Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

Relazione DIA

È stata resa pubblica oggi la Relazione Semestrale DIA sull’attività svolta e risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia nel primo semestre del 2023. L’analisi del fenomeno criminale realizzata della DIA conferma come le organizzazioni mafiose, da tempo avviate ad un processo di adattamento ai diversi contesti socio-economici ed alla penetrazione dei settori imprenditoriali, abbiano sostituito l’uso della violenza, sempre più residuale ma mai ripudiato, con strategie di silenziosa infiltrazione e con azioni corruttive. Questo cambiamento nella gestione delle relazioni con l’esterno è dimostrato, da un lato, dalle numerose indagini condotte sull’accaparramento di appalti e servizi pubblici e, dall’altro, dagli omicidi commessi in contesti di mafia, soprattutto nel territorio campano e pugliese, e i sequestri di armi effettuati anche in questo semestre. Questo cambiamento di strategia relazionale permette alle mafie di insinuarsi in contesti “sani” imprenditoriali allo scopo di cercare sbocchi per investire capitali illegali in attività legali. L’uso della tecnologia assume un ruolo determinante per l’attività illecita delle organizzazioni criminali, che con sempre maggiore frequenza utilizzano i sistemi di comunicazione crittografata, le molteplici applicazioni di messaggistica istantanea e i social.

Relazione DIA in numeri, confiscati beni per 120 milioni di euro

Nei primi sei mesi del 2023, l’attività preventiva della DIA ha portato al sequestro di beni per oltre 29 milioni di euro e della confisca di beni per oltre 120 milioni. La DIA, nel semestre considerato, ha inoltre concluso 13 attività investigative (delle quali 3 relative a Cosa nostra, 4 di ‘ndrangheta, 2 di camorra, 3 di altre organizzazioni criminali, 1 di criminalità organizzata straniera) ed eseguito 63 provvedimenti restrittivi della libertà personale. Inoltre, nel periodo in esame sono pervenute 46 proposte di adozione del provvedimento di sospensione di operazioni sospette, laddove una ha portato ad un sequestro di 250 mila euro alla camorra. Allo stato, sono in corso 295 attività di polizia giudiziaria, di cui 77 operazioni denominate e 218 indagini relative ad accertamenti investigativi connessi a procedimenti penali. Di queste ne sono state avviate 32 nel corso del semestre.

Sequestri di armi, i conflitti semplificano i traffici anche nel nostro Paese

Un dato rilevante e trasversale che emerge dalla Relazione DIA del primo semestre 2023 è sicuramente costituito dai cospicui sequestri di armi, anche da guerra (fucili d’assalto Kalashnikov AK47 e Heckler & Koch G3, bazooka e granate MK2), operati dalle Forze di Polizia nei confronti di tutte le consorterie criminali organizzate. Le evidenze investigative hanno portato alla luce, ad esempio, un episodio in cui un gruppo ‘ndranghetista aveva offerto un container di armi da guerra a un’organizzazione paramilitare brasiliana che, in cambio, avrebbe spedito ingenti quantità di stupefacenti presso il porto di Reggio Calabria. La guerra russo-ucraina, in questo contesto, favorisce il traffico di armi da guerra da quel territorio verso i confini nazionali. La disponibilità di armi da parte delle associazioni mafiose presenta manifestazioni differenti a seconda dei territori. Nel caso delle mafie pugliesi, l’utilizzo delle armi, anche da guerra, è strumentale ad attività particolarmente diffuse in quelle zone come gli assalti ai portavalori, le rapine agli autotrasportatori, assalti ai caveaux, estorsioni. Nel caso della camorra, invece, sembra registrarsi un crescendo nella corsa agli armamenti da parte dei clan “satelliti” di quelli dominanti, che non pare sempre trovare giustificazione in faide e contrapposizioni armate. Si tratta spesso di gruppi e cani sciolti, in molti casi di giovanissima età, che girano armati per presidiare il territorio, mostrandosi pronti a fare fuoco in ogni momento, secondo le connotazioni tipiche del “gangsterismo urbano”. Nel contesto campano, secondo il Rapporto Dia, il possesso di armi ha dunque un valore più simbolico che funzionale, teso ad ostentare la forza e la capacità militare dei clan.

Il traffico di stupefacenti resta l’attività principale di profitto per i clan

Dagli esiti delle indagini concluse nel semestre emerge come la principale fonte di redditività dei cartelli criminali, al livello transnazionale, continui ad essere il traffico di sostanze stupefacenti, a volte gestito mediante nuovi modelli organizzativi capaci di sfruttare il web soprattutto nella fase dello smercio. Questo aspetto di “internazionalizzazione” si manifesta a tutti i livelli, anche nell’attività di cessione al minuto, in qualche caso affidata a manovalanza straniera per compiti meramente “esecutivi”. A livello strategico, questa propensione internazionale dei sodalizi si concretizza nella capacità di stringere rapporti con i maggiori narcotrafficanti stranieri per attivare nuovi canali di approvvigionamento dei carichi di stupefacenti. Il narcotraffico è il settore criminale che costituisce la spina dorsale dell’azione mafiosa che, secondo un recente rapporto pubblicato dalla multinazionale americana dei servizi finanziari Nasdaq, è di gran lunga la forma di crimine che nel mondo contribuisce in maggior misura ad alimentare i flussi finanziari illeciti globali e il riciclaggio di denaro sporco (oltre 780 miliardi di dollari su un totale di 3.100 miliardi di dollari, una cifra vicina all’intero debito pubblico italiano, che nel 2025 si prevede raggiungerà i 3mila miliari di euro). Nei traffici di droga Cosa nostra è tra le organizzazioni mafiose più potenti, e mantiene aperto un canale preferenziale di negoziazione con le ‘ndrine calabresi, soprattutto per l’acquisto di cocaina.

Secondo Europol, l’80% delle organizzazioni criminali attive in Europa utilizza le imprese nelle loro attività illecite

Non sono mancati, sebbene limitati a precise aree del meridione, anche nel semestre in rassegna i provvedimenti di scioglimento per infiltrazione mafiosa di 3 amministrazioni comunali in Sicilia, 2 in Calabria e 1 in Puglia, a dimostrazione di come sia ancora il contesto territoriale del meridione ad essere maggiormente permeabile. Si evidenzia inoltre che, dal 1991 al 2023, sono stati sciolti 379 consigli comunali per infiltrazioni mafiose, di cui 25 annullati a seguito di ricorso. A questi si aggiungono 7 aziende ospedaliere (cinque in Calabria e due in Campania). La regione col maggior numero di consigli comunali sciolti per infiltrazione mafiosa è la Calabria (130 Comuni), seguita da Campania (115), Sicilia (93) e Puglia (26 ). Abbiamo poi Lazio (4); Piemonte (3); Liguria (3); Basilicata (2); Lombardia, Emilia Romagna e Valle d’Aosta (1). Ma per comprendere la criminalità organizzata bisogna studiarne anche le manifestazioni affaristico-imprenditoriali. Secondo uno degli ultimi rapporti di Europol, l’80% delle organizzazioni criminali attive in Europa utilizza le imprese nelle loro attività illecite. Anche per le mafie italiane le imprese consentono di infiltrarsi negli appalti, influenzare mercato e pubblica amministrazione, creare consenso sociale, riciclare o muovere fondi illeciti. Le aree geografiche interessate vanno dal Sud al Nord, in ragione della “redditività” e “recettività” del territorio settentrionale, particolarmente promettente sia per il compimento di questi nuovi business criminali, sia per lo svolgimento di attività di riciclaggio, grazie anche alla connivenza di professionisti e imprenditori senza scrupoli. Le province del Nord sono anche quelle con la più intensa attività anti-riciclaggio, secondo le ultime statistiche delle segnalazioni sospette diffuse dall’UIF (43% totale).

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione