Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: l’opinione degli italiani

pnrr

La sigla Pnrr, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è un termine ormai entrato nel linguaggio comune. Il progetto nato in seno all’Unione europea fa parte del Next Generation EU per il rilancio economico degli Stati membri. Nel complesso le risorse attese per l’Italia ammontano a 191,5 miliardi di euro.

NGEU è uno strumento temporaneo per la ripresa, un pacchetto da 750 miliardi di euro che contribuisce a riparare i danni economici e sociali causati in Europa dalla pandemia.

Il fulcro di NextGenerationEU è il dispositivo per la ripresa e la resilienza, Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (Recovery and Resilience Facility, RRF), che offre sovvenzioni e prestiti a tassi agevolati a sostegno delle riforme e degli investimenti nei diversi paesi e il cui valore totale ammonta a 723,8 miliardi di euro. Per il Recovery è prevista una durata di sei anni, dal 2021 al 2026. Le risorse sono destinate in particolare alla realizzazione di progetti a sostegno della rivoluzione verde e della transizione ecologica; all’implementazione della digitalizzazione, dell’innovazione, della competitività e cultura; per il finanziamento dell’istruzione e della ricerca; all’ammodernamento delle infrastrutture; alla transizione digitale e al cambiamento climatico. Inoltre, una quota consistente delle risorse viene destinata al Mezzogiorno.

Le regole stringenti per accedere ai fondi, soprattutto per quanto riguarda le nostre imprese, nella maggior parte dei casi impreparate a rispondere ai criteri richiesti, insieme ad una comprovata ridotta capacità dell’Italia a spendere i fondi in arrivo dall’Europa – pensiamo al sottoutilizzo dei fondi strutturali – hanno alimentato in questi ultimi anni il dibattito e i dubbi anche sul corretto uso delle risorse messe in campo dal Pnnr.

Lo stesso Governo, nella Nota di aggiornamento al DEF ha ammesso che sono stati spesi 13,2 mld di euro di fondi del Pnrr rispetto a quanto previsto.

Che cosa pensano gli italiani del Pnrr?

L’Eurispes ha ritenuto interessante indagare l’opinione degli italiani riguardo al Pnrr. Dalla rilevazione è emerso che il 63,8% dei cittadini si dichiara poco o per niente fiducioso nel corretto utilizzo dei fondi; più di un terzo degli italiani, ovvero il 36,2%, si dichiara invece fiducioso che le risorse verranno correttamente utilizzare.

Pnrr, quale utilizzo per le risorse destinate alle infrastrutture?

Andando ancora più a fondo, il 25,5% dei cittadini vorrebbe che le risorse venissero impiegate per la manutenzione e la messa in sicurezza delle opere esistenti, affermando una fragilità percepita delle nostre infrastrutture. Il 24,8% del campione guarda al futuro, prediligendo la conversione ecologica delle infrastrutture presenti, mentre il 24,5% vorrebbe interventi mirati a colmare il ritardo infrastrutturale del Mezzogiorno, considerato a ragione un ostacolo atavico alla crescita e alla modernità delle nostre infrastrutture. Solo 1 italiano su 10 (10,2%) vorrebbe che i fondi venissero impiegati per la creazione di grandi opere, iniziativa spesso messa al centro dalla politica, contrariamente alle preferenze dell’opinione pubblica che, evidentemente, non le ritiene una priorità.

Scorporando i dati per area geografica, si osserva che la creazione di grandi opere è auspicata soprattutto dai residenti nelle Isole (15,7%) e nel Nord-Ovest (12,2%). Le risorse andrebbero utilizzate per la manutenzione e la messa in sicurezza delle opere già esistenti soprattutto secondo l’opinione dei residenti del Sud (29,1%) e del Nord-Est (27,4%), mentre la conversione ecologica delle infrastrutture è una priorità soprattutto per i rispondenti del Centro (31,1%) e del Nord-Ovest (29%), con una sostanziale differenza rispetto al Sud Italia (18,7%) e alle Isole (19,3%).

Gli interventi dovrebbero colmare innanzitutto il ritardo infrastrutturale del Mezzogiorno secondo il 35% dei residenti al Sud, il 31,8% degli abitanti delle Isole, mentre nel resto d’Italia il problema è meno tenuto in considerazione, soprattutto nel Nord-Ovest (14,5%). Ciò evidenzia il fatto che non sia ancora stata acquisita a livello nazionale la consapevolezza che la crescita del Paese dipende molto dalla capacità che avremo di colmare proprio quel gap geografico che ci caratterizza.

Leggi anche

 

 

 

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze