Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

economia africana

“Come va l’economia africana” è una domanda estremamente complessa, la cui risposta varia a seconda della prospettiva. Se si adotta una prospettiva meramente economica, che consideri macro-dati quali il Prodotto Interno Lordo di un Paese, allora è possibile affermare che l’economia africana vive oggi un momento estremamente positivo. Nel 2024, difatti, l’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica. Dato complessivamente positivo a livello continentale, confermato anche dall’analisi dei dati a livello dei paesi. Nel 2024, solo due paesi africani avranno un andamento economico negativo, ovvero Sudan e Guinea Equatoriale. La maggior parte dei paesi, invece, conoscerà un’importante crescita economica. Secondo i dati forniti dalla Banca Mondiale, 6 dei 10 paesi che cresceranno di più al mondo nel 2024 saranno africani: Niger, Senegal, Costa d’Avorio, Ruanda, Repubblica Democratica del Congo ed Etiopia.

Secondo i dati forniti dalla Banca Mondiale, 6 dei 10 paesi che cresceranno di più al mondo nel 2024 saranno africani

Tuttavia, una prospettiva esclusivamente economica ed incentrata sui macro-dati non consente di cogliere il quadro complessivo dell’andamento economico di un Continente ed un sistema di paesi estremamente complesso. Oltre, quindi, a considerare le variabili economiche, altre variabili quali l’andamento dei conflitti armati, delle tensioni politiche, delle crisi energetiche e climatiche devono essere prese in considerazione per fornire un quadro che sia li più possibile corrispondente a realtà. Queste congiunture negative determinando pertanto una discrepanza tra il dato meramente economico e quello reale. Per comprendere al meglio questa discrepanza, è possibile analizzare proprio quei 6 paesi che più degli altri cresceranno nel Continente africano nel 2024. La crescita del Niger, dell’oltre il 12%, risulta, almeno parzialmente, riconducibile alla fase di cristallizzazione del nuovo assetto politico e istituzionale del paese successivamente al colpo di stato militare dello scorso anno. Il Senegal crescerà di oltre il 6%, tuttavia le ultime elezioni (marzo 2024) hanno restituito un quadro politico turbolento e frastagliato, con incertezze circa il futuro prossimo del paese. Ruanda e Repubblica Democratica del Congo (RDC) anch’esse cresceranno ben oltre il 6% nel corso del 2024. Tuttavia, le tensioni militari e politiche tra questi due paesi non sono mai state così alte dai primi anni 2000. Ad oggi, Kinshasa e Kigali proseguono la loro guerra per procura nelle province orientali della RDC e sussiste il rischio concreto di un confronto militare sempre più aspro fra i due paesi.

Oltre alle variabili economiche, va considerato l’andamento dei conflitti armati, delle tensioni politiche, delle crisi energetiche e climatiche 

Infine, l’Etiopia crescerà oltre il 6% ed è ad oggi considerata il motore dell’economia del Corno d’Africa. Tuttavia, Addis Abeba è attanagliata da conflitti intestini estremamente gravi: il conflitto che si è svolto nel Tigrai (2020-2022) e quelli tutt’ora in corso nelle regioni dell’Amhara e dell’Oromia. Quest’instabilità politica e questi conflitti armati stanno avendo conseguenze dirette negative sull’economia etiope, che nel dicembre 2023 ha dovuto dichiarare lo stato di default a causa del mancato pagamento di alcuni bond. L’Etiopia non è stato il primo paese africano che negli ultimi anni hanno dichiarato lo stato di default. Addis Abeba ha di fatto seguito lo Zambia e il Ghana e forse preceduto il Kenya.
A questi elementi di carattere politico e militare, si sommano anche le crisi climatiche e i disastri naturali, che sono sempre più frequenti e sempre più intensi in differenti regioni del Continente africano. Nei primi mesi del 2024 lo Zambia ha dichiarato lo Stato d’Emergenza a causa della siccità e delle conseguenti crisi alimentare, sanitaria ed energetica. Crisi energetica che sta interessando con particolare intensità l’Africa australe e soprattutto il Sudafrica. 

L’economia del Continente crescerà tra il 3,8% e il 4% e sarà la seconda a livello mondiale dopo quella asiatica

Alla luce di quanto detto, dati economici estremamente positivi e congiunture negative in qualche modo vanno a oggi bilanciarsi per il Continente africano. Tuttavia, una prospettiva sull’andamento economico del Continente non può non considerare anche uno sguardo all’Africa di domani, ovvero come si stanno muovendo i paesi africani oggi nello scacchiere mondiale e cosa stanno facendo per limitare quelle congiunture negative. Ciò che si rileva è che i paesi africani stanno agendo in maniera sempre più concreta ed efficace per limitare le congiunture negative attraverso la stimolazione degli investimenti stranieri (soprattutto nel settore delle infrastrutture), tentando di rivoluzionare l’interscambio commerciale tra intrafricano (AfCTA) e andando a riposizionare l’Africa e i singoli paesi all’interno dello scacchiere globale e internazionale (BRICS), affinché i dati economici estremamente positivi siano sempre più aderenti alla realtà.

*Emanuele Oddi, analista, ricercatore dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang