Africa e Italia, equilibri economici e partnership nel continente in crescita

africa

Oggi l’Africa è al centro del dibattito politico internazionale per molte ragioni. Per l’Unione europea, è il punto di partenza di molti viaggi migratori, questione che sta creando non poche discussioni e scontri tra gli Stati Membri su gestione dei flussi e dei rapporti con le Ong, oltre che con le autorità locali che usano le migrazioni come merce di scambio. Questo quadro emerge chiaramente dalle analisi contenute nel Rapporto Italia 2023 dell’Eurispes. L’Africa è inoltre il luogo dove si giocano nuovi equilibri geopolitici, con una forte presenza di Russia e Cina in cerca di una egemonia alternativa al blocco Nato. Oggi è un continente agitato da preoccupanti disordini politici e conflitti, ma ricco di opportunità economiche portate avanti da una nuova generazione di giovani africani che emerge per creatività e innovazione. In riferimento ai numeri riportati dalla Banca Africana per lo Sviluppo (African Development Bank Group-AfDB), sappiamo che nel 2022 il Pil del continente africano ha conosciuto una crescita del 3,8%, sebbene in calo rispetto al 2021 (4,8%): un incremento superiore alla media globale che fa dell’Africa il secondo continente, dopo l’Asia, per crescita economica. La regione che ha conosciuto la crescita maggiore è quella dell’Africa Centrale (4,7%); quella con la crescita più ridotta l’Africa Occidentale (3,6%). In linea generale, nel 2022 l’economia del continente è stata trainata più da paesi come il Congo, la Costa d’Avorio e il Kenya e non dalle superpotenze (Egitto, Nigeria e Sudafrica). Gli investimenti stranieri hanno conosciuto una flessione, confermando il trend negativo dal 2016 in poi.

L’Africa è il secondo continente, dopo l’Asia, per crescita economica

Nel 2022 l’interscambio commerciale dell’Italia ha fatto registrare un saldo negativo di 31 miliardi di euro, ovvero il valore ha superato quello dell’export per la prima volta dal 2011. A pesare è la vertiginosa crescita dell’import, +36,5% nel 2022. Secondo quanto riportato dall’Osservatorio Economico del MAECI, l’interscambio commerciale tra l’Italia e l’Africa tra il 2016 e il 2022 ha conosciuto una crescita complessiva del 105%. Un incremento dettato soprattutto dalle importazioni che rappresentano oggi da sole il 70% dell’interscambio totale. Nel 2022, la Tunisia ha assorbito il 19,2% dell’export italiano verso l’Africa, seguita da Egitto (16,9%) e Marocco (13,2%). Complessivamente Marocco, Algeria, Tunisia, Libia ed Egitto hanno attratto il 70,2% delle esportazioni verso il continente. Le esportazioni italiane verso l’Africa sono costituite per lo più da prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (21,9%) e macchinari industriali. L’Italia importa beni per maggior valore da Algeria e Libia, che rispettivamente rappresentano il 36,7% ed il 21,2% dell’import italiano dall’Africa. Il principale prodotto africano importato dall’Italia è il gas naturale (39,4%), seguito dal petrolio (27,5%) e da metalli non ferrosi (6,6%). Il paese con i valori d’interscambio maggiori è il Sudafrica, con esportazioni dall’Italia per un valore complessivo di €2,181 miliardi ed importazioni verso l’Italia di € 2,44 miliardi. Seguono poi la Nigeria e l’Angola.

L’import dal continente africano riguarda i settori energetico, metallurgico e minerario

Considerando l’interscambio tra l’Italia e l’Africa, è possibile dividere il continente in 4 macro-regioni di interesse: Africa del Nord, dove import/export sono fondati su solidi rapporti; Africa meridionale, con il Sudafrica come principale mercato; Africa Occidentale dove il commercio interessa soprattutto il settore oil&gas, (Nigeria), e quello delle terre rare (Ghana); Africa Orientale, dove i rapporti commerciali con l’Italia risultano ancora in una fase embrionale. Per quanto concerne i beni esportati ed importati nel 2022 si rileva quindi una netta preponderanza dei settori energetico, metallurgico e minerario. Nel 2022, le esportazioni italiane verso il Sudafrica hanno conosciuto un incremento del 4,4%, per un valore complessivo di 2,181 miliardi. La maggior parte delle esportazioni hanno interessato macchinari e prodotti industriali e chimici. L’import, invece, è costituito per oltre l’80% dai settori metallurgico e minerario, in particolare oro e platino. Complessivamente, l’interscambio tra Italia e Sudafrica, nel 2022, ha avuto per Roma un saldo negativo, in linea con quanto registrato a livello continentale. L’interscambio tra Italia ed Etiopia ha avuto invece un saldo positivo di €0,06 miliardi. Le esportazioni italiane verso l’Etiopia consistono in macchinari industriali, apparecchiature elettriche, autoveicoli e rimorchi.

Con il 60% della popolazione del continente al di sotto dei 25 anni, l’Africa è il continente più giovane al mondo

Con il 60% della popolazione del continente al di sotto dei 25 anni, l’Africa è il continente più giovane al mondo. Un dato controcorrente rispetto a quelli rivelati dall’Istat per il nostro Paese, dove gli over 65 oggi sono il 24% della popolazione e nel 2050 saranno il 34,9%. Questa peculiarità potrebbe avere per l’Italia un duplice risvolto economico: in primo luogo, si potrebbero avviare nuove partnership finanziarie con le nascenti start-up in Nigeria, Kenya, Sudafrica ed Egitto. In secondo luogo, la crescita demografica sta progressivamente ampliando le necessità d’importazioni da parte del continente. Il quadro che emerge è di un interscambio con volumi, valore ed eterogeneità ad oggi estremamente contenuti. Tuttavia, i profondi mutamenti che stanno interessando il continente africano rappresenteranno nei prossimi anni per l’Italia una concreta opportunità di sviluppo di partnership eque, solide e diversificate.

*Emanule Oddi, analista, ricercatore dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse