REACT-EU e fondi europei: il rischio di definanziamento delle risorse

Il pacchetto REACT-EU

A seguito dello scoppio della pandemia, con il regolamento (UE) 2020/2221, è stato varato il pacchetto REACT-EU (Recovery Assistance for Cohesion and the Territories of Europe), ricompreso nell’ambito dell’iniziativa Next Generation EU. Si tratta di un’integrazione di quasi 51 miliardi di euro a favore dei programmi della politica di coesione di tutti gli Stati membri rispetto alla precedente programmazione 2014-2020.

Il pacchetto ha visto per il nostro Paese un aumento delle risorse a partire già dal 2021: non da ultimo, la recente assegnazione, annunciata alla fine di novembre 2022, di ulteriori 1,5 miliardi di euro, con l’obiettivo di aumentare le assunzioni di giovani e donne, migliorare le competenze dei lavoratori e delle persone in cerca di lavoro e sostenere la ripresa economica italiana.

Risorse quindi essenziali per contrastare gli effetti negativi dello scenario in corso sulle regioni e sui cittadini europei più fragili, accelerando la coesione in un periodo particolarmente critico. Tuttavia, non possono essere sottovalutati alcuni rischi nell’attuazione che potrebbero minare la puntuale distribuzione delle risorse.

Dalla Corte dei Conti uno strumento di monitoraggio sulle risorse europee

Da questo punto di vista, la Relazione annuale 2022 sui rapporti finanziari Italia/UE e sull’utilizzo dei fondi europei, approvata con delibera n. 1/2023 dalla Sezione di controllo per gli affari comunitari e internazionali della Corte dei Conti, fornisce un interessante spunto di riflessione sullo stato di realizzazione dei principali programmi europei.

Un risultato che testimonia quanto il nostro Paese abbia attinto ai fondi straordinari per la ripresa è l’aumento del 129% dei finanziamenti destinati all’Italia dall’Unione europea nel corso del 2021 rispetto al precedente anno. In particolare, a fronte di un versamento di 18,1 miliardi di euro come risorse proprie al bilancio dell’Ue, l’Italia ha ricevuto risorse per 26,7 miliardi di euro, di cui 10 miliardi legati al PNRR. Ciò ha portato la posizione dell’Italia da quella di contributore netto a quella di percettore netto dei fondi europei. Emergono tuttavia una serie di criticità, di cui la principale – dati tempi di attuazione e scadenze – risulta essere quella legata all’attuazione di REACT-EU.

Il REACT-EU e la mancata operatività dei Pon

La Corte dei Conti stima che a fine ottobre 2022 il livello di impegni economici complessivo per i PON (Programmi Operativi Nazionali) impattati dal REACT-EU era pari al 66%, con pagamenti pari al 40% alla stessa data.

Guardando ai fondi di REACT-EU, la Corte afferma che essi: «devono ancora sostanzialmente essere attivati» . Al 31 ottobre 2022, infatti, solo 7 Pon avevano iniziato ad avere un minimo di attuazione finanziaria:

  1. Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento: impegni al 90% e pagamenti al 9%;
  2. Pon Inclusione: impegni al 18% e pagamenti allo 0%;
  3. Pon Città metropolitane FESR: impegni al 44% e pagamenti al 7%;
  4. Pon Città metropolitane FSE: impegni al 143% e pagamenti al 97%
  5. Pon Ricerca ed Innovazione: impegni al 37% e pagamenti allo 0%;
  6. Pon Infrastrutture e Reti impegni al 98% e pagamenti allo 0%;
  7. Pon Imprese e competitività: impegni al 38% e pagamenti al 10%.

Il rischio di definanziamento: una perdita per la coesione territoriale

In considerazione della cosiddetta regola “n+3” (art. 136 del Regolamento CE 1303/2013) che prevede il definanziamento delle risorse comunitarie non spese entro il triennio successivo all’annualità di riferimento, l’anno in corso sarà l’ultimo anno relativo alla programmazione 2014-2020. Emerge dunque  un’importante criticità per l’attuazione del pacchetto REACT-EU.

I rischi principali, infatti, strettamente correlati, sono rappresentati dalla mancata spesa dei fondi, o dal mancato valore aggiunto degli investimenti. In questo senso, la Corte dei Conti ha proposto di produrre un forte impegno per sfruttare le opportunità offerte dai finanziamenti e di trovare soluzioni per superare le criticità, in modo da creare un impatto reale sul territorio. Una nuova visione per la gestione delle risorse europee che emerge anche dagli ultimi cambiamenti nella loro governance governativa, che dovrà tuttavia realizzarsi in modo rapido ed efficace, per non frenare una macchina che in passato ha mostrato diversi rallentamenti.

Leggi anche

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

 

 

 

 

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang