Rendicontazione di sostenibilità: nuovi obblighi, problemi e prospettive

sostenibilità

La richiesta da parte dell’opinione pubblica di maggiore trasparenza in merito alla sostenibilità e all’impatto complessivo che le attività economiche hanno sul Pianeta, insieme alla consapevolezza dei rischi associati al greenwashing, stanno aumentando in tutto il mondo la pressione per la misurazione e la comunicazione della performance secondo standard condivisi. In àmbito corporate si fa perlopiù riferimento a questi temi con l’acronimo “ESG”, che richiama l’esigenza di prestare attenzione non solo alla dimensione finanziaria, ma anche alle implicazioni positive e negative che le imprese hanno sull’ambiente, sulla società e sul rispetto delle aspettative dei diversi stakeholder (governance).

Si prevede che il numero di soggetti tenuti a rendicontare secondo i nuovi standard passi da 11.600 a 49.000

In Europa uno sviluppo importante in questo ambito è l’imminente approvazione della Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), attesa entro la fine del 2022. Le norme attualmente in vigore in Italia (D.Lgs. 254/16) rispecchiano quanto previsto dalla cosiddetta Non-Financial Reporting Directive(Direttiva 2014/95/EU): si applicano solo alle entità di interesse pubblico con oltre 500 dipendenti, non prevedono l’adozione di un preciso standard di rendicontazione e non comportano sanzioni qualora l’obbligo di disclosure della performance non finanziaria non sia rispettato. La CSRD rappresenta un’innovazione radicale, estendendo l’obbligo di rendicontazione, secondo standard molto puntuali atti a garantire maggiore confrontabilità dei dati, a tutte le “grandi” imprese, definite come le realtà che rispettano due fra i seguenti tre criteri: numero di occupati superiore a 250, fatturato superiore a 40 milioni di euro, attivo di bilancio superiore a 20 milioni di euro. Le imprese assoggettate alla CSRD, tra l’altro, non dovranno solo rendicontare a posteriori, bensì esplicitare obiettivi e strategie ex ante e comunicare ex post in quale misura quegli obiettivi sono stati raggiunti. La nuova direttiva si applicherà anche alle PMI, qualora abbiano emesso titoli quotati su uno dei mercati borsistici europei; si prevede pertanto che il numero di soggetti tenuti a rendicontare secondo i nuovi standard passi da 11.600 a 49.000. L’impatto sostanziale della CSRD, peraltro, sarà ancora più ampio, perché le grandi imprese dovranno rendicontare anche l’impatto in termini di sostenibilità delle attività esternalizzate, e chiederanno dunque le relative informazioni a tutta la loro catena di fornitura, PMI comprese.

La rendicontazione di sostenibilità si applicherà anche alle PMI

Questa crescita impetuosa nel numero di soggetti tenuti a rendicontare la propria performance in termini di sostenibilità comporterà una domanda di competenze senza precedenti. L’offerta peraltro è limitata, anche in considerazione della pervasività dei nuovi standard: mentre le grandi accounting firm stanno già allineando i loro organici e la loro gamma di servizi a questo nuovo scenario, gli studi professionali di piccola e media dimensione rispondono con maggior lentezza. Alla luce dello sbilanciamento tra domanda e offerta è verosimile attendersi che i prezzi per questi servizi crescano e che la scelta, la concorrenza e la qualità offerta ne risentano negativamente.

Lo sbilanciamento tra domanda e offerta sarà risolto da investimenti sul potenziamento delle professionalità necessarie

Ad evidenza, l’unica soluzione a questo sbilanciamento tra domanda e offerta è un significativo investimento sul potenziamento delle professionalità necessarie. I partner coinvolti nel progetto “Bilancio integrato per la trasparenza nelle PMI” (“Integrated Reporting for SME Transparency” – INTEREST*), finanziato dal Programma europeo Erasmus+, hanno l’ambizione di poter contribuire in questa direzione. Nel 2018, quando il progetto fu concepito, tutti i proponenti erano consapevoli della crescente pressione verso la disclosure della performance non finanziaria, ma la rapidità degli sviluppi normativi ha superato qualsiasi aspettativa. Sotto la guida della Budapest Business School, altre cinque università europee e una serie di associazioni imprenditoriali e di specialisti contabili di livello regionale, nazionale e comunitario hanno elaborato:

  • un documento di riferimento (“Integrated Reporting for SMEs: A Framework for Action”) basato sulle linee guida dell’International Integrated Reporting Committee, necessario a chiarire gli obiettivi ed esplicitare i principi e gli elementi imprescindibili di un bilancio integrato per le PMI;
  • una “Guida al bilancio integrato per le PMI”, disponibile in italiano oltre che in inglese, polacco, romeno, spagnolo, tedesco e ungherese, che ha l’obiettivo di supportare passo per passo il percorso di adozione dello strumento e dell’approccio concettuale alla misurazione della performance sul quale lo strumento si basa;
  • un intero “Programma di formazione al bilancio integrato per le PMI”, comprensivo di syllabus, materiali didattici, strumenti analitici web-based e questionari di auto-valutazione dell’apprendimento, testato “sul campo” supportando i proprietari e i dipendenti di quasi cento PMI di sei paesi nello sviluppo del bilancio integrato per l’esercizio 2021.

*Tutti i materiali sviluppati nel quadro del progetto INTEREST possono essere richiesti agli autori dell’articolo ([email protected]; [email protected]) o al Laboratorio sulla Sostenibilità dell’Eurispes ([email protected]).
**Università Bocconi e Università degli Studi di Udine.

Leggi anche

Ultime notizie
Osservatorio Giochi
Gioco

Osservatorio Giochi: il distanziometro e la “marginalizzazione” del gioco pubblico voluta dalle Regioni

Osservatorio Giochi, le politiche regionali più che espulso, hanno “marginalizzato” il gioco per contrastarne i conclamati effetti negativi. L’industria del gioco legale è inoltre sottoposta a rigide regolamentazioni e stringenti controlli, eppure è un settore che patisce cattiva informazione.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
Osservatorio Giochi
principio di rotazione
Criminalità e contrasto

Appalti, il principio di rotazione fra teoria e pratica

Il principio di rotazione garantisce trasparenza e imparzialità negli appalti pubblici, e impatta sulle procedure di oltre il 70% del totale degli affidamenti. Ma ne andrebbe differenziata l’applicazione in ragione della tipologia di affidamento.
di Simone Cannaroli
principio di rotazione
Covid
Società

Le domande inevase sul Covid

Dopo la pandemia è rimasto un obbligo di chiarezza verso i singoli e la collettività, per dare conto di quanto ha funzionato e di ciò che è gravemente mancato. Le aspettative di verità e i desideri di giustizia sono troppo ampie per confidare soltanto sul processo penale: gestione delle emergenze, funzionamento della sanità pubblica, capacità di coordinamento dello Stato.
di Angelo Perrone
Covid
Intervista

Insularità e autonomia differenziata. A che punto siamo? Intervista al Prof. Aldo Berlinguer

La nostra Costituzione riconosce il principio dell’insularità grazie alle modifiche intervenute nell’art. 119. D’altronde, l’applicazione di tale principio porta con sé ancora...
di Susanna Fara
Osservatorio sulla PA

Appalti: il principio del risultato, la novità

Il nuovo Codice Appalti 2023 si apre con l’enunciazione dei princìpi ispiratori e con quella che potrebbe rappresentare la novità più rilevante del nuovo impianto normativo: il principio del risultato.
di Simone Cannaroli
armi da fuoco
Sicurezza

Armi da fuoco, un pericolo prima che una difesa per la maggioranza degli italiani

Armi da fuoco, un italiano su quattro le comprerebbe per sé, ma il 44,8% del campione le considera un pericolo più che una opportunità. A giudizio di circa un italiano su tre non dovrebbero incriminare chi reagisce a una rapina. Cresce la paura di essere vittima di omicidio.
di redazione
armi da fuoco
sicurezza
Sicurezza

Cittadini e sicurezza: tra realtà e percezione. Emergono sfiducia nei mass-media e timore dei reati informatici

Sicurezza e cittadini, qual è il rapporto tra realtà e percezione? Il furto in casa è il reato più temuto da sempre, ma cresce la preoccupazione per il furto di dati su Internet, fenomeno incrementato dagli acquisti online in pandemia. Media poco attendibili, solo il 27,9% del campione li giudica realistici.
di Angelo Caliendo
sicurezza
criminalità
Sondaggi & Ricerche

Delittuosità in Italia: meno omicidi ma cresce la criminalità minorile

Criminalità in Italia, l’indagine Eurispes evidenzia un dimezzamento degli omicidi dal 2007 a oggi, ma preoccupa la criminalità minorile, in crescita del +13,8% dal 2019.
di redazione
criminalità
metaverso
Tecnologia

Metaverso, che cosa ne pensano gli italiani

Fra criticità e opportunità, il mondo del Metaverso sta andando rapidamente avanti e sembra essere ormai una realtà con cui l’umanità sarà destinata a convivere. Ma quanto ne sanno gli italiani di questo mondo che si muove all’interno delle nuove tecnologie della comunicazione? Che cosa ne pensano e quali sensazioni evoca in loro? L’Eurispes ha cercato di dare risposta a queste domande sondando l'opinione dei cittadini.
di redazione
metaverso
autoconsumo
Sostenibilità

La valorizzazione dell’autoconsumo: nuovi perimetri per l’energia elettrica condivisa e autoconsumata

Autoconsumo, si va verso la definizione dei soggetti interessati e dei perimetri geografici che agevolano le comunità energetiche. Il Testo Integrato sull’Autoconsumo Diffuso adottato da Arera ha lo scopo di semplificare e razionalizzare le regole per l’accesso al servizio di autoconsumo.
di Avv. Daniela Pappadà
autoconsumo