La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

città

Il successo televisivo delle “città segrete” di Corrado Augias e della serie che Alberto Angela ha recentemente dedicato al racconto delle metropoli antiche e moderne non deve stupirci. Il profilo delle civiltà da sempre si specchia nei modi in cui l’uomo di ogni tempo ha cercato di organizzare la sua convivenza. Abitare la complessità, la sfida è sempre attuale come spiega molto bene Mauro Ceruti che insieme a Francesco Bellusci ha dedicato un saggio abile e penetrante a questo delicato  tema (ed. Mimesis). «Per la prima volta nella storia umana – scrivono Ceruti e Bellusci – l’ecumene terrestre è divenuta realtà concreta. Questa prospettiva delinea l’orizzonte di un nuovo umanesimo planetario, rispetto a cui un futuro sostenibile potrà essere prodotto solo dalla coscienza della comunità di destino che lega tutti gli individui e tutti i popoli del pianeta all’ecosistema globale». Negli ultimi tempi si è tentato più volte di celebrare il De Profundis della città. Esercizio vano, perché sono le realtà urbane l’epicentro della “comunità di destino”,  teorizzata in molti scritti di Morin. Secondo stime del “World Urbanization Prospects”, nel 2050 quasi il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane, autentici “magneti umani”, con una crescita pari a circa 250mila abitanti al giorno. Un polmone in espansione che bisognerà osservare, gestire, soprattutto curare.

La pandemia ha lacerato il tessuto delle relazioni ferendo al cuore la vitalità di piccole e grandi città

La pandemia è stata uno choc che ha lacerato il tessuto delle relazioni, ferendo al cuore la vitalità di piccoli e grandi comuni. La rigerenerazione urbana potrebbe essere un giusto antidoto. Il termine, sempre più ricorrente, ha una valenza complessa, perché implica la consapevolezza che superficiali maquillages sarebbero inutili, intervenire  nelle realtà urbane  vuol dire toccare la struttura profonda su cui si fondano i principi della communitas. La questione non è certo di poco conto. Giampiero Lupatelli, economista territoriale e Antonio De Rossi, docente di progettazione archiettonica del Politecnico di Torino, hanno redatto un Glossario esplicativo della rigenerazione urbana (ed. Donzelli). Un primo bisogno appare quello di ribilanciare il rapporto tra segno e significato, serve insomma un nuovo linguaggio per interpretare la “babele” e agire con raziocinio nel contesto di quelle che Vittorio Gregotti aveva definito “tecno-città”. «Le aree urbane moderne  – spiega il decano della sociologia italiana Franco Ferrarotti che ha per più di mezzo secolo studiato l’onda in movimento della perifera romana – sono un mosaico, una serie di tessere che si affiancano. Dovendoci occupare del loro governo non parlerei di politica e architettura in astratto, quanto di una molteplicità di componenti in divenire, in cui le tecnologie e l’immigrazione sono fattori “drammatici” del cambiamento. Si stanno, infatti, progressivamente modificando i tradizionali rapporti gerarchici tra centro e periferie, tra le “insegne” del potere, le agenzie di senso e gli organi istituzionali».

Calvino, la modernità e la rivoluzione in corso

Dalla città ritratto analizzata con grane perizia da Franco Purini, in cui estetica rinascimentale, strutture abitative e disegno del territorio compongono una perfetta armonia, alle “città invisibili” di Italo Calvino, espressione della modernità noceventesca, sono passati secoli. Non è cambiato solo l’universo fisico-geografico entro cui ci muoviamo, ma anche l’immaginario che spinge l’indiviudo a cercare uno suo spazio umano e professionale negli ecosistemi urbani. «Dal punto di vista teorico – riprende Ferrarotti – bisogna ricordarsi che da una parte abbiamo le città classiche, storicamente determinate, “monocentriche”, che hanno un tessuto fitto, congegnato come un cristallo o un componimento poetico, nessuno può modificare una parola, un aggettivo, senza alterare l’armonia delle sue parti. Dall’altro lato l’avvento dell’industria che rompe equilibri che sembravano immodificabili. Il lavoro diventa l’epicentro, un’ancora identitaria cui l’individuo si appiglia per non rimanere schiacciato dall’alienazione generata dalla potenza crescente delle macchine. Di quel mondo che attorno alla principale fonte di energia, il vapore, aveva eretto una struttura abitativa ad alta concentrazione sono ormai rimaste sparute tracce».

I bit non hanno cancellato la distanza e i luoghi riemergono per riaffermare una specificità

L’interesse appare oggi catalizzato dalle Senseable city, per indagarne l’essenza bisogna considerare gli aspetti umanistici nell’analisi degli strumenti digitali che innervano i centri abitati. È il lavoro di Carlo Ratti (Urbanità l’ultimo suo saggio edito da Einaudi), che ha fondato un laboratorio presso il Mit di Boston all’avanguardia nello studio della fittissima trama di implicazioni che legano la scienza urbanistica, la rivoluzione del digitale e il fare architettura. Avevamo creduto, sulla scorta dell’insegnamento di Marc Augé, che i “non-luoghi” nella globalizzazione potessero prendere il sopravvento. Ci stiamo invece accorgendo che i bit non hanno cancellato la distanza, e che i luoghi riemergono, per riaffermare una specificità.  «Nell’era dell’antropocene – commenta Ratti – la polis connette reti di senso, prima ancora di garantire mobilità tra aree metropolitane, tra centro e periferie». In questa dimensione ibrida, che mescola reale e virtuale «per fare comunità – il parere di Riccardo Porcu, responsabile della Direzione Generale Innovazione e Sicurezza IT della Regione Autonoma della Sardegna – bisogna essere mossi da una motivazione profonda. La transizione digitale richiede un management urbano che sappia affrontare il futuro. Non dobbiamo dimenticare che il nostro è un paese fatto di piccoli comuni. L’impegno mio e dei miei collaboratori è volto alla creazione di una piattaforma relazionale, attorno a cui ruota un progetto articolato di Academy strutturato in quattro indirizzi la cui missione è la diffusione dei nuovi saperi, che devono diventare patrimonio di tutti. La città, in quest’ottica, è la frontiera mobile che vede uomo e tecnologie  misurarsi in un connubio inestricabile».

Le città tra architettura ed etica della responsabilità

La crescente complessità sociale e tecnica che si sta profilando non ammette nessun “eroico solista”, come lo sono gli archistar molto in voga, piuttosto l’apporto attento di una molteplicità di figure professionali, che dovranno prendersi cura dell’habitat nel suo insieme per trovare risposte adeguate alle esigenze crescenti della collettività. Questa la posizione di Marghertita Petranzan, teorica dell’architettura, direttrice di Anfione e Zeto, che ha curato la voce Agorà del Glossario. «L’architettura non è una semplice questione di forme, ma un autentico campo di battaglia dello spirito, costruito sull’etica della responsabilità. Le scelte che faremo, il PNRR sarà un banco di prova decisivo in tal senso, dovranno tenere conto che il repentino passaggio dall’industriale al digitale ha creato autentici disastri, per l’assoluta impreparazione delle culture locali a questa svolta radicale. Organizzare geometricamente lo spazio significa – nell’ottica della Petranzan – inserirlo nel tempo dell’uomo, in un orizzonte di equilibri che colloca la Morfologia oltre la semplice dimensione descrittiva. La formazione della parola, oggi da più parti minacciata, è il  punto cruciale, parola  che si costruisce non a caso nell’agorà, luogo in cui prende forma la relazione tra gli uomini e le cose». Se la democrazia ha la sua culla nell’Atene di Pericle, gli uomini del nostro tempo sono sollecitati a sentire tutto il peso della grande tradizione storica e culturale da cui ha preso le mosse la civiltà occidentale. Non possiamo, perciò, fare a meno di interrogarci sui tanti nodi di conflitto che segnano una società di migranti. La ricerca della città ideale, dopo Agostino, Moro, Campanella non può arrestarsi se, fa osservare Corrado Augias (autore del bellissimo saggio La fine di Roma, ed. Einaudi), «assistiamo a un ritorno drammatico degli homeless in tutte le grandi città del mondo». Si capisce molto bene l’importanza che assumono alcune voci del Glossario, quali accessibilità, social housing, partecipazione. L’emersione prepotente di nuove povertà impongono, infatti, una governance avvertita dei centri abitati e una diversa visione del welfare e dell’edilizia popolare, che rimane un perno essenziale di aiuto verso i ceti più deboli e di sostegno della fragilità.    

Diritto alla città come “universale urbano” finalmente aperto al libero attraversamento di popoli, razze, etnie

Vorremmo essere più ottimisti, come lo è Ferrarotti che, contrariamente a quanto sostengono Ulrich Beck nella società del rischio e Huddinghton, teorico dello scontro di civiltà, volge lo sguardo, nello scritto L’enigma di Alessandro, incontro fra culture e progresso civile (ed. Donzelli), verso la costruzione di una sorta di “neoellenismo”, quale condizione aurea in cui  possa vigere una comprensione generalizzata dell’alterità, fondata sulla koinè linguistica della grecità. Una cosa è certa: mentre oscilliamo costantemente sballottati tra l’oblìo e l’utopia, la riemersione di uno spazio pubblico partecipato, da più parti auspicata, dovrà essere orientata ad affermare quello che Henri Lefebvre chiamava diritto alla città, che vorremo venisse ottemperato nel disegno di un “universale urbano” finalmente aperto al libero attraversamento di popoli, razze, etnie.  

Leggi anche

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili