Corruzione, diminuiscono i reati ma sono a rischio le grandi città

corruzione

L’analisi del fenomeno della corruzione appare un esercizio di indubbia complessità. Ad ostacolarne la corretta perimetrazione e impedire la comprensione delle sue reali dimensioni concorrono, infatti, molteplici fattori. Primo fra tutti, la percezione della corruzione, un indice di misurazione che non può soddisfare le reali esigenze di descrizione e conoscenza di un fenomeno che appare tanto più complesso quanto più lo diventano le nostre economie. A confermarlo è anche la graduatoria stilata da “Transparency International” che, nel rapporto sulla “Corruzione percepita” per il 2021, pur riconoscendo al nostro Paese un significativo miglioramento, colloca l’Italia al 42esimo posto nella graduatoria stilata per 180 paesi, con un punteggio di 56 che è ancora al di sotto della media Ue, attestata a 64. Tale graduatoria, se da un lato ha il merito di attirare l’attenzione sul fenomeno, dall’altro si basa su un “indice di percezione della corruzione” che è, quindi, influenzato da fattori di valutazione soggettiva.

Corruzione, l’Italia al 42esimo posto nella graduatoria stilata per 180 paesi

A condizionare in modo negativo la percezione per il nostro Paese concorrono vari fattori. Tra cui:
–  la complessità di molte procedure burocratiche e la diffusa percezione di inefficienza dell’amministrazione pubblica;
–  la frequente emersione di comportamenti certamente riprovevoli, con i quali i cittadini quotidianamente si confrontano nell’approcciarsi con la Pubblica Amministrazione;
–  la coscienza dell’esistenza del fenomeno mafioso (con il suo portato di pratiche corruttive che si associano alla violenza ed al condizionamento) spesso presente anche all’estero, ma ivi sottovalutato perché non riconosciuto o qualificato giuridicamente.
Da ciò consegue che la reputazione dell’Italia, con riferimento agli indici di corruzione percepita, non è particolarmente favorevole, con le evidenti conseguenze negative anche sotto il profilo dell’attrattività per gli investimenti.

Il Report del Servizio Analisi Criminale

Il Servizio Analisi Criminale*, struttura a composizione interforze incardinata nell’ambito della Direzione Centrale della Polizia Criminale, ha voluto stilare un report sui reati corruttivi basato su variabili quantificabili e relative all’operato delle Forze dell’ordine.

Leggi anche

Nell’argomentare sul fenomeno, il report analizza non solo lo specifico delitto definito dal legislatore come “corruzione”, ma fa riferimento ad una pluralità di reati che vengono considerati come espressione di atti corruttivi o, comunque, rientranti nel concetto della corruzione. L’ambito esplorato è, quindi, quello più ampio dei delitti legati al fenomeno corruttivo, ricompresi tra i delitti contro la Pubblica Amministrazione, che sono contemplati nel titolo II del libro II del Codice penale e riguardano gli illeciti che incidono negativamente sulle attività dello Stato e degli Enti pubblici. Sono state quindi individuate dodici fattispecie, in relazione alle quali si intende valutare l’evoluzione del fenomeno a livello nazionale ed individuare le aree geografiche che risultano maggiormente interessate, analizzando un periodo di tempo ampio, che va dal 2004 al 2021, sviluppando poi degli approfondimenti in relazione al triennio 2019-2021.

Abuso di ufficio stabile, in diminuzione reati corruttivi, peculato, concussione

Dai dati raccolti dal Servizio Analisi Criminale emerge che l’abuso di ufficio (art. 323 c.p.) è l’unico reato ad aver mantenuto un trend sostanzialmente costante per i 18 anni analizzati. Per le altre fattispecie selezionate i valori risultano più contenuti e con un andamento oscillante anche se, nell’ultimo triennio, si rileva una flessione per il peculato (art. 314 c.p.), la concussione (art. 317 c.p.), la “corruzione” (artt. 318 e 319 c.p.) e l’istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.). Nell’ambito dei delitti contro la Pubblica amministrazione (concussione, reati corruttivi, peculato, abuso d’ufficio), negli anni che vanno dal 2004 al 2021 l’abuso d’ufficio è rimasto costante e in leggera crescita (+0,9%), mentre gli altri risultano in flessione per lo stesso periodo considerato (concussione -57,2%; reati corruttivi -44%; peculato -12%). Per quanto riguarda la “geografia criminale” dei suddetti reati, emerge una prevalente distribuzione del fenomeno nelle regioni tirreniche sud-occidentali, con spiccata prevalenza di eventi in alcuni capoluoghi (Milano, Torino, Napoli e Palermo) e, soprattutto, nella città metropolitana di Roma. A livello regionale, in considerazione del numero dei reati georeferenziati su 100 mila residenti, le regioni a più alto tasso di corruzione risultano essere il Molise (25,2 reati per 100 mila residenti), la Calabria (23,32), la Basilicata (22,64), il Lazio (15,12), la Campania (14,31), l’Umbria (13,90) e la Sicilia (13,22), tutte regioni che, insieme a Puglia e Abruzzo, riportano una incidenza della delittuosità superiore alla media nazionale (10,03 per 100 mila residenti).

Corruzione registrata in capoluoghi come Milano, Roma, Torino, Napoli e Palermo

Il reato di concussione si riscontra maggiormente in Basilicata, con 1,70 reati per 100 mila abitanti, Campania con 1,23 reati, Calabria 1,19 reati, con una media nazionale di 0,47 reati per 100 mila residenti (in riferimento al periodo 1 gennaio 2019-31 dicembre 2021). In relazione al medesimo periodo, i “reati corruttivi” registrano una media nazionale di 1,80 reati per 100 mila residenti. Le regioni maggiormente interessate  sono Molise (4,38), Umbria (3,53), Calabria (3,28), Valle D’Aosta (3,12). Emerge una prevalente distribuzione del fenomeno nelle regioni meridionali e nord-occidentali, con una predominante concentrazione del fenomeno nell’hinterland delle città metropolitane di Roma e Milano. Il peculato registra una media nazionale di 1,82 eventi delittuosi per 100 mila abitanti, sopra la media nazionale emergono di nuovo il Molise (5,94 reati per 100 mila residenti), Toscana (3,60), Valle D’Aosta (3,12), mentre Campania (1,47) e Basilicata (1,36) risultano al di sotto della media nazionale. L’abuso d’ufficio negli anni 2019-2021 ha fatto registrare 5,94 eventi per 100 mila abitanti sul territorio nazionale. Il fenomeno prevale in città metropolitane come Roma, Milano e Napoli, mentre le regioni maggiormente interessate dal fenomeno sono Basilicata (16,85), Calabria (16,36), Molise (14,38), Lazio (9,46), Campania (9,20).

 

*Il Servizio Analisi Criminale è una struttura a composizione interforze, incardinata nell’ambito della Direzione Centrale della Polizia Criminale e rappresenta un polo per il coordinamento informativo anticrimine e per l’analisi strategica interforze sui fenomeni criminali e costituisce un utile supporto per l’Autorità Nazionale di Pubblica Sicurezza e per le Forze di polizia.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu