La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Secondo un tweet del Ministro delle Finanze venezuelano, il presidente Maduro avrebbe ordinato al Banco de Venezuela, la banca principale del paese, di accettare la criptovaluta nazionale “petro” in tutte le sue filiali. L’annuncio è arrivato nel corso di un evento che celebrava il decimo anniversario della nazionalizzazione della banca in questione. Il 19 giugno scorso, lo stesso Maduro aveva annunciato che 924 milioni di bolivar (circa 92,5 milioni di dollari) erano stati stanziati per la Digital Bank of Youth and Students, affinché venissero aperti un milione di petro wallet per i giovani del paese. Questo, forse, anche in risposta alla mossa di Trump che, a marzo, aveva espressamente vietato ai cittadini statunitensi di acquistare la criptovaluta venezuelana.
Il petro, insomma, non ha un cammino semplice. Eppure, ha già compiuto quasi un anno e mezzo di vita, da quando cioè, a febbraio 2018, il Governo venezuelano ne aveva lanciato la prevendita per circa 100 milioni di coin, equivalenti a 6 miliardi di dollari, così diventando la prima criptovaluta moneta di Stato. Il petro (riconosciuto ufficialmente anche dall’Opec), tuttavia, non è una criptovaluta “tradizionale”, essendo garantita dalle riserve petrolifere e auree del paese, che, almeno nei proclami, ne dovrebbero assicurare una maggiore stabilità, correlando peraltro il prezzo a quello di un barile di petrolio venezuelano.
Insomma, il petro è più simile al normale denaro e agli strumenti finanziari convenzionali (una sorta di future petrolifero senza specifica data di consegna) piuttosto che alle criptovalute vere e proprie. Anzi, a ben vedere, rappresenta un vero e proprio ossimoro, laddove, se le criptovalute “tradizionali” (a partire dal bitcoin) rispondevano, sostanzialmente, ad un principio di anarchia finanziaria, basato su un sistema peer to peer, senza controlli e regolatori, la criptovaluta di Stato rappresenta invece proprio il tentativo di “imbrigliare” quella tecnologia nei fini del regolatore, che così, (ri)assume il controllo della moneta. E, infatti, non sono pochi i paesi che si stanno avviando sulla medesima strada. A partire dalla Cina, che ha deciso di lanciare una propria criptovaluta nazionale: uno yuan digitale, che dovrebbe sostituire i soldi contanti in circolazione. Per finire a Cuba, che sta studiando come introdurla (sembra che la criptovaluta cubana potrebbe essere intitolata ad Ernesto Che Guevara), anche in questo caso (come per il Venezuela) al fine di aggirare le sanzioni statunitensi e raccogliere risorse sui mercati finanziari internazionali, altrimenti preclusi. E perfino in Iran, lo scorso febbraio, quattro istituti finanziari della Repubblica islamica (Parsian Bank, Bank Pasargad, Bank Melli Iran e Bank Mellat) hanno rilasciato una criptovaluta, chiamata PayMon, garantita dalle riserve auree. Insomma, un fenomeno in evoluzione e difficilmente immaginabile dagli ideatori delle criptovalute, che si ispiravano alle teorie del libertarianesimo.
L’idea era semplice: inventare del denaro di cui nessuno potesse avere il monopolio e che potesse essere regolato solamente dal libero mercato. Ora, però, le stesse valute digitali rischiano di diventare proprio uno strumento per esercitare un controllo finanziario totale da parte di quegli stessi Stati contro i quali le criptovalute, in sostanza, operavano.

Ultime notizie
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*
Società

Disuguaglianza di genere e violenza sulle donne. Un’emergenza nell’emergenza

La violenza di genere è un fenomeno che affonda le sue radici nella disuguaglianza di genere e persiste nell’affermarsi come una fra le più importanti violazioni dei diritti umani in tutte le società. Non a caso, è stata definita dall’ONU come un “flagello mondiale”.
di Lavinia Ferrari e Giulia Putzolu
Criminalità e contrasto

L’evasione fiscale brucia ogni secondo lo stipendio annuale di un infermiere

Il primo studio sullo Stato della giustizia fiscale realizzato da Tax Justice Network indica che ogni anno vanno in fumo 427 miliardi di dollari a causa dell’evasione fiscale. La fetta maggiore di evasione è praticata dalle multinazionali, che anziché pagare le tasse dovute al paese in cui originano e operano, trasferiscono la sede legale nei paradisi fiscali.
di Roberta Rega
Cultura

I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

Che cosa avrebbe pensato Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Abbiamo pensato di rendergli omaggio con l’aiuto dei suoi critici più attenti: i bambini.
di Giuseppe Pulina