Di questi non fa mistero la Direttiva 2012/29/UE che istituisce norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato. I servizi di giustizia riparativa vengono ritenuti strumenti efficaci per la risoluzione dei conflitti in tempi brevi e utili anche per prevenire atti di criminalità. Ma è soprattutto uno stile comportamentale, frutto di esercizio civico e spirito di partecipazione comunitaria, che può aiutare a risolvere conflitti sociali e riattivare relazioni sospese, dai tanti ordinari casi di bullismo alle vecchie e nuove forme di discriminazione all’interno di una comunità o tra comunità diverse e antagoniste.

[1] Gustavo Zagrebelsky, Che cosa si può fare per abolire il carcere, “La Repubblica”, 23 gennaio 2015.

Leggi anche

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse