Riforma fiscale in Italia, un programma ambizioso quanto necessario

riforma fiscale

Il Rapporto Italia del 2021 vantava tra le sue schede di approfondimento anche una sulle prospettive di una riforma fiscale in Italia. Nella relazione introduttiva di quell’anno si evidenziava che, se come diceva Shakespeare nel Giulio Cesare «gli uomini in certi momenti sono padroni del loro destino», questo era il tempo di dimostrarlo. Emergeva quindi, già all’epoca, come fosse essenziale per il Paese chiarire l’idea di Fisco che l’Italia voleva avere per il futuro delle prossime generazioni. 

Già nel 2021 Eurispes rilevava un improcrastinabile intervento sul sistema fiscale

Partendo dall’analisi di allora, l’Eurispes rilevava come fosse necessario valutare l’opportunità di un ricorso alla riduzione delle aliquote Irpef, proponendo che le due centrali del 38% (tra i 28mila e i 55mila euro) e del 41% (tra i 55mila e i 75mila euro lordi) fossero unite in un’unica area del 36%, coinvolgendo così 8,2 milioni di contribuenti, con un costo stimato di circa 5 miliardi. In alternativa, si proponeva poi un accorpamento delle prime due aliquote, quelle del 23% per i redditi fino a 15.000 euro e del 27% per i redditi fino a 28.000 euro, in una sola aliquota – pari, ad esempio al 20% ‒ da applicarsi a tutti i contribuenti con redditi fino a 28.000 euro. O, infine, l’introduzione di un’aliquota unica tra i 15mila e i 75mila euro al 27%, con aliquota al 43% per i redditi oltre i 75mila euro e del 23% per quelli sotto i 15mila euro.

In conclusione, già due anni fa, a prescindere da quale strada fosse in concreto ritenuta preferibile, era certo che un intervento sul sistema fiscale era ormai improcrastinabile, visto anche che, prendendo in considerazione la busta paga lorda di un lavoratore medio italiano, ammontante a meno di 30.000 euro, tale soggetto era (ed è) considerato, ai fini Irpef, come uno dei contribuenti più ricchi, colpito da un’aliquota marginale del 38%, laddove, invece, un’azionista di una grande azienda poteva (e può) invece guadagnare milioni grazie ai dividendi ricevuti, pagando un’imposta con un’aliquota fissa del 26%.

Un lavoratore medio italiano è considerato ai fini Irpef come uno dei contribuenti più ricchi

L’esigenza di una riforma dell’Irpef e del sistema fiscale in generale derivava e deriva quindi dalla necessità di correggere alcune criticità che, nel tempo, hanno allontanato tale imposta dai canoni costituzionali di equità, con aliquote marginali elevate sui redditi bassi, detrazioni decrescenti al crescere del reddito (che provocano sui redditi medio-bassi il cosiddetto ‘salto di aliquota’, ossia uno scalino dell’aliquota marginale sui redditi aggiuntivi) e una progressività molto elevata per livelli bassi di reddito imponibile (progressività che invece si riduce molto per i livelli elevati di reddito). Altro che sistema fiscale da non toccare, pena una violazione dei principi costituzionali di equità e capacità contributiva. Insomma, è arrivato il momento di programmare il futuro, anche fiscale, del nostro Paese.

Delega di riforma fiscale

La riforma introdotta dalla Legge delega sembra andare nella direzione giusta, e sembra farlo anche in modo veloce, o almeno si spera. Dall’entrata in vigore della legge scatteranno infatti i ventiquattro mesi a disposizione del Governo per dare concreta attuazione alla riforma attraverso i necessari decreti legislativi, rispettosi, oltre che dei princìpi costituzionali e del diritto dell’Unione europea e internazionale, anche dei princìpi e dei criteri definiti con la medesima delega, tra cui, in particolare:

  • stimolare la crescita economica e la natalità;
  • prevenire e ridurre l’evasione e l’elusione fiscale;
  • introdurre incentivi all’investimento;
  • modificare il rapporto Fisco/contribuente, rafforzando l’obbligo di motivazione degli atti impositivi, con indicazione delle prove su cui si fonda la pretesa;
  • applicare in modo generalizzato il principio del contraddittorio.

Il tutto disciplinato con un unico Codice del diritto tributario, anche al fine di migliorare la chiarezza e la conoscibilità delle norme e la certezza dei rapporti giuridici.

Nuovo fisco e incentivi ai prodotti green

Tutto questo dovrà avvenire a costo zero, senza incremento della pressione tributaria, con, sullo sfondo, il passaggio a un sistema caratterizzato da una aliquota impositiva unica, che mantenga comunque la tendenziale progressività del sistema attraverso no tax area e detrazioni. Non mancano poi propositi di interventi di revisione delle disposizioni in materia di accisa e delle altre imposte indirette sulla produzione e sui consumi, con il principale obiettivo di incentivare i prodotti green, correlando l’imposizione fiscale all’impatto ambientale

Una riforma fiscale tanto ambiziosa quanto necessaria

Sui giochi, infine, si prevede di introdurre misure di tutela dei soggetti più vulnerabili, con la necessaria concertazione tra Stato, Regioni ed enti locali per pianificare – si spera in modo razionale ed efficiente – la dislocazione territoriale dei luoghi fisici per l’offerta di gioco. Sono poi molte le disposizioni che la legge delega invita ad attuare, tra cui, solo per citarne alcune, il superamento dell’Irap, la revisione delle aliquote Iva, la revisione del sistema riscossorio. 

Tutto troppo bello? Forse, ma ormai non ci possiamo più permettere neppure di essere pessimisti. Un programma, quindi, tanto ambizioso quanto necessario. Speriamo solo di poterne già vedere i frutti e che fra altri due anni non si debba ancora parlare dei sogni di riforma che l’Eurispes aveva già da tempo auspicato.

*Avv. Giovambattista Palumbo, Direttore Osservatorio dell’Eurispes sulle Politiche fiscali.

Leggi anche

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola