Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

costo della vita

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi nel 2020, a fronte di 66 milioni di nuovi posti di lavoro creati nei Paesi Ocse dall’inizio della ripresa – le conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina rappresentano un ulteriore colpo allo scenario economico globale.

Costo della vita: nuovi squilibri dettatti dal conflitto 

L’incremento del prezzo dell’energia e dei generi alimentari in seguito all’invasione dell’Ucraina hanno aumentato la pressione sul costo della vita, già in crescita prima del febbraio 2022. Gli squilibri negli approvvigionamenti alimentari ed energetici, e il conseguente aumento dei prezzi, rischiano quindi – secondo il report sulla crisi del costo della vita pubblicato recentemente dall’Ocse – di alimentare una nuova crisi economica e sociale, rendendo carovita e disoccupazione le principali sfide dei prossimi anni.

Imprese e famiglie colpite dalla pandemia e poi dalla guerra

Già duramente colpite dalla pandemia, le industrie a bassa retribuzione si stavano riprendendo molto più lentamente di altri settori già prima del febbraio 2022. Nel primo trimestre del 2022, l’occupazione nei servizi di alloggio e ristorazione era, in media nei paesi Ocse, del 9% inferiore al livello pre-Covid. Il tasso di occupazione medio dei giovani era ancora più basso di quello precedente la crisi in più della metà dei paesi.

I cambiamenti strutturali nei mercati del lavoro degli ultimi decenni – in particolare il venire meno dell’indicizzazione dei salari e l’aumento del potere di mercato delle imprese – hanno reso i gruppi a basso reddito più esposti al calo dei redditi reali. I dati Ocse indicano per l’Italia un calo dei redditi reali del -3,1%.

Sono proprio le categorie con maggiori probabilità di lavorare in settori a bassa retribuzione – i giovani, i lavoratori meno qualificati, gli immigrati e altri gruppi vulnerabili – i più colpiti in seguito all’invasione dell’Ucraina. Le famiglie a basso reddito, che devono destinare una quota significativamente maggiore del loro reddito ai beni di prima necessità, sono state particolarmente colpite dalla stretta inflazionistica.

Costo della vita e occupazione: necessario un sostanziale intervento dei governi sui mercati del lavoro

Per ridurre al minimo l’impatto della crisi sulle famiglie a basso reddito occorre dare priorità al sostegno delle fasce più deboli. In particolare, sono tre le aree su cui i governi dovrebbero concentrarsi. In primo luogo, il rafforzamento della contrattazione collettiva è fondamentale per garantire un’equa distribuzione dello shock inflazionistico tra lavoratori e imprese. A lungo termine, un maggiore peso nella contrattazione da parte dei lavoratori e una maggiore concorrenza delle imprese garantirebbero un riequilibrio del potere contrattuale. I governi dovrebbero, inoltre, prevedere un sostegno straordinario al reddito dei lavoratori e delle famiglie a basso reddito tramite adeguamenti del salario minimo, indennità di lavoro e altri trasferimenti sociali. Tali misure proteggerebbero i più vulnerabili dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari anche in caso di stagnazione dei salari e fornirebbe un sostegno a coloro che sono più esposti a livelli di debito elevato e all’aumento dei tassi di interesse. Infine, la promozione di servizi integrati per l’occupazione e la formazione favorirebbe l’inclusione lavorativa dei gruppi meno qualificati e più fragili.

 

 

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali