Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

last20

Nel 2021 l’Italia ha ospitato il G20, l’incontro tra i paesi più ricchi e potenti della Terra. L’occasione ci ha stimolato a guardare il nostro pianeta dall’altra faccia, quella in ombra che pochi conoscono e vedono: la faccia dei Last20, ovvero gli “Ultimi 20”. Last20 è stata un’esperienza inedita, un tentativo di guardare il mondo, affrontare le grandi questioni che lo attraversano, leggendole con gli occhi, le sofferenze, le emozioni , le paure e le speranze degli Ultimi, nata in occasione ma non in contrapposizione alla Presidenza italiana del G20. E proponendo, da quell’osservatorio, dei percorsi, processi, visioni in grado di aprire spiragli di luce e speranza per le condizioni di vita di centinaia di  milioni di uomini e donne “impoveriti”, costretti a subire guerre, carestie, fame, sete, landgrabbing, violenze di ogni sorta, desertificazione e inquinamento del loro habitat, da chi a loro spese e a spese dell’intero  pianeta si è arricchito.

The Last20, una chiave di lettura per la nostra società globalmente intesa

Un’altra visione del mondo, con l’obiettivo di misurare la “temperatura sociale, ambientale ed economica della Terra partendo dalle parti più fragili. Per analogia con il mutamento climatico che leggiamo bene a partire dallo scioglimento dei ghiacciai, pensiamo che conoscere cosa succede in questi paesi “impoveriti”, gli Ultimi 20 che stanno in basso a tutte le classifiche socio-economiche, possa fornire una chiave di lettura su dove stia andando la nostra società globalmente intesa.

In evidenza il ruolo delle seconde generazioni di immigrati come ponte tra l’Europa e i Last20

Un’esperienza, quella del The Last20, che è  partita dalla città di Reggio Calabria, su input del suo vice sindaco pro tempore prof. Tonino Perna, affrontando come primo tema la grande questione delle cause e del governo delle migrazioni, dei corridoi umanitari,  dell’accoglienza, dell’inclusione, del ruolo delle comunità locali, dell’importanza dell’incontro e dell’incrocio di culture, storie, esperienze, saperi e del loro impatto sul miglioramento della qualità dei sistemi territoriali dei paesi e delle comunità di partenza o fuga, e di quelle di arrivo coinvolte. Successivamente, l’iniziativa si è snodata in cinque impegnative tappe. A Reggio è seguita Roma con il tema del contrasto alla povertà, alla fame, la sicurezza alimentare e le misure per invertire la tendenza in atto: agrobiologia, commercio equo e solidale, conoscenza, alta formazione e ricerca, la cooperazione e il grande tema della questione femminile nei Last20. In seguito, la tappa dell’Abruzzo e del Molise dedicata a “I piccoli ed i giovani  con gli Ultimi”, centrata sull’importanza del dialogo interreligioso sulla scia dell’enciclica Laudato Sì e della lettera Fratelli Tutti di Papa Francesco. E subito dopo la tappa di Milano, con al centro i grandi temi del mutamento climatico, della salute, dell’altra economia, della cooperazione internazionale. La conclusione in Puglia, a Santa Maria di Leuca con il tema centrale della Pace, decisivo per invertire la tendenza in atto (sono circa 60 i conflitti in attualmente in corso nel mondo), il ruolo delle seconde generazioni di immigrati in Europa come ponte tra noi e i Last20.

Emergono così i saperi di intere popolazioni che per sopravvivere si devono districare tra fame, guerra e violenze

È stata questa nostra una esperienza di grande respiro partita da un input ideale e costruita con scarsi sostegni economici, poca pubblicità, ma con il deciso impegno volontario di decine di associazioni laiche e religiose, Ong impegnate su quei territori, comunità ed associazioni della diaspora dei paesi Last20, il CIRPSI (Centro Interuniversitario per lo sviluppo Sostenibile), reti di enti locali impegnati nell’accoglienza e nella cooperazione internazionale decentrata (Recosol e Welcome). Una iniziativa che ha aperto un percorso inedito di valenza geopolitica, fondato sul confronto e l’intreccio di conoscenza e rapporti tra le comunità e le associazioni della diaspora e delle stesse con i loro paesi di provenienza, le reti di Comuni solidali, le Ong impegnate da anni in quelle difficili realtà. E poi le testimonianze dirette pervenute da alcuni di quei territori attraverso grandi associazioni di contadini come Roppa del Sahel, dai tragici teatri di guerra e miseria, come l’Afghanistan, il Libano o l’Etiopia; di rapina e sfruttamento come nella Repubblica del Congo, del Burundi; di grandi contraddizioni come nel Mozambico. Ma insieme alla denuncia di queste condizioni è emersa nel corso delle diverse tappe la cultura, la storia, l’arte, i saperi e il saper fare di intere popolazioni che per sopravvivere si devono districare quotidianamente tra fame, sete, guerra e violenze di ogni sorta.

The Last20 vuole dare voce non solo ai drammi, ma anche al grande patrimonio culturale di questi paesi

Quanto emerso da questa faticosa ma esaltante iniziativa ci ha portati a pensare di costruire un Osservatorio Last20, strumento permanente di collegamento per produrre un Report annuale sull’evoluzione delle condizioni dei paesi Last20 e discuterlo ogni anno a partire dalle scuole e dalle Università. Lo scopo è anche quello di dare voce agli abitanti di questi paesi, far conoscere non solo i loro drammi, ma anche il grande patrimonio culturale, ambientale, storico, offrendo occasioni ai loro artisti di esprimersi, alla voce degli Ultimi di farsi ascoltare. Per il 2022, uscirà a Settembre un Report Last20 che rappresenta per noi solo un primo, sia pure ancora insufficiente, passo per intraprendere questo cammino.

Leggi anche

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare