La scuola a difesa dei diritti della persona nel saggio di Antonio Augenti

scuola

È difficile catalogare nettamente quest’ultimo lavoro di Antonio Augenti, Una Scuola per Fiocco di neve – Cultura, Efficienza, Giustizia sociale, nella categoria dei saggi. Tra accenti talora lirici e rigore di analisi, l’autore, che ha attraversato esperienze umane e professionali molto diversificate, tira fuori il tema della scuola dall’isolato recinto di una pedagogia e di una didattica autoreferenziali, per ricondurlo ad una dimensione sociale e culturale che, in verità, non dovrebbe essere mai estranea a chi si occupa di formazione.

Nel risvolto di copertina del libro sono segnalati alcuni messaggi significativi: «Una severa, ragionata denuncia dell’inerzia e del conformismo di una classe dirigente incapace d’interpretare i segni del mutamento nella contemporaneità. Una rigorosa, sensibile analisi dei temi, delle pulsioni e delle sfide presentate dalla cultura, dall’economia e dalla giustizia sociale. Una volutamente provocatoria proposta di cambiamento strutturale del modello organizzativo del sistema d’istruzione e di formazione nelle società del XXI secolo».

Non accade spesso di trarre indicazioni propositive dalla riflessione condotta sui temi della scuola e della formazione. In questo caso, il sistema educativo-scolastico non è oggetto delle abituali analisi critiche e di denuncia, ma viene posto e inquadrato in una visione di “riarchitettura istituzionale”, più correlata a principi eretti a difesa della libertà e della democrazia rappresentativa. Tutto ciò contro «il taylorismo dei processi d’istruzione e di formazione, e contro i riti di una burocrazia che gestisce male i modelli organizzativi e pretende di suggerire all’orecchio dei docenti come si fa educazione».

La tesi sostenuta dal libro di Augenti è quella di trarre profitto dalle opportunità anche finanziarie attualmente messe a disposizione dall’Europa, per consentire che la scuola si riappropri di un suo spazio specifico, e lo valorizzi in qualità, all’interno di un reticolo più ampio di rapporti con la dimensione della cultura, da governare attraverso una concreta e innovativa connettività dei vari spazi del sapere. L’immagine di copertina del libro, che ha una sua intrinseca attrattività, è solo pretesto per sostenere che i processi d’istruzione e di formazione devono erigersi a difesa dell’essenziale bisogno di tutela dei diritti che la persona continua a rivendicare per affermare una sostanziale uguaglianza di cittadinanza nel consorzio umano.

Leggi anche

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra