REACT-EU e fondi europei: il rischio di definanziamento delle risorse

Il pacchetto REACT-EU

A seguito dello scoppio della pandemia, con il regolamento (UE) 2020/2221, è stato varato il pacchetto REACT-EU (Recovery Assistance for Cohesion and the Territories of Europe), ricompreso nell’ambito dell’iniziativa Next Generation EU. Si tratta di un’integrazione di quasi 51 miliardi di euro a favore dei programmi della politica di coesione di tutti gli Stati membri rispetto alla precedente programmazione 2014-2020.

Il pacchetto ha visto per il nostro Paese un aumento delle risorse a partire già dal 2021: non da ultimo, la recente assegnazione, annunciata alla fine di novembre 2022, di ulteriori 1,5 miliardi di euro, con l’obiettivo di aumentare le assunzioni di giovani e donne, migliorare le competenze dei lavoratori e delle persone in cerca di lavoro e sostenere la ripresa economica italiana.

Risorse quindi essenziali per contrastare gli effetti negativi dello scenario in corso sulle regioni e sui cittadini europei più fragili, accelerando la coesione in un periodo particolarmente critico. Tuttavia, non possono essere sottovalutati alcuni rischi nell’attuazione che potrebbero minare la puntuale distribuzione delle risorse.

Dalla Corte dei Conti uno strumento di monitoraggio sulle risorse europee

Da questo punto di vista, la Relazione annuale 2022 sui rapporti finanziari Italia/UE e sull’utilizzo dei fondi europei, approvata con delibera n. 1/2023 dalla Sezione di controllo per gli affari comunitari e internazionali della Corte dei Conti, fornisce un interessante spunto di riflessione sullo stato di realizzazione dei principali programmi europei.

Un risultato che testimonia quanto il nostro Paese abbia attinto ai fondi straordinari per la ripresa è l’aumento del 129% dei finanziamenti destinati all’Italia dall’Unione europea nel corso del 2021 rispetto al precedente anno. In particolare, a fronte di un versamento di 18,1 miliardi di euro come risorse proprie al bilancio dell’Ue, l’Italia ha ricevuto risorse per 26,7 miliardi di euro, di cui 10 miliardi legati al PNRR. Ciò ha portato la posizione dell’Italia da quella di contributore netto a quella di percettore netto dei fondi europei. Emergono tuttavia una serie di criticità, di cui la principale – dati tempi di attuazione e scadenze – risulta essere quella legata all’attuazione di REACT-EU.

Il REACT-EU e la mancata operatività dei Pon

La Corte dei Conti stima che a fine ottobre 2022 il livello di impegni economici complessivo per i PON (Programmi Operativi Nazionali) impattati dal REACT-EU era pari al 66%, con pagamenti pari al 40% alla stessa data.

Guardando ai fondi di REACT-EU, la Corte afferma che essi: «devono ancora sostanzialmente essere attivati» . Al 31 ottobre 2022, infatti, solo 7 Pon avevano iniziato ad avere un minimo di attuazione finanziaria:

  1. Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento: impegni al 90% e pagamenti al 9%;
  2. Pon Inclusione: impegni al 18% e pagamenti allo 0%;
  3. Pon Città metropolitane FESR: impegni al 44% e pagamenti al 7%;
  4. Pon Città metropolitane FSE: impegni al 143% e pagamenti al 97%
  5. Pon Ricerca ed Innovazione: impegni al 37% e pagamenti allo 0%;
  6. Pon Infrastrutture e Reti impegni al 98% e pagamenti allo 0%;
  7. Pon Imprese e competitività: impegni al 38% e pagamenti al 10%.

Il rischio di definanziamento: una perdita per la coesione territoriale

In considerazione della cosiddetta regola “n+3” (art. 136 del Regolamento CE 1303/2013) che prevede il definanziamento delle risorse comunitarie non spese entro il triennio successivo all’annualità di riferimento, l’anno in corso sarà l’ultimo anno relativo alla programmazione 2014-2020. Emerge dunque  un’importante criticità per l’attuazione del pacchetto REACT-EU.

I rischi principali, infatti, strettamente correlati, sono rappresentati dalla mancata spesa dei fondi, o dal mancato valore aggiunto degli investimenti. In questo senso, la Corte dei Conti ha proposto di produrre un forte impegno per sfruttare le opportunità offerte dai finanziamenti e di trovare soluzioni per superare le criticità, in modo da creare un impatto reale sul territorio. Una nuova visione per la gestione delle risorse europee che emerge anche dagli ultimi cambiamenti nella loro governance governativa, che dovrà tuttavia realizzarsi in modo rapido ed efficace, per non frenare una macchina che in passato ha mostrato diversi rallentamenti.

Leggi anche

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

 

 

 

 

Ultime notizie
europa
Europa

Europa: cinque grandi temi per un’Unione solidale, sociale e democratica

Una comunità aperta, solidale, sociale, incentrata sul benessere dei cittadini. Questa è l'Unione del futuro immaginata dal Laboratorio Europa dell'Eurispes.
di Gianluca Tornini
europa
equità di genere
Donne

Equità di genere e impresa, più donne ma non ai vertici

Gender equality, più donne nelle imprese ma ancora poche al vertice. E se il 2022 ha segnato la chiusura di 6000 imprese al femminile in Italia, si registra una significativa crescita delle imprese basate su innovazione e tecnologia a conduzione femminile.
di redazione
equità di genere
violenza di genere
Donne

8 Marzo, la violenza è una piaga che ostacola l’uguaglianza di genere

L’8 marzo, giornata internazionale della donna, è una data simbolica, che da un lato assume valenza per illuminare il percorso che ha...
di redazione
violenza di genere
padri separati
Società

Nuove povertà: una casa per i padri separati

I padri separati: a richio povertà Nonostante la legge obblighi entrambi i genitori a provvedere al sostentamento economico dei figli nati da una...
di redazione
padri separati
Italia Domani

REACT-EU e fondi europei: il rischio di definanziamento delle risorse

Il pacchetto REACT-EU (Recovery Assistance for Cohesion and the Territories of Europe), ricompreso nell’ambito dell’iniziativa Next Generation EU prevede un'integrazione di quasi 51 miliardi di euro a favore dei programmi della politica di coesione di tutti gli Stati membri rispetto alla precedente programmazione 2014-2020. Il rischio oggi è di definanziamento a causa della mancata spesa dei fondi disponibili.
di Claudia Bugno*
proteine vegetali
Food

Proteine vegetali, la nuova frontiera dei consumi alimentari

Le proteine vegetali non sono solo una moda passeggera: gli alimenti plant based sono acquistati abitualmente dal 54% dei consumatori, per un giro di affari che nel 2030 sarà, secondo le stime, di 25 miliardi di dollari.
di redazione
proteine vegetali
diversity&inclusion
Lavoro

Accoglienza alle diversità e inclusione partono anche dal luogo di lavoro

Diversity&Inclusion, il nuovo libro di Claudio Barnini racconta come un gruppo di aziende ha interpretato il tema della diversità e dell’inclusione sul posto di lavoro.
di redazione
diversity&inclusion
Friuli Venezia Giulia
Lavoro

Modello Friuli Venezia Giulia per un sistema di lavoro efficiente: superati gli obiettivi del PNRR

La Regione Friuli Venezia Giulia ha già raggiunto gli obiettivi nazionali ed europei del PNRR in materia di lavoro. Si può parlare di un vero e proprio “modello Friuli Venezia Giulia” che mette in primo piano la funzione dei Centri per l’Impiego e la sinergia tra pubblico e privato, tra lavoro, formazione e famiglia.
di Marco Ricceri*
Friuli Venezia Giulia
sabino cassese
Intervista

L’Italia disunita ha urgente bisogno di riforme: a colloquio con Sabino Cassese

Il Prof. Sabino Cassese, giurista ed ex ministro del Governo Ciampi, in occasione del suo ultimo saggio “Amministrare la nazione” analizza in un’intervista i temi delle riforme in Italia, della coesione territoriale e politica, della Pubblica amministrazione e della scarsa partecipazione alla politica attiva.
di Massimiliano Cannata
sabino cassese
Zimbabwe
Internazionale

La perdurante crisi dello Zimbabwe

Nel 2022, il tasso d'inflazione nello Zimbabwe ha raggiunto e superato il 200% segnando uno dei momenti di maggiore gravità della recente crisi economica e sociale che caratterizza il Paese. Pur essendo distanti dai livelli raggiunti negli anni dell'iperinflazione (2007-2008 con tassi di inflazione superiori al 100.000%), la perdurante precarietà finanziaria rappresenta un elemento in grado di alimentare l'instabilità politica e sociale nell'anno delle elezioni Presidenziali.
di Emanuele Oddi*
Zimbabwe