Dal reddito personale al quoziente familiare: uno strumento di sostegno per le famiglie

quoziente familiare

Il quoziente familiare è un indicatore della situazione economica delle famiglie che, al momento, viene utilizzato solo in via di sperimentazione per l’agevolazione del Superbonus edilizio al 90% sugli edifici unifamiliari. L’intenzione del Governo è però quello di estendere la sua portata nel 2024, anche in termini di imposizione generale Irpef. Rispetto all’ISEE, il quoziente familiare è un indicatore più semplice, perché si ottiene dividendo il reddito complessivo del nucleo familiare per il numero dei suoi componenti in base a dei coefficienti, senza tener conto della composizione del patrimonio, come invece fa l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE). Chiaramente, entrambi gli indicatori favoriscono le famiglie con più figli, anche se con motivazione differenti: il quoziente familiare perché divide il reddito per un numero maggiore di componenti, l’ISEE perché considera la presenza di figli come un fattore che aumenta il bisogno economico della famiglia. Il modello ISEE ha, tuttavia, molti limiti e proprio per questo potrebbe essere sostituito dal quoziente familiare, nell’ambito del quale, come detto, le aliquote d’imposta si basano sul reddito familiare diviso per il numero di componenti, corretti per una scala di equivalenza. In questo modo, almeno sotto il profilo delle imposte dirette, si può realizzare infatti una maggiore equità orizzontale, bilanciando in tal modo anche la regressività tipica delle imposte indirette sui consumi dei redditi familiari più bassi.

Il quoziente familiare è un indicatore della situazione economica delle famiglie ad oggi utilizzato solo in via di sperimentazione

L’ISEE, del resto, potrebbe anche fungere, in una prima fase, da base di partenza per tale riforma, già considerando questo strumento il reddito complessivo del nucleo familiare, più il 20% del patrimonio mobiliare e immobiliare, diviso per una scala di equivalenza, laddove il primo membro “pesa” 1, il secondo 0,57, il terzo (che corrisponde al primo figlio) 0,47, il quarto (che corrisponde al secondo figlio) 0,42, con poi maggiorazioni per il terzo figlio e per problemi di disabilità. L’ISEE dovrebbe essere comunque, più correttamente, uno strumento di politica assistenziale e non di politica familiare, dato che la famiglia deve essere sostenuta indipendentemente dal reddito (seppur con correttivi calibrati appunto a seconda del reddito). Per questo motivo, in una riforma complessiva della fiscalità della famiglia, bisognerebbe fare rientrare, oltre al quoziente familiare, passando dalla tassazione su base individuale a quello della tassazione per parti, anche l’Assegno unico universale. Introdurre anche in Italia il quoziente familiare secondo il modello francese potrebbe senz’altro comportare per le famiglie un risparmio medio annuo di imposta; risparmio che andrebbe ad aumentare al crescere del reddito e del numero dei componenti delle famiglie. Per fare un esempio, in una famiglia composta da due genitori e tre figli con reddito complessivo di 60.000 euro, la base imponibile sarà: 60.000/(2+0,5+0,5+1) = 15.000 euro. A parità di reddito, ma con un solo figlio, la situazione sarebbe invece pari a 60.000/(2+0.5) = 24.000 euro. Su questa base imponibile si dovrebbe applicare poi l’aliquota Irpef. Il costo di una tale operazione sarebbe peraltro almeno in parte compensato dall’incremento dei consumi familiari, con conseguente maggior gettito fiscale generale.

Il modello francese di quoziente familiare, qualche esempio in numeri

Analizziamo ora alcuni esempi basati sul quoziente familiare come sistema di calcolo. Utilizzando il sistema vigente in Francia, in caso di un cittadino single con un reddito imponibile di 30mila euro senza alcuna deduzione o detrazione, essendo il coefficiente pari a 1, il quoziente familiare risulterà di 30mila euro e il totale di imposta da pagare (con aliquota marginale del 30%) sarà pari a 2.921,95 euro. Nel caso di una coppia senza figli con reddito imponibile di 60mila euro, dividendo il reddito imponibile per il coefficiente determinato dai componenti del nucleo familiare, otterremo un quoziente familiare di 30mila euro. L’imposta da pagare per ciascun componente della coppia sarà dunque ancora una volta di 2.921,95 euro. Questo importo dovrà però essere poi moltiplicato di nuovo per il coefficiente utilizzato per calcolare il quoziente familiare. L’imposta totale per l’intera famiglia sarà dunque di 5.843,90 euro. Nel caso di un genitore single con due figli e un reddito di 30mila euro, il quoziente familiare sarà di 12mila euro (ovvero 30mila diviso 2,5), per un’imposta di 195,25 euro che, moltiplicata per il coefficiente di 2,5, darà un totale di 488,12 euro. Rispetto al lavoratore single del primo esempio, a parità di reddito, il risparmio sarà di ben 2.433 euro. Nel caso, infine, di una coppia con due figli e reddito di 60mila euro, l’imponibile questa volta dovrà essere diviso per tre (2+0,5+0,5); di conseguenza, il quoziente familiare sarà pari a 20mila euro. In tal caso, il vantaggio fiscale diventa evidente. I due coniugi pagheranno infatti lo 0% sul reddito fino a 10.225 euro (soglia della no tax area in Francia) e l’11% sulla differenza tra 20mila euro (ovvero il reddito calcolato sulla base del quoziente familiare) e 10.226 euro, la parte di reddito eccedente l’importo massimo dello scaglione precedente. In sostanza, bisognerà calcolare l’11% di 9.775 pari a 1.075,25 euro. Questo importo andrà poi moltiplicato di nuovo per 3, ovvero il coefficiente del quoziente familiare. La famiglia presa in esame pagherà dunque 3.225,75 euro, ben 2.618 euro in meno rispetto a una famiglia senza figli con lo stesso reddito.

Bisogna pensare a una riforma complessiva della fiscalità della famiglia che introduca anche il quoziente familiare

In conclusione, è senz’altro necessario perseguire una concreta politica di equità fiscale, ancor più rilevante laddove sia di aiuto alle famiglie. In tal senso, l’assegno universale è stato certamente un primo passo importante, ma tale innovativa introduzione dovrebbe comunque legarsi ad una riforma complessiva della fiscalità della famiglia, che introduca, a sostegno dello stesso assegno, anche il detto quoziente familiare. Il Testo unico delle imposte sui redditi, del resto, interviene già oggi per agevolare le famiglie con meccanismi di detrazione fiscale legati alla tipologia di familiari a carico e all’ammontare del reddito del singolo contribuente. Un sistema che prevede, sostanzialmente, delle detrazioni il cui ammontare decresce in rapporto all’aumentare dei redditi, con un sistema di calcolo che è, tuttavia, oltremodo farraginoso. Il sistema del quoziente familiare, intervenendo attraverso coefficienti da applicare al reddito familiare, variabile in ragione della numerosità dei familiari a carico, supererebbe invece il sistema delle detrazioni per carichi di famiglia, con vantaggi (in termini di risparmio fiscale) assicurati dal fatto che le aliquote progressive verrebbero applicate sul reddito medio pro capite (per definizione inferiore) e non sul reddito di ogni componente familiare. Una tutela ulteriore dovrebbe essere poi rivolta alle famiglie al cui interno vi siano persone affette da disabilità, attraverso una ulteriore riduzione della base imponibile. L’agevolazione non dovrebbe comunque spettare a tutti, ma solo entro un determinato reddito lordo familiare (per esempio, tra i 50-60mila euro annui di reddito complessivo lordo). Infine, per eliminare possibili “distorsioni” si potrebbero utilizzare metodi correttivi o integrativi di controllo, come, ad esempio, l’utilizzo degli ISA (gli Indicatori Sintetici di Affidabilità fiscale).

*Giovambattista Palumbo, Direttore dell’Osservatorio dell’Eurispes sulle Politiche fiscali.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione