I Tg dal 7 all’11 maggio 2018

133

Schermata 2018-05-12 alle 16.53.08

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 206. Argomenti presenti nelle titolazioni: 223; politica 33% (74 presenze, per il 36% dei titoli), cronaca 27% (61 presenze, per il 30% dei titoli), cultura e società 14% (34 presenze, per il 17% dei titoli), esteri 11% (24), sport e varie 9% (19), interni 4% (9) ed economia 2% (5)

12 maggio – La settimana dell’informazione risulta dominata dalla formazione del nuovo governo, che reclama la quasi totalità delle prime pagine (32 su 35). L’apertura di Di Maio verso Salvini per un esecutivo Lega – M5S, permesso da un “passo di lato” di Berlusconi con Forza Italia che promette un’opposizione costruttiva, viene presentato mercoledì come di “colpo di scena” tanto da parte dei Tg Mediaset che da Tg La7. Alle ipotesi per il “governo di servizio”, prospettato da Mattarella a seguito del fallimento delle trattative di inizio settimana, si fanno così seguito i progetti di contratto di governo ed il totonomi per i ministri, come sul premier del futuro esecutivo, per la cui formazione il Presidente delle Repubblica ha accordato sino al prossimo lunedì.

La proposta di un progetto di governo, quale che sarà il suo sviluppo, ha permesso questa settimana il ritorno di una discussione sui “temi” e sui fronti problematici di cui la politica dovrebbe dibattere. Tra questi, il più impellente è stato quello del rapporto dell’Italia con l’Europa, evocato dal Presidente Mattarella giovedì e ripreso venerdì sia dal premier Gentiloni che dai leader di Lega e Cinque Stelle con un atteggiamento rassicurante verso gli impegni del Paese verso l’Unione. Va osservato come, dopo gli appelli del Capo dello Stato ed in vista della formazione di un governo che – se gli accordi di queste ore andranno in porto – sarà costituito da esponenti di forze politiche non certo europeiste, le testate sembrano a loro volta interdette dall’affrontare questo fronte problematico. Unica eccezione è stato dello scrittore spagnolo Javier Cercas, che intervistata dal Tg3 di giovedì ha ribadito come l’Europa rappresenti “la sola utopia moderna degna di questo nome”.

Fuori dalla politica, la pagina degli esteri viene assorbita in gran parte dall’uscita degli Stati Uniti dall’accordo nucleare con l’Iran: 10 titoli tra martedì e mercoledì. La scelta dei Presidente Trump, che ha provocato la dura reazione di Teheran ed una nuova escalation della tensioni in Medio Oriente, con Israele che, a seguito di alcuni razzi arrivati sulle alture del Golan a risposto a questa “intimidazione” bombardando 50 obiettivi militari iraniani in Siria, produce una situazione complessa, che viene esplorata dai Tg di giovedì. Interessante la riflessione del Tg3, che preso atto di quanto l’Europa, e soprattutto l’Italia, sia legata all’Iran in virtù di accordi pregressi, s’interroga su quale potrà essere la scelta dell’Unione dovesse fallire nella sua mediazione con gli Stati Uniti, ovvero se finiremo con appoggiare le politiche unilaterali degli Usa o verremo a patirne ulteriori dazi commerciali.

Sempre per gli esteri, il giuramento di Vladimir Putin per la quarta volta alla guida della sua Russia figura nei titoli dei soli Tg Rai di lunedì, sebbene venga ripreso da tutte le testate; analoga attenzione riceve l’annuncio della data per l’atteso incontro tra Trump ed il leader coreano Kim Jong Un, fissato il 12 giugno ad Hong Kong.

Per la cronaca, la settimana risulta segnata da ulteriori casi di femminicidi, a cui si aggiungono gli sviluppi del caso di Sana, giovane italo-pakistana uccisa a seguito del rifiuto di un matrimonio combinato e per il cui omicidio si sospetta tutta la sua famiglia. Ampio spazio sulle testate Mediaset alla sentenza di appello per l’omicidio di Sara Di Pietrantonio, uccisa e arsa dal suo ex fidanzato a cui è stata ridotta la pena. Su altri fronti della violenza di genere, Tg2 dedica due titoli alla 71esima edizione della festival di Cannes, dedicata alle donne e all’insegna della parità di genere, sull’onda del movimento MeToo.

La notizia più seguita (14 titoli tra lunedì e mercoledì) è stata però l’aggressione compiuta in un bar della periferia di Roma da esponenti del clan Casamonica, che la scorsa Pasqua hanno “picchiato a sangue” sia il proprietario del bar che una donna disabile ribellatasi alle loro prepotenze. La denuncia, mossa da entrambe le persone colpite, ha portato questo martedì all’arresto di 4 esponenti della famiglia accusati di aggressione con aggravante mafiosa. Si segnala su questo fronte la denuncia di Mentana, che fin dai titoli si chiede come mai per un fatto avvenuto appunto a Pasqua e denunciano pochi giorni dopo si sia aspettato tanto per intervenire.

L’arresto di 14 affiliati ad un’organizzazione terroristica attiva in diverse regioni italiane ed impegnata a generare capitali illeciti, servendosi anche del traffico dei migranti, con cui finanziare le operazioni di guerriglia in Siria, figura nei titoli di Tg1 e Tg La7 di giovedì ma – con nostra sorpresa – è molto sottostimata dalle testate Mediaset minori.

Se i dati Istat di lunedì che segnalano un leggero rallentamento nella crescita e nella produzione industriale nell’ultimo periodo dell’anno sono ripresi dai soli Tg Rai, quelli relativi alle famiglie in povertà del 2017 vengono rilanciati a gran voce mercoledì dalle tre testate Mediaset, che li affiancano all’intervista di un 39enne licenziato e costretto a vivere con la moglie e tre figli in macchina. L’attenzione ai segmenti disagiati della popolazione si declina nelle giornate successive in diversi servizi, culminando venerdì nella denuncia (servizio per Tg4 e Tg5) contro la burocrazia che strangola la ricostruzione nelle zone terremotate, in particolare a Visso; su questi temi il Tg3 di giovedì propone invece un esempio di ricostruzione positiva. Da segnalare inoltre la copertura dedicata dal Tg5 a quelle vite devastate dagli errori giudiziari, in cui si è parlato di “persone sepolte da sentenze sbagliate”.

Maggiore attenzione da parte della Rai agli sviluppi del caso Ilva (titoli per Tg3, coperture per Tg1 e Tg2), con il fallimento della trattativa tra sindacati e ministro Calenda che rimanda tutto al prossimo esecutivo. Sempre sul tema del disagio, i Tg Rai di venerdì riprendono fin dai titoli il quarantennale della chiusura dei Manicomi criminali a seguito della legge Basaglia, con un ottimo approfondimento del Tg2

L’abbandono del Tg4 da parte di Mario Giordano, sostituito da questo lunedì dalla giornalista Rosanna Ragusa di Videonews, non è stato annunciato né celebrato dalla testata. Vi sapremo dire nei prossimi mesi quanto questa mossa di Mauro Crippa, in un chiaro tentativo di ridurre il coefficiente di populismo che la presenza di alcuni giornalisti (Belpietro, Del Debbio, ecc) aveva portato sulle reti Mediaset, produrrà cambiamento nella cenerentola dell’informazione serale. Al momento, l’unica cosa che ci sentiamo di dire è che le ultime edizioni hanno fatto registrare, a parità di notizie ansiogene, un ritorno al gossip (ben 2 titoli) verso cui terremo gli occhi aperti.

Ambi spazi, nonostante il difficile momento politico, sono andati martedì al 40esimo anniversario dall’omicidio di Aldo Moro, ricordato dal Presidente Mattarella che ha ribadito come solamente l’unità tra gli schieramenti politici permise negli anni successivi la sconfitta del terrorismo. Come ogni anno, al commiato per il leader DC si accompagna il ricordo di Peppino Impastato, giornalista radiofonico ucciso dalla mafia la cui memoria continua ad ispirare programmi ed associazioni di contrasto alla criminalità organizzata. Da segnalare il servizio del Tg2 di venerdì dedicato alla Radio Cento Passi, a cui contribuiscono i ragazzi del liceo Galilei di Palermo.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:

– il servizio di Studio Aperto di lunedì sulla Eolo Spa, l’azienda italiana che porta la banda larga nei territori rurali del Paese;
- il sondaggio Svg proposto da Tg La7 di lunedì che, in vista della possibilità di un prossimo ritorno alle urne, proietta uno scenario politico di forte crescita per Lega a scapito di Forza Italia e Movimento 5 Stelle, con il “mantenimento” del Pd;
- il servizio del Tg3 di martedì sull’epopea dei migranti nel Mediterraneo, che segue le difficili operazioni che vedevano impegnata in quei giorni la nave Acquarius, impegnata nel salvataggio di 105 profughi;
– l’indagine del Tg3 di giovedì che ci mette al corrente di una campagna dei medici italiani per allertare la popolazione dei rischi a cui ci si può trovare esposti quando ci si informa sulla propria salute sul web, cercano le cure online piuttosto che rivolgersi ad un professionista;
– il servizio del Tg1 di venerdì sul Festival del Volontariato di Lucca, una realtà molto importante della società italiana che, come ci ricorda un operatore, non è “Un passatempo per chi ha tanto tempo libero”.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario