REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

REPowerEU

Negli ultimi mesi abbiamo assistito a un graduale cambiamento nello scenario emergenziale. Con il progressivo allentamento delle misure di contenimento del Covid-19 e l’intensificarsi delle tensioni collegate al conflitto ucraino-russo, da una crisi socio-economico di origine sanitaria siamo passati ad una di origine geopolitica. A questo cambiamento corrispondono revisioni di policy e nuovi strumenti che hanno lo scopo di allineare al nuovo scenario quanto messo in atto negli ultimi due anni.

REPowerEU nel nuovo scenario emergenziale

A tal fine, la Commissione Europea ha presentato il 18 maggio 2022 il Piano REPowerEU (COM(2022) 230), che mira a garantire la sicurezza energetica degli Stati membri, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia.
Un piano che trova la sua origine poche settimane dopo lo scoppio del conflitto, con la richiesta mossa alla Commissione, durante il Consiglio Europeo del 24 e 25 marzo, di affrancare rapidamente l’Unione dalla dipendenza dal gas russo. La necessità di diversificare l’approvvigionamento dell’Ue dall’estero è tanto più necessaria in un momento che riconosce proprio il gas come fonte energetica utile alla transizione ecologica, da cui l’Europa dipende per oltre il 90% dall’estero, e in particolare per il 40% dalla Russia[1].

La strategia che è stata definita è quella, da un lato, di accelerare la transizione verso fonti rinnovabili (tramite ad esempio l’obbligo di aumentare l’obiettivo, contenuto nel Pacchetto FitFor55, di produzione energetica da fonti rinnovabili al 2030 dal 40% al 45%), dall’altro di tutelare il mercato energetico dell’Unione, già duramente provato dall’inflazione.

REPowerEU e Pnrr

REPowerEU rafforzerà dunque iniziative nel campo della transizione verde già in atto, quali l’European Green Deal o il già citato FitFor55, consolidando gli interventi in materia di sicurezza dell’approvvigionamento energetico e stoccaggio di energia; al tempo stesso, vede come principale catalizzatore i Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza istituiti dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, data la loro natura di strumenti di investimenti e riforme strutturali.
Verrà infatti richiesto agli Stati membri di redigere, all’interno dei rispettivi Pnrr, un capitolo dedicato al perseguimento di REPowerEU, in linea con le raccomandazioni specifiche per ogni paese, emanate a fine maggio dalla Commissione in materia di politica energetica. Il Piano può al momento contare su un finanziamento di circa 225 miliardi provenienti dai prestiti non ancora richiesti del Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, oltre 20 miliardi di sovvenzioni che proverranno dall’asta ETS. A queste fonti andranno aggiunti finanziamenti nazionali, i finanziamenti per la politica di coesione e le misure della Banca Europea per gli Investimenti.

Leggi anche

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento