Il PNRR tra nuovi ministeri e nuove programmazioni

pnrr

Nel percorso di assestamento del nuovo Governo, il PNRR ha visto alcune sue componenti e strutture cambiare non solo nelle personalità, ma anche nelle competenze e funzioni. Dal punto di vista della Governance, tramite l’articolo 7, comma 2 del DL. 11 novembre 2022, n. 173, si è provveduto a dotare il Servizio Centrale per il PNRR di funzioni di supporto al Ministero per gli affari europei, le politiche di coesione e il PNRR: «Il Servizio centrale per il PNRR opera anche a supporto delle funzioni e delle attività attribuite all’Autorità politica delegata in materia di Piano nazionale di ripresa e resilienza ove nominata». Lo stesso Ministero è inoltre responsabile del coordinamento della Cabina di regia.

I primi indirizzi del Ministero per il PNRR

Il Ministro Raffaele Fitto ha già anticipato alcuni dei temi caldi sul PNRR. Il primo riguarda l’eventuale modifica al Piano italiano, un tema particolarmente sentito durante la campagna elettorale. È il Regolamento (UE) 2021/241 a prevedere, tramite l’articolo 21 che “a causa di circostanze oggettive, lo Stato membro interessato può presentare alla Commissione una richiesta motivata” per avviare il processo di modifica. Nelle intenzioni del Governo, si punterebbe ad eliminare tutti gli interventi non più realizzabili a causa di costi o ritardi non colmabili. Un’iniziativa che parte anche dalla rilevazione, presente nella NADEF, che «l’ammontare di risorse effettivamente spese per i progetti del PNRR nel corso di quest’anno sarà inferiore alle proiezioni presentate nel DEF per il ritardato avvio di alcuni progetti che riflette, oltre ai tempi di adattamento alle innovative procedure del PNRR, gli effetti dell’impennata dei costi delle opere pubbliche». Occorrerà quindi monitorare nei prossimi mesi il dialogo tra Governo e Commissione per la possibile eliminazione o rimodulazione degli investimenti previsti.

Proprio in considerazione di tale intervento, il secondo tema è quello del finanziamento di REPowerEU e delle operazioni per il sostegno ai soggetti maggiormente colpiti dal caro-energia. REPowerEU, ancora in corso di discussione tra Commissione, Parlamento e Consiglio, potrebbe infatti dare priorità agli investimenti per affrontare la povertà energetica delle famiglie, delle PMI e delle microimprese vulnerabili. A tal fine, l’Europarlamento ha inoltre proposto di trovare altre fonti di denaro per integrare il finanziamento di REPowerEU (oltre alle aste di emissioni), utilizzando i fondi non spesi della precedente programmazione europea 2014-2020. Il Ministro Fitto ha inoltrato, nelle scorse settimane, una richiesta di ricognizione alle Regioni per le risorse della precedente programmazione ancora non spese.

Un nuovo assetto efficiente ed efficace

Occorre che il nuovo assetto che va delineandosi tanto in Italia (con il cambio di Esecutivo e le nuove funzionalità dei Ministeri chiave) quanto in Europa (con il lancio di REPowerEU) garantisca la piena funzionalità della macchina amministrativa e burocratica. Il metodo PNRR, fondato sulla costante rendicontazione e sul continuo confronto centrale-locale, non permette ampi margini di manovra, anche in considerazione delle strette tempistiche. Il rischio è quello di perdere risorse o indirizzarle nel modo errato.

Leggi anche

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili