Italia “promossa” sul debito. Sassoli all’Europarlamento. L’analisi dei Tg

L’archiviazione della procedura d’infrazione per debito eccessivo è stata seguita dai Tg di primetime come gli ultimi minuti di una finale di calcio. A suscitare molta attenzione nelle edizioni di mercoledì, anche la nomina dell’eurodeputato David Sassoli alla Presidenza del Parlamento europeo. Il “Braccio di ferro sulle Ong” si conferma “hit” dell’estate. Il report dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dall’1 al 5 luglio, è l’ultimo appuntamento della sua nona stagione.

Fiato sospeso, lunedì, con i Tg Rai che rilanciano in apertura le parole rassicuranti del Presidente Mattarella in visita in Austria. Sollievo, dopo gli orientamenti di Bruxelles trapelati martedì (a cui sono andati 6 titoli), con Studio Aperto che in apertura titola “Forse ce la facciamo”. Giubilo per il risultato, che mercoledì domina sulle aperture dei Tg delle 20, con Tg1 che intervista il premier Conte, mentre Tg2 raccoglie l’intervento del ministro Tria.

A suscitare apprezzamenti nelle edizioni di mercoledì, anche la nomina dell’eurodeputato Davide Sassoli alla presidenza del Parlamento Europeo (apertura per il Tg3). Tg2 propone l’approfondimento più dettagliato sul personaggio, unica figura italiana di rilievo alla guida delle istituzioni europee. Le nomine di martedì, con l’elezione di Ursula Von Der Leyen al vertice della Commissione Europea e di Christine Lagarde alla testa della Bce, ricevono analoga attenzione da parte dei Tg Rai e La7, con Mentana che parla di “continuità” tra le posizioni della francese Lagarde e quelle di Mario Draghi. Le nomine europee ricevono letture diverse sui Tg Mediaset, che rilanciano le dichiarazioni dell’eurodeputato Berlusconi, molto critico, e ormai calato nella parte del “padre nobile d’Europa”.

Il braccio di ferro sulle Ong, “hit” sempre verde dell’estate. I Tg Mediaset si schierano contro la cattiva accoglienza di Francia e Germania. La Libia di nuovo sugli schermi. Mineo: sul Tg2 le promesse di Salvini
Lo scontro tra Governo e Ong – simboleggiato, nella prima parte della settimana, da quello tra Salvini e la capitana Rackete – torna alla ribalta venerdì, raccogliendo 6 aperture. L’avvicinarsi delle posizioni tra Lega e 5 Stelle, con Salvini che continua ad accusare le Ong di complicità con gli scafisti, mentre Di Maio ne critica l’operato parlando di “palcoscenico sulla pelle dei migranti” (Tg5), produce un’assonanza di vedute tra i Tg Mediaset, Tg2 e Tg1, uniti nella critica a Sea Watch. Ad alzare il tiro è Tg4, che sposandone integralmente i toni, interpella un giornalista de Il Giornale sull’iniziativa “Io non sto con Carola”. Attenzione da parte dei Tg Mediaset anche all’annunciata “blindatura” dei confini con la Slovenia. Sul tema dell’accoglienza, sempre le testate Mediaset propongono, lunedì 2, efficaci coperture mirate a “picconare” le posizioni d’apertura all’accoglienza espresse da Francia e Germania, rievocando le azioni della gendarmerie sul confine di Ventimiglia e mostrando anche la “caccia al migrante” condotta in alcune città tedesche per raccogliere e spedire in Italia quanti più immigrati possibile.

La guerra civile in Libia, dopo un silenzio durato più di un mese, ritorna, da mercoledì, nelle edizioni di primetime. A richiamare l’attenzione dei media nostrani, assai più che le immagini del bombardamento sul centro di detenzione dei migranti a Tripoli (titoli mercoledì per Tg3 e i Tg delle 20) è, anche stavolta, l’annuncio di nuovi, imminenti sbarchi a seguito delle dichiarazioni del premier Serraj (4 titoli giovedì, apertura per Tg3). Studio Aperto, venerdì, parla di profughi usati come “arma di ricatto”, anche se non è chiaro chi intenderebbe ricattare chi. Tg2, mercoledì, segnala l’avvenuta chiusura del Cara di Mineo, richiamando fin dal titolo la soddisfazione del ministro degli Interni, che parla di una “promessa mantenuta”.

Alitalia, Autostrade, Ilva e Tav: infrastrutture e grandi opere “sotto al tappeto”. Buoni indicatori economici, ma la crescita (demografica) è un miraggio
Assorbiti dalle nomine europee e dallo scontro sui migranti, i Tg del primetime trattano solo a metà edizione quelli che, nel concreto, sono e restano i temi più importanti dell’agenda del Paese. Messi da parte la flat tax e il sostegno alle famiglie, viene rilanciata da 5 Stelle la revoca della concessione ad Autostrade, presente in 8 titolazioni, mentre venerdì Atlantia viene richiamata in campo per Alitalia. Gli sviluppi sull’Ilva e la Tav ottengono sporadici servizi.

I dati molto positivi sul lavoro, con il tasso di disoccupazione che dopo 7 anni scende di poco sotto il 10%, rallegrano le edizioni di lunedì (titolo per i Tg Rai e La7), che segnalano nelle giornate successive il rilevante abbassamento dello spread, superato il rischio della procedura d’infrazione. Diverse reazioni provocano, invece, altri dati dell’Istat, che mercoledì segnala il crollo delle nascite, con il numero più basso degli ultimi 90 anni.

La visita di Putin e la full immersion delle testate. I Tg Mediaset e l’amico italiano
La visita lampo di Putin a Roma di giovedì raccoglie molte aperture. Nel sintetizzare i numerosi incontri avuti dal leader russo, le testate enfatizzano aspetti diversi: Tg1, Tg2 e Tg La7 segnalano i colloqui sul tema Libia con il premier Conte, mentre Tg3 dà maggior peso all’incontro con Papa Francesco, che ha affrontato la difficile situazione del Venezuela (titolo di venerdì). Per i Tg Mediaset, la visita del leader russo viene ripresa per gli auguri rivolti da Putin all’“amico di sempre”, Silvio Berlusconi, definito un “politico di statura mondiale”.

Dall’altro lato dell’Atlantico, le celebrazioni del 4 luglio raccolgono una discreta attenzione, tra giovedì e venerdì, da parte dei Tg delle 20, sempre divisi tra critiche ed elogi nei confronti di Trump. Sintomatico il Tg2 che ripropone, in un titolo di venerdì, i risultati eccellenti dell’economia americana.

Scandalo Csm: anche il Pg Fuzio deve lasciare
Gli sviluppi dell’inchiesta sul Consiglio Superiore della Magistratura sono seguiti attentamente, e l’annuncio delle dimissioni del Procuratore generale della Cassazione Fuzio raccoglie, tra martedì e giovedì, 4 titoli e molti servizi. Tg4, invece, venerdì apre con alcune dichiarazioni intercettate di Luca Palamara, dove sostiene che per avere successo all’Anm “sarebbe dovuto andare contro a Berlusconi” (servizio anche per Studio Aperto).

Emergenza rifiuti nella capitale: l’incessante affondo dei Tg Mediaset
La situazione nella capitale, da settimane invasa dai rifiuti, è ben documentata da tutte le testate, con i Tg Mediaset che non perdono occasione per criticare le inadempienze dell’amministrazione Raggi, e il rimpallo di responsabilità tra Comune e Regione. Alquanto “pop” Tg4, che giovedì propone il sottotitolo: “La Lega all’attacco di Roma Puzzona”.

L’Osservatorio Tg dell’Eurispes va in vacanza. Pensieri per il futuro
Alle soglie di un’estate che si profila ulteriormente attraversata dall’assai squilibrato “braccio di ferro” tra ong e governo italiano, il direttore del Tg La7 Mentana ha commentato le ultime vicende con parole amare: “Sembra di vivere sempre la stessa giornata”. Anche lo staff dell’Osservatorio Tg è stato colto da un dejavu nel dover documentare, per il terzo anno consecutivo, uno scontro privo di senso e di misura.

Qualcosa di nuovo, però, è all’orizzonte. In casa Mediaset si è registrato, a metà giugno, un cambio di redazione per le testate Tg4, Studio Aperto, TgCom24 e SportMediaset, che pur mantenendo i rispettivi direttori, sono state tutte inglobate nella struttura dell’agenzia NewsMediaset, di cui è responsabile Andrea Pucci. Questo nuovo assetto ha già prodotto alcuni shift nelle testate minori del primetime, ma per poterne sondare in concreto gli effetti, anche in termini di ascolti, occorrerà aspettare l’autunno.

Con queste ultime righe, l’Osservatorio Tg chiude questa sua nona stagione, e rinnova per i suoi lettori l’appuntamento a settembre.

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione