Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

algoritmo antievasione

Il prezioso contributo che le nuove tecnologie possono offrire all’azione di contrasto dell’evasione fiscale è reso possibile dalla crescente digitalizzazione della Pubblica amministrazione, coerentemente con quanto previsto dal Pnrr. In tale contesto, il decreto ministeriale del 28 giugno 2022 ha emanato le regole che hanno condotto alla definizione dell’algoritmo antievasione, anticipato dalla Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 21 del 20 giugno 2022. L’algoritmo si chiama VeRa (Verifica Rapporti finanziari), ed è un software in grado di incrociare i dati presenti nell’archivio dei rapporti finanziari con le altre informazioni in possesso dell’Amministrazione finanziaria, con lo scopo di individuare liste selettive di contribuenti a maggior rischio di evasione. In caso di evidenti incoerenze, VeRa segnalerà il caso all’Agenzia delle Entrate e alla Guardia di Finanza. In coerenza alle indicazioni del Garante della Privacy, il processo sarà garantito dall’anonimato. Pertanto, nella prima fase, i dati saranno coperti da un codice (pseudonomizzazione) e soltanto in caso di segnalazione si potrà accedere poi al nominativo reale. Il decreto citato sottolinea, inoltre, che le limitazioni della portata degli obblighi e dei diritti in termini di privacy del contribuente sono disciplinate, per il tempo e nei limiti in cui ciò costituisca una misura necessaria e proporzionata in una società democratica, tenuto conto dei diritti fondamentali e dei legittimi interessi dell’interessato, in modo da assicurare che tale esercizio non arrechi un pregiudizio effettivo e concreto all’obiettivo di interesse pubblico perseguito.

Un algoritmo antievasione per individuare liste selettive di contribuenti a maggior rischio di evasione

L’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza, in qualità di titolari del trattamento, tratteranno esclusivamente i dati personali indispensabili ed effettueranno le operazioni strettamente necessarie al raggiungimento delle finalità stesse. L’algoritmo antievasione rappresenta dunque uno degli elementi su cui si fonda la nuova strategia del fisco, integrandosi con le più recenti misure adottate – da ultimo quelle in tema di incrocio dati dei pagamenti da POS con le informazioni derivanti dalla certificazione fiscale in formato elettronico delle operazioni realizzate – e contribuendo alla prevenzione e al contrasto dell’evasione fiscale attraverso il potenziamento delle infrastrutture tecnologiche.

Il processo sarà garantito dall’anonimato in coerenza con le indicazioni del Garante della Privacy

In sostanza, a tali fini, verranno dunque trattati dati personali comuni contenuti nelle banche dati, relativi all’identità anagrafica e alla capacità economica, al patrimonio mobiliare e immobiliare, a pagamenti e versamenti, nonché dati di profilazione relativi ad eventuali indicatori di rischio. Il dataset di analisi (cioè l’insieme dei dati selezionati per verificare la presenza di rischi fiscali) verrà conservato fino al secondo anno successivo a quello in cui matura la decadenza della potestà impositiva, e, comunque, fino alla definizione di eventuali giudizi. Negli atti e nei provvedimenti indirizzati ai contribuenti dovranno infine essere sempre illustrati il rischio fiscale identificato e i dati che sono stati utilizzati per la sua individuazione. Gli elenchi elaborati a livello centrale permetteranno quindi, a ciascuna Direzione regionale e provinciale dell’Agenzia delle Entrate, di indirizzare l’ordinaria attività di controllo nei confronti delle posizioni a più elevato rischio di evasione, previa autonoma valutazione della proficuità comparata. E, al fine di verificare la effettiva validità del modello di selezione, le Direzioni provinciali dell’Agenzia, coordinate dalle rispettive Direzioni regionali, avranno poi cura di comunicare gli esiti delle attività svolte su ciascuna posizione segnalata mediante la compilazione di un’apposita scheda di feedback, resa disponibile all’interno dell’applicativo. Il futuro fiscale, insomma, è alle porte.

*Direttore dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche Fiscali.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang