Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

patrimonio culturale

Era il 1969 quando iniziava la sua attività il “Comando Carabinieri Ministero Pubblica Istruzione – Nucleo Tutela Patrimonio Artistico”, con un organico di soli 17 militari a tutela del patrimonio culturale italiano. L’Italia è stata la prima nazione al mondo a disporre di un reparto di polizia espressamente deputato al contrasto dello specifico settore criminale, anticipando di un anno la raccomandazione contenuta nella Convenzione Unesco, firmata a Parigi il 14 novembre 1970, nella quale si invitavano gli Stati membri ad adottare le opportune misure per impedire l’acquisizione di beni illecitamente esportati e favorire il recupero di quelli trafugati, nonché a istituire servizi dotati di personale specificatamente addestrato a cui affidare la tutela dei beni d’arte. Oggi il Comando, che nel 2001 ha assunto l’attuale denominazione di “Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale” (Carabinieri TPC), vanta un organico di circa 320 Carabinieri con uno profilo professionale che può contare anche su avanzate tecnologie per il reperimento dei beni culturali trafugati o dispersi. Dislocati sull’intero territorio nazionale, i Carabinieri TPC operano in 16 Nuclei diversi con competenza regionale ed interregionale. Il Reparto Operativo, anche se è localizzato fisicamente a Roma, svolge specifiche attività d’indagine in àmbito nazionale ed internazionale.

Leonardo e SWOADS, tecnologie al servizio dell’arte

Una parte importante del lavoro di recupero del patrimonio culturale italiano avviene grazie alla possibilità di indicizzare e consultare con agilità l’intero catalogo di beni che mancano all’appello e delle relative operazioni ad essi connesse. “Leonardo” è infatti l’attuale sistema informatico del TPC che contiene tutti i dati delle attività svolte, nonché le informazioni concernenti soggetti, eventi ed operazioni dell’Arma dei Carabinieri inerenti alla prevenzione, accertamento e repressione dei reati in danno del patrimonio culturale. Grazie a Leonardo sono informatizzati oltre 205.800 eventi, più di 8,1 milioni di oggetti (di cui circa 1.294.000 da ricercare) con oltre 874.000 immagini. Tale volume di dati rende tale sistema informatico di gran lunga il più corposo database al mondo di beni culturali da ricercare, oltre ad essere stata la prima banca dati al mondo creata nello specifico settore. Il prossimo passo evolutivo è rappresentato dal progetto SWOADS (Stolen Works of Art Detection System). SWOADS, utilizzando l’intelligenza artificiale, permetterà di effettuare la raccolta automatica di dati potenzialmente utili, sui canali che sempre maggiormente vengono utilizzati per la commercializzazione dei beni culturali trafugati, quali il web, il deep web, i social media, e di quelli derivanti dalla eventuale trasmissione, effettuata da parte degli operatori delle FF.PP. attraverso un’interfaccia web ed un’applicazione mobile, delle fotografie di beni ottenute nel corso di attività operative.

I Caschi Blu della Cultura

A seguito di numerosi appelli per la protezione del patrimonio culturale in aree internazionali di crisi, il Governo italiano si è fatto promotore (con decreto del 31/03/2022) della Task Force Italiana Bleu Helmets of Cultural Heritage, noti come “Caschi Blu della Cultura”. Si tratta di una Task Force composta da archeologi, storici dell’arte, restauratori, ed altre figure professionali nel settore del patrimonio culturale dipendenti del Ministero della Cultura o di altre Istituzioni, e personale specializzato dei Carabinieri TPC, che possono intervenire in aree interessate da emergenze di qualsiasi tipologia (naturali o causate dall’uomo) in una cornice di sicurezza. Lo scopo è quello di tutelare i siti archeologici, i luoghi di interesse e il patrimonio culturale, contrastare il traffico illecito internazionale di beni culturali illecitamente sottratti, nonché supportare le Autorità dei paesi interessati dagli eventi a limitare i rischi per il proprio patrimonio culturale.

Dal 1969 ad oggi sono oltre 3 milioni i beni culturali recuperati dal Comando TPC

Dal 1969 ad oggi sono oltre 3 milioni i beni culturali recuperati dal Comando TPC dal mercato illegale, con un numero di opere false sequestrate che supera 1.367.000. Se la molteplicità dei canali di commercializzazione illecita e lecita (internet in primis) ha facilitato il trasferimento all’estero di un bene, è pur vero che sono state affinate le misure per contrastare tali traffici, complice anche una collaborazione interforze di respiro internazionale. È solo di qualche mese fa la notizia del recupero di due importanti opere d’arte a Madrid, avvenuta grazie alla collaborazione tra la Polizia Nazionale Spagnola e il Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale dell’Arma dei Carabinieri. L’operazione ha riportato a casa un busto reliquiario di San Clemente Papa del XVI secolo trafugato nel 2019 dalla Chiesa del Gesù di Lecce, e un dipinto del Seicento intitolato “Pranzo” appartenente ad una collezione privata di Bologna, rubato nel 2000.

La base della rete in Europa è la Svizzera, dove esistono Gallerie d’Arte attenzionate dai Carabinieri TPC

Ma il traffico di opere d’arte non coinvolge solo il mercato privato dei collezionisti, come testimoniato da una vasta operazione che ha riportato in Italia più di 20 opere d’arte da uno dei più importanti musei al mondo. Anfore, elmi, terracotte e altri reperti archeologici, che vanno dal 1100 a.C. al 300 d.C., sono rientrati in Italia dopo essere stati esposte per anni al Metropolitan Museum of Art di New York. L’operazione, conclusasi proprio in queste settimane, ha visto la stretta collaborazione tra i Carabinieri del Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale e la Procura distrettuale di New York e ha portato al sequestro di 58 opere d’arte, appartenenti anche a collezioni private, per un valore complessivo di 21 milioni di dollari. «Un grande dono per l’Italia che riavrà reperti di notevole valore. Opere che si trovavano in diverse collezioni private e in Musei americani molti noti. La base della rete è l’Europa, la Svizzera – ha spiegato il Generale di Brigata  Roberto Riccardi del Comando Tutela Patrimonio Culturale – dove esistono molte Gallerie d’Arte che seguiamo sempre con attenzione». Sempre dagli Stati Uniti, questa volta da una galleria d’arte con sede a Malibu, è stato recentemente recuperato il gruppo scultoreo “Orfeo e le sirene”, risalente al IV secolo a.C. e trafugato a Taranto negli anni Settanta. L’opera d’arte, che sarà esposta a Roma prima di ritornare nella sua sede originaria presso il Museo archeologico di Taranto, è stata rintracciata grazie alla collaborazione tra Carabinieri TPC, Procura della Repubblica di Taranto, District Attorney’s Office di Manhattan e Homeland Security Investigations.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento