La scrittura strumento per capire il presente   

scrittura

Nella controversa epoca che stiamo vivendo, la scrittura rimane una chiave interpretativa essenziale, per dare un nome alle cose e definire i fenomeni. «La narrazione è un gesto, una disciplina fisica che porta a un compimento spirituale», ha ricordato in occasione del recente Festival di Mantova, Alessandro Baricco, rileggendo l’opera di Beppe Fenoglio. Un gesto, quello della narrazione, che si compone di tre momenti: l’individuazione della storia, lo spazio sferico, l’orizzonte che contiene la “trama”, che è la ferrovia che attraversa il racconto. Tutt’altra cosa lo “stile”, che bisogna coltivare come il talento, la molla che proietta scrittore e fruitore sulle ali del sogno. Non si tratta di indulgere in un vuoto esercizio estetico. La “crisi di pensiero” delle società occidentali, come denunciato da Edgar Morin, che rende miopi le leadership a tutti i livelli, ha bisogno della medicina di buone letture. Società dell’informazione, civiltà dei robot, tempo di Internet, infosfera, età delle piattaforme, supersocietà, negli ultimi vent’anni abbiamo coniato tante etichette, probabilmente perché nessuna riesce a restituire il senso della storia che ci avvolge. Il messaggio di Baricco è stato raccolto e rilanciato da una piccola cittadina dei Nebrodi, Mistretta, dove si è tenuta la sedicesima edizione del premio letterario intitolato a Maria Messina: è stato attribuito il massimo riconoscimento a Roberto Panzarani, docente di governo dell’innovazione tecnologica presso l’Università Cattolica di Roma per il saggio Il nuovo paradigma (ed. Lupetti).

La scrittura rimane una chiave interpretativa essenziale per dare un nome alle cose e definire i fenomeni

La scrittrice, Maria Messina, allieva del Verga con il quale aveva intessuto una fittissima corrispondenza, nata a Palermo nel 1877 e scomparsa a Pistoia nel 1944, era caduta in una spessa coltre di oblio. Recuperata da Sciascia e da Borgese, è grazie dall’opera meritoria degli editori Sellerio e Croce e all’impegno dell’Associazione “Progetto Mistretta” che ne hanno imposto, all’attenzione internazionale, il vasto corpus dell’opera estetico-letteraria, che oggi possiamo apprezzare la qualità di una scrittura asciutta e senza orpelli che riportano il lettore alle atmosfere di fine Ottocento, segnate dal dramma del fenomeno migratorio. «La Messina – spiega Elise Magistro, docente di letteratura italiana presso il prestigioso Scripps College di Clermont nella California – in modo simile a De Amicis, Pascoli, e Pirandello, riesce a penetrare nella dimensione umana dell’esperienza migratoria, dandone un’interpretazione autentica, senza ricorrere agli inganni idealistici. La sua attenzione è concentrata sulla rappresentazione della realtà umana che osservava nella sua quotidianità, con cui creava una sorta di empatia». Una realtà fatta di «partenze strazianti, dell’angoscia dei vecchi analfabeti, del terrore tangibile delle mogli abbandonate, della disperazione di chi tornava stravolto da un’esperienza indicibile». Si tratta della prima autrice impegnata a raccontare e interpretare il grande esodo della fine dello scorso millennio, capace di rivolgere con spirito di denuncia il proprio sguardo a chi lasciava la terra di origine, fossero vecchi o giovani, uomini o donne. Si direbbe nel linguaggio di oggi che il suo è stato uno sguardo inclusivo, per l’attenzione rivolta alle donne, drammaticamente al centro del suo “verismo”. Appare perciò diretto il filo rosso con l’attualità. La scrittrice si mostra consapevole della complessità e dell’estensione del fenomeno migratorio, nonostante la sua giovanissima età, dimostrando come l’emigrazione sia un’esperienza che investe gli individui e le comunità. Mentre siamo alla ricerca di una “globalizzazione dei diritti”, la chiave interpretativa della letteratura può venirci ancora in soccorso. La stagione di riforme che probabilmente si aprirà nel dopo voto dovrà infatti rispettare la “natura una e molteplice dell’identità”, valore indefettibile che caratterizza la storia dell’Europa fin dalle sue origini. 

Leggi anche

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze