REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

REPowerEU

Negli ultimi mesi abbiamo assistito a un graduale cambiamento nello scenario emergenziale. Con il progressivo allentamento delle misure di contenimento del Covid-19 e l’intensificarsi delle tensioni collegate al conflitto ucraino-russo, da una crisi socio-economico di origine sanitaria siamo passati ad una di origine geopolitica. A questo cambiamento corrispondono revisioni di policy e nuovi strumenti che hanno lo scopo di allineare al nuovo scenario quanto messo in atto negli ultimi due anni.

REPowerEU nel nuovo scenario emergenziale

A tal fine, la Commissione Europea ha presentato il 18 maggio 2022 il Piano REPowerEU (COM(2022) 230), che mira a garantire la sicurezza energetica degli Stati membri, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia.
Un piano che trova la sua origine poche settimane dopo lo scoppio del conflitto, con la richiesta mossa alla Commissione, durante il Consiglio Europeo del 24 e 25 marzo, di affrancare rapidamente l’Unione dalla dipendenza dal gas russo. La necessità di diversificare l’approvvigionamento dell’Ue dall’estero è tanto più necessaria in un momento che riconosce proprio il gas come fonte energetica utile alla transizione ecologica, da cui l’Europa dipende per oltre il 90% dall’estero, e in particolare per il 40% dalla Russia[1].

La strategia che è stata definita è quella, da un lato, di accelerare la transizione verso fonti rinnovabili (tramite ad esempio l’obbligo di aumentare l’obiettivo, contenuto nel Pacchetto FitFor55, di produzione energetica da fonti rinnovabili al 2030 dal 40% al 45%), dall’altro di tutelare il mercato energetico dell’Unione, già duramente provato dall’inflazione.

REPowerEU e Pnrr

REPowerEU rafforzerà dunque iniziative nel campo della transizione verde già in atto, quali l’European Green Deal o il già citato FitFor55, consolidando gli interventi in materia di sicurezza dell’approvvigionamento energetico e stoccaggio di energia; al tempo stesso, vede come principale catalizzatore i Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza istituiti dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, data la loro natura di strumenti di investimenti e riforme strutturali.
Verrà infatti richiesto agli Stati membri di redigere, all’interno dei rispettivi Pnrr, un capitolo dedicato al perseguimento di REPowerEU, in linea con le raccomandazioni specifiche per ogni paese, emanate a fine maggio dalla Commissione in materia di politica energetica. Il Piano può al momento contare su un finanziamento di circa 225 miliardi provenienti dai prestiti non ancora richiesti del Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, oltre 20 miliardi di sovvenzioni che proverranno dall’asta ETS. A queste fonti andranno aggiunti finanziamenti nazionali, i finanziamenti per la politica di coesione e le misure della Banca Europea per gli Investimenti.

Leggi anche

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

Ultime notizie
sicurezza pmi
Intervista

Cybersicurezza: le PMI devono cambiare approccio e investire nelle competenze

Sicurezza e PMI, secondo Mario Di Luzio, Chief Marketing Officer di Tinexta Cyber, bisogna colmare il gap nell’ambito della cyber security. La chiave sta nel semplificare e rendere accessibili le procedure e le tecnologie per mettere in sicurezza le imprese, sia pubbliche che private, di piccole o grandi dimensioni.
di Massimiliano Cannata
sicurezza pmi
Futuro

Intelligenza Artificiale e Naturale, la sfida alla scuola e all’Università

L’Intelligenza Artificiale (AI) è una delle invenzioni più impattanti di sempre sull’Uomo, rispetto alla quale scuola e università devono adeguarsi per sfruttarne al meglio le potenzialità. Bisogna generare menti adatte al futuro attraverso un sistema scolastico capace di dotare la mente di strumenti concettuali nuovi e adeguati.
di Alberto Mattiacci*
Società

Social network e smartphone: una rivoluzione con effetti collaterali

Secondo i dati emersi dall’indagine Eurispes, i Social network più utilizzati sono WhatsApp (73,9%), Facebook (67,5%), Telegram (34,4%) e Twitter (25,9%). Preoccupa l’uso generalizzato dello smartphone a letto, mentre si guida o si cammina per strada, diffuso a tutte le età ma soprattutto tra i giovani.
di redazione
violenza sessuale
Criminalità e contrasto

Violenza sessuale, un reato in crescita negli ultimi 10 anni

La violenza sessuale in tutte le sue forme è un reato che negli ultimi 10 anni è cresciuto del 40% secondo il Servizio Analisi Criminale. Il reato coinvolge sempre più vittime e autori minorenni, sopratutto nella violenza di gruppo. Ma il dato in crescita potrebbe essere anche frutto di una maggiore propensione a denunciare tali reati.
di redazione
violenza sessuale
automotive
Innovazione

Settore automotive, una spinta verso innovazione e transizione verde

Il futuro della filiera automobilistica italiana va ripensato alla luce delle necessità dettate dalle transizioni verde e digitale. Nel settore automotive saranno, dunque, inscindibili i temi dell’innovazione e della sostenibilità ambientale e sociale per garantire competitività alle imprese nazionali.
di Claudia Bugno*
automotive
carceri abruzzo
Diritti umani

Carceri Abruzzo, carenza di operatori sanitari ma alte le ore settimanali per psicologi e psichiatri

La paura per i primi contagi da Covid-19 nelle celle sovraffollate ha drammaticamente posto l’accento sul tema della salute tra i detenuti italiani. Per...
di redazione
carceri abruzzo
Mezzogiorno e Germania Est
Mezzogiorno

Mezzogiorno e Germania Est: un confronto sempre attuale

“Mezzogiorno e Germania Est: un confronto” è il lavoro pubblicato dall’Eurispes per Rubbettino Editore su un parallelismo storico-economico da sempre evocato, quello tra la ex DDR e il Meridione d’Italia. Il lavoro evidenzia che gli investimenti nelle infrastrutture sono indispensabili ma non sufficienti per lo sviluppo delle zone più arretrate.
di redazione
Mezzogiorno e Germania Est
smart working
Lavoro

Chi si ricorda dello Smart Working?

Lo Smart Working è stato strategico per il mondo del lavoro durante la pandemia, e ha cambiato le abitudini di vita e lavoro di milioni di lavoratori e lavoratrici nel mondo. Ma oggi i tempi sono maturi per una riflessione più ampia sulle sue implicazioni e potenzialità.
di Renato Fontana*
smart working
pnrr
Europa

PNRR, individuare efficaci programmi d’investimento

Nella fase di piena attuazione dei diversi PNRR europei, l’efficace realizzazione dei programmi d’investimento può rappresentare un indicatore importante delle condizioni di salute economica degli stati membri e dell’Unione nel suo complesso.
di Claudia Bugno*
pnrr
formazione dei docenti
Formazione

Insegnanti e formazione, alla ricerca di nuove competenze: tra precariato e nuove prospettive

La formazione dei docenti mira a fornire una migliore offerta formativa per gli studenti, non solo in ambito strettamente didattico ma anche in termini di interculturalità, inclusione, educazione digitale. Ma sugli obiettivi prefissati dal Piano per la formazione dei docenti pesa il precariato strutturale della Scuola italiana.
di marialuisa pinna
formazione dei docenti