L’architettura biofilica: il design che aiuta a curare

biofilico

Gli edifici in cui trascorriamo la maggior parte del tempo della nostra vita privata o del nostro lavoro possono avere un forte impatto sul benessere e sulla salute. Tale effetto non è dovuto solo al modo in cui sono fisicamente strutturati. La bioedilizia e la bioarchitettura ci insegnano che possiamo costruire in modo più salubre in termini di materiali e di tecniche ecosostenibili: il modo in cui un edificio viene progettato e costruito, quindi, può assicurarci il fatto che si possa vivere in ambienti sani ed ecologicamente sicuri.  Ma esistono pratiche di design che non solo garantiscono il minor impatto ambientale, ma possono avere la capacità di attivare relazioni positive fra noi e l’ambiente e, in alcuni casi, possono anche rappresentare un elemento di “cura” laddove funzionino da supporto a percorsi terapeutici, ad esempio all’interno degli ospedali. Oltre la bioedilizia e la bioarchitettura, su un piano che riguarda le relazioni anche emotive e biologiche fra gli individui e lo spazio, possiamo approdare al design biofilico.

Leggi anche

Per il biologo Edward O. Wilson la biofilia è «un’affiliazione emozionale innata degli esseri umani ad altri esseri viventi». In tal senso, come ci spiega Simona Totaforti, direttore di ReLab, il Centro studi che ha progettato il primo giardino terapeutico d’Italia presso il Policlinico A.Gemelli di Roma, «questa nostra propensione verso la natura fa in modo che, laddove ce ne sia il bisogno, la natura stessa possa essere utilizzata e ‘gestita’ indoor e outdoor negli spazi in cui ci muoviamo, in modo tale da contribuire a ‘farci del bene’, a funzionare da attivatrice di reazioni positive che aiutino i nostri meccanismi di reazione in momenti di particolare stress, come, ad esempio, quando ci troviamo a fronteggiare una malattia. Nel giardino terapeutico del Policlinico Gemelli l’ambiente veicola stimoli sensoriali e cognitivi volti a riconnettere positivamente l’utente con lo spazio circostante, anche attraverso la stimolazione di processi attentivi o di distrazione nei pazienti. Vicino alle piante aromatiche si possono ricevere le terapie all’aperto, avvolti dal profumo di essenze appositamente selezionate per il potere che hanno di contrastare gli effetti indesiderati connessi ad alcuni iter terapeutici. La vista delle forme naturali, gli stimoli olfattivi ma anche uditivi – sfere sonore di terracotta diffondono in modo naturale i suoni della natura e una fontana di pietra genera il suono rilassante del gorgoglio dell’acqua –, la luce naturale gestita in modo da garantire una condizione di relax: tutto ciò aumenta nelle persone il senso di controllo ambientale e di benessere fisico, mentale ed emozionale, fino a favorire la riduzione del dolore e le potenzialità di recupero. Le ricerche di Ulrich condotte negli ospedali negli anni ’80, hanno dimostrato come la semplice visione del verde da una finestra fosse in grado di accorciare i tempi di guarigione post-operatoria e di diminuire il fabbisogno di antidolorifico. Gli interventi di design biofilico in contesto ospedaliero, molto praticati all’estero, partono da quelle acquisizioni e si fondano oggi su oltre quarant’anni di studi internazionali».

La biofilia è una propensione innata verso la natura che ha basi scientifiche

La biofilia è, dunque, una propensione innata verso la natura che ha basi scientifiche e che può includere anche il nostro bisogno di “classicità” in termini di forme armoniche, artistiche e architettoniche. Come ci racconta Fiammetta Pilozzi, esperta di design biofilico e di comunicazione visiva ambientale per la salute, durante un’indagine sul gradimento dei servizi ospedalieri effettuata presso i pazienti e le pazienti dell’Ospedale FatebenefratelliIsola Tiberina di Roma, emerse inaspettatamente come, fra gli elementi più graditi dalle persone ricoverate, vi fosse la vista che si poteva godere, dalle stanze di degenza, del Tevere, degli alberi e dell’edificio classico della Sinagoga, ma vi fosse anche il suono degli uccelli e dell’acqua del fiume: «La vista degli alberi era uno degli elementi più ricorrenti nel giudizio di positività rispetto all’ambiente. Ma lo era anche la vista delle proporzioni classiche dell’edificio della Sinagoga. Natura e architettura classica sono spesso in grado di suscitare la stessa sensazione di benessere, probabilmente a ragione del rapporto proporzionale delle forme, rapporto che in entrambi i casi è riconducibile a parametri matematici, quali la sequenza di Fibonacci. Ma ciò che colpì di più fu che molte fra le persone ricoverate fecero riferimento a quello che potremmo definire ‘soundscape’: il fatto che l’ospedale sia su una piccola isola, immerso in suoni che mescolano il traffico di Roma a quello del fiume, dei gabbiani e degli uccelli in generale, rappresentava un elemento fortemente distraente e decontestualizzante rispetto al suono tipico degli ambienti ospedalieri, e ciò generava benessere. Il panorama visivo ma anche il soundscape davano l’impressione che non ci si trovasse in un ospedale. Da quell’esperienza abbiamo compreso come sia fondamentale sperimentare anche profili di qualità ambientale legati ai suoni. Attualmente, presso la UOC di Diagnostica per immagini  Radiologia interventistica, diretta dal Prof. Ettore Squillaci, è in fase di sperimentazione un intervento sul contesto olfattivo e sonoro in una delle due stanze che ospitano i mammografi. La stanza, con un design ispirato ai principi biofilici, verrà utilizzata per indagare se e in che misura la presenza di stimoli visivi riconducibili a forme e colori floreali, nonché la diffusione di essenze e di suoni naturali possa ridurre il disagio delle pazienti durante l’esame rispetto a quello che viene effettuato in un normale ambiente ospedaliero con un macchinario identico, nella stanza adiacente. I primi risultati sono piuttosto sorprendenti e in autunno saremo in grado di diffondere i dati. Ma già da ora capiamo che intervenire su tale approccio, in modo scientificamente strutturato, può portare grandi risultati con esigui sforzi economici. Ciò che è importante, tuttavia, è comprendere che agire con interventi di design biofilico all’interno di un luogo di cura non significa solo inserire piante qua e là o mettere un diffusore di aromi nella stanza. La biofilia si fonda su approcci scientifici che devono rappresentare la base per qualsiasi intervento». 

Un ambiente ospedaliero biofilico non sostiene solo i pazienti ma anche chi in quei luoghi lavora

Lo stress che si associa al disagio fisico e psicologico di vivere una malattia può dunque essere in parte gestito e mitigato dalle caratteristiche ambientali degli spazi in cui viviamo, aiutando il nostro organismo ad attivare risposte positive agli stimoli, anche quelli sgradevoli, che provengono dall’esterno. Ma è importante sottolineare che un ambiente ospedaliero biofilico non sostiene solo i pazienti ma anche chi in quei luoghi lavora. Presso il Mount Sinai Hospital a New York è stata introdotta la Frontline Strong Relief, un’area a supporto della terapia intensiva dove apposite “recharg rooms” biofiliche servono da “zone cuscinetto” per gli operatori sanitari, da spazi calmi dove gestire lo stress, in cui è possibile personalizzare smellscape e soundscape in base a ciò che si percepisce come più rilassante e rigenerante. In un momento storico in cui negli ospedali si consumano sempre di più spazi e tempi di annullamento delle connessioni familiari, di burnout, di fatica fisica e psicologica degli operatori spesso oltre i limiti, ricorrere alla natura come elemento di rigenerazione e di aiuto può essere una strada per impostare una nuova riconfigurazione degli spazi di cura in cui riconnettere i luoghi della salute alle persone.

Per approfondimenti:

E.O. Wilson, Biophilia, Cambridge, Harvard University Press, 1984.

R. S. Ulrich, “View through a window may influence recovery from surgery”, Science, New Series, April 27, 1984, Volume 224, Issue 4647, pp. 420-421.

Ultime notizie
metaverso
Futuro

L’universo nel Metaverso. Intervista a Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino

Una conversazione sul Rapporto Italia 2022 con la Professoressa Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino e autrice del saggio del Rapporto costruito attorno alla dicotomia Metaverso/Universo.
di Alberto Mattiacci
metaverso
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute