Metaverso e fisco, basta applicare le regole vigenti

metaverso

La realtà virtuale è in sempre più rapida espansione. In un tale – ormai attuale e non più futuristico – contesto il Metaverso consente alle persone di svolgere, attraverso avatar, attività lavorative o comunque produttive di redditi che, fino ad oggi, erano compiute solamente nella dimensione fisica.

Metaverso: la difficoltà di fissare regole

Il Legislatore, internazionale e nazionale, sta cercando di adeguarsi alle nuove evoluzioni ma, per quanto cerchi di stare al passo, non riesce proprio ad intercettare un fenomeno i cui tempi non sono certo allineati agli iter normativi, ministeriali e burocratici – e intanto sfuggono all’imposizione tutti i redditi generati nella dimensione virtuale. Nel Metaverso avvengono, del resto, quotidianamente cessioni o locazioni di NFT (Non Fungible Token) regolate da smart contracts. Tutte queste attività, effettuate nel mondo virtuale, generano profitti anche nel mondo reale. Eppure, nelle more di una chiara ed innovativa normativa di settore, per porre un argine ad un’evasione fiscale molto concreta e poco virtuale, potrebbe essere possibile utilizzare le categorie “tradizionali”.

Serve un idoneo criterio di collegamento del mondo virtuale con quello reale

La prima questione da esaminare è ad esempio legata all’identificazione del contribuente, e cioè dell’impresa o della persona fisica operante nel Metaverso. Identificato il soggetto, bisognerebbe poi individuare un idoneo criterio di collegamento del mondo virtuale con quello reale, sia in termini di giurisdizione che di svolgimento del potere accertativo sui redditi prodotti nella dimensione digitale. In particolare, per le imprese create nel Metaverso, quanto alla individuazione della sede (e quindi dell’Ufficio competente al loro accertamento), potrebbe essere utilizzato il criterio di cui all’art. 4 del modello OCSE e art. 73 del Tuir (Testo unico imposte sui redditi), il quale, al comma 3, fa riferimento al luogo in cui si svolge, in concreto, la gestione e la direzione dell’attività d’impresa. A prescindere dal fatto che si svolgano in un mondo virtuale, nessuno può del resto dubitare che le attività economiche svolte nel Metaverso siano attività reali. E allora la nozione fiscale di “sede dell’amministrazione” potrà coincidere con il luogo dove si svolgono le attività di direzione dell’ente, dove si riuniscono i dirigenti societari, o dove si svolgono le assemblee generali. Ai sensi poi dell’art. 73, comma 5 bis, Tuir, la prevalente residenza nel territorio nazionale dei componenti del consiglio di amministrazione di una società può fare presumere, salvo prova contraria, la residenza della stessa società nello Stato italiano.

Metaverso, basterebbe una applicazione ragionata delle regole già vigenti

Sotto il profilo dei redditi prodotti dalla persona fisica, invece, va considerato che, nel Metaverso, una persona fisica, tramite il suo avatar, come nel mondo reale, potrà svolgere un lavoro, dipendente o autonomo, che sarà remunerato sotto forma di cripto-attività o di NFT, che potranno poi essere convertite in moneta legale e rientrare così nel mondo “reale”. Tali remunerazioni hanno naturalmente anche riflesso sulla maggiore capacità contributiva che il “contribuente”, grazie alle attività compiute dal suo avatar nel mondo virtuale, acquisisce nella dimensione fisica. E a questa maggiore capacità contributiva corrisponde (rectius: dovrebbe corrispondere) però allora anche il dovere di compilare la dovuta dichiarazione dei redditi. E questo, a ben vedere, già oggi, sulla base della attuale normativa, laddove l’Agenzia delle Entrate, nella risposta n. 14 del 28 settembre 2018, ha chiarito che l’erogazione di token da parte del datore di lavoro costituisce reddito di lavoro dipendente e deve essere dichiarata (oltre che soggetta a ritenuta d’acconto). Se invece l’avatar avviasse nel Metaverso un’attività abituale di arti e professioni, il corrispondente contribuente (di cui l’avatar è rappresentazione nel mondo virtuale) dovrebbe dichiarare i relativi proventi di lavoro autonomo (nel mondo reale). Infine, anche le attività di “baratto” o permuta di cripto-attività o NFT, che regolarmente vengono svolte nel Metaverso, qualora generassero un guadagno, determinerebbero un reddito diverso (da dichiarare). E allorché l’acquisto di token dovesse assumere la funzione di investimento di natura finanziaria, il contribuente dovrebbe tassare l’eventuale differenza in termini di plusvalenza. E tutto questo, si ripete, non sulla base di innovative misure di tassazione del mondo virtuale, ma, semplicemente, come applicazione “ragionata” delle regole fiscali già oggi vigenti, portando così un po’ di equità fiscale nella prateria del Metaverso.

Leggi anche

*Direttore dell’Osservatorio sulle Politiche fiscali dell’Eurispes.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze