Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

sud e coesione

Durante la redazione del PNRR, il Governo Draghi aveva individuato il Ministero per il Sud e la Coesione territoriale come titolare delle misure inserite all’interno della Missione 5 – Componente 3 del Piano, riservata a “Interventi speciali per la coesione territoriale”. La coesione territoriale è uno dei pilastri del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, derivante a sua volta dall’articolo 174 TFUE che sancisce l’impegno dell’Unione a ridurre le disparità tra i livelli di sviluppo delle varie regioni. Un obiettivo da perseguire con determinazione specialmente nel nostro Paese, che conta ampi divari interni ed esterni, e volto a garantire quella resilienza economica e sociale alla base delle recenti politiche di sviluppo europee.

Il percorso d’attuazione fino ad oggi

La missione 5 del Piano, “Inclusione e Coesione”, risponde alle Raccomandazioni del Consiglio n.2/2019 e n.2/2020, ed è strutturata in 3 Componenti con una dotazione di 19,85 miliardi di euro:

  1. Politiche per il lavoro (6,66 mld €)
  2. Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e Terzo settore (11,22 mld €)
  3. Interventi speciali per la coesione territoriale (1,98 mld €)

La componente 3, di competenza del Ministero per il Sud, punta alla riduzione dei tre principali divari dei territori italiani:

  • demografici e nei servizi, connessi alle distanze tra le aree urbane e quelle interne/rurali, montane e periferiche, per garantire gli stessi livelli di servizi essenziali e il rilancio di specifiche vocazioni produttive;
  • nello sviluppo delle competenze, in una prospettiva di innovazione che coinvolge imprese, centri diricerca ed enti pubblici;
  • socio-economici e negli investimenti nelle regioni meridionali, dove la crisi economica colpisceuna filiera più debole e un mercato del lavoro più frammentato.

Dal punto di vista dell’attuazione, il cronoprogramma del Ministero ha proceduto come da scadenze, raggiungendo alcuni importanti risultati. Tra questi, il rafforzamento delle Zone Economiche Speciali (ZES) tramite la semplificazione della governance (tramite i DL 42/2021, 77/2021, 152/2021 e 36/2022) e il potenziamento delle infrastrutture per le aree interne (con azioni quali il rafforzamento di 500 farmacie rurali al fine di renderle strutture sanitarie locali, raggiunto in anticipo rispetto a dicembre 2023).

Sud e coesione, sfide per l’attuazione

La formazione del nuovo Esecutivo ha comportato una modifica di competenze dei Ministeri: occorrerà valutare quindi nel prosieguo come le competenze relative anche a questa importante componente del Piano verranno riorganizzate, alla luce del nuovo Ministero per le Politiche del Mare e per il Sud e del Ministero per gli Affari europei, le politiche di Coesione e il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. In futuro, occorrerà agire sulle peculiarità e sulle debolezze specifiche dei territori, attraverso il sostegno al tessuto e alla specializzazione imprenditoriale delle aree oggetto di intervento. Solo in questo modo si potrà garantire uno sviluppo equilibrato anche dell’intero Sistema-Paese.

Leggi anche

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse