Il Senato che ci meritiamo?

I Tg di venerdì 2 ottobre – Passata in Sardegna la prima ondata di piena autunnale, monta come è giusto ed inevitabile l’ondata di proteste e polemiche . Le alluvioni in Sardegna e Sicilia sono apertura per Tg4, che vi dedica oltre 12 minuti, e titolo per tutti gli altri. Questa volta, oltre alle consuete vicende di incuria del territorio si manifesta l’evidente incapacità di intervenire in modo sicuro anche nel dopo calamità. Ad Olbia il ponte sul rio Siligheddu, che già ieri alcuni Tg avevano elevato a simbolo del non sense, lesionato dall’alluvione 2013 e subito ricostruito per esigenze di viabilità, viene in fretta e furia abbattuto perché ostacolava il deflusso delle acque. L’operazione è definita da Studio Aperto, il “simbolo di una burocrazia a dir poco demenziale”.

Il percorso della Riforma Costituzionale al Senato è apertura per Tg3, Tg5 e Tg La7. Ieri avevamo scritto di un’aula che, più che sede di attività parlamentari, appariva in questi giorni il palcoscenico di comiche finali. Questo giudizio non fa riferimento ad un nostro dileggio delle istituzioni della democrazia rappresentativa, ma al dato oggettivo che anche oggi si è riproposto con i gesti osceni del senatore di verdiniano Barani nei confronti di una senatrice M5S e con le consuete bagarre, riprese dai maggiori Tg. L’intervento del capogruppo di Forza Italia Romani, che ha invitato a comportamenti più da “galantuomini”, è suonato come la richiesta di una sorta di tregua verso asprezze che poco hanno a che fare con il dibattito e molto con la caciara. Anche i Tg sembrano sottostare allo “spirito del tempo” e l’informazione su emendamenti e votazioni sulla riforma del Senato passa in secondo piano rispetto alla cronaca degli scontri che, comunque, nel servizio di La7 è riportata con precisione e adeguata sintesi.

L’ennesimo caso di far west a in Oregon, che ieri solo Mentana, con il consueto tempismo, era riuscito a dare in diretta ed il Tg2 a riprendere a fine edizione, oggi è apertura per Studio Aperto e Tg1. I Tg Mediaset si riempiono di testimonianze di sconcerto, dolore e rabbia, mentre quelli Rai meglio veicolano l’appello di Obama che chiede aiuto contro le lobby delle armi; La7 manifesta sin dai titoli scetticismo verso il dibattito sul controllo delle armi in america, che sarà nuovamente “inscenato” senza esiti concreti. Accurato il servizio del Tg3 che riporta i dati delle più di 11 vittime di armi da fuoco ogni anno negli Stati Uniti. Sempre dagli Usa l’allargarsi del dieselgate, che mette sotto accusa le altre maggiori case automobilisiche, resta saldo a metà edizione per tutti i Tg.

I bombardamenti russi in Siria, contro l’Isis ma anche a puntello del potere di Assad, sono nei titoli per i Tg Rai e La7. Tg2 propone un approfondimento molto accurato e lucido sui cinque anni della catastrofe siriana. Sempre per gli esteri, l’attentato compiuto in Nigeria dai miliziali di Boko Hamar che servendosi di cinque bambine come kamikaze ha fatto 14 morti, è titolo per Studio Aperto e Tg3. 

A poche ore dal secondo anniversario del naufragio del 3 ottobre 2013 davanti coste di Lampedusa in cui morirono 366 migranti (buon servizio su Tg1), il borsino del tema profughi volge al basso: Mediaset (soprattutto Tg4) che, in assenza di elementi utili per invocare politiche securitarie, non ne parla. Tg3 presenta invece due servizi: uno sui sopravvissuti che, scampati agli scogli di Lampedusa, tornano per la commemorazione della strage, ed un altro su di un comune piemontese, Schio, che ha nei fatti, “confinato” la propria quota di migranti in un dimesso rifugio alpino a più di 50 km dalla stessa città, dove si muore di freddo, ma che in compenso li rende invisibili ai cittadini doc.

Chiudiamo ancora sul sindaco di Roma Ignazio Marino, ormai assunto per l’informazione televisiva (e non) al ruolo dil soggetto politico “più aggredibile”. Tg5 si lancia in un altro attacco, riprendendo le critiche odierne dell’Avvenire al tentativo di consigliare il Papa si come rispondere alle domande dei giornalisti. Tg4 addebita al Sindaco anche all’odierno sciopero dei mezzi pubblici nella Capitale, pure se è stato indetto ovviamente non dal Campidoglio ma dai sindacati di base. Marino è nei titoli per TgLa7 (anche per lanciare il Bersaglio Mobile di questa sera dedicato alla Capitale). Da Studio Mentana ammette che alcune delle accuse a lui rivolte risultano assai poco motivate.

Luca Baldazzi

Dati auditel dei Tg di giovedì 1 ottobre 2015

Schermata 2015-10-02 alle 22.03.06

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu