Il Senato che ci meritiamo?

I Tg di venerdì 2 ottobre – Passata in Sardegna la prima ondata di piena autunnale, monta come è giusto ed inevitabile l’ondata di proteste e polemiche . Le alluvioni in Sardegna e Sicilia sono apertura per Tg4, che vi dedica oltre 12 minuti, e titolo per tutti gli altri. Questa volta, oltre alle consuete vicende di incuria del territorio si manifesta l’evidente incapacità di intervenire in modo sicuro anche nel dopo calamità. Ad Olbia il ponte sul rio Siligheddu, che già ieri alcuni Tg avevano elevato a simbolo del non sense, lesionato dall’alluvione 2013 e subito ricostruito per esigenze di viabilità, viene in fretta e furia abbattuto perché ostacolava il deflusso delle acque. L’operazione è definita da Studio Aperto, il “simbolo di una burocrazia a dir poco demenziale”.

Il percorso della Riforma Costituzionale al Senato è apertura per Tg3, Tg5 e Tg La7. Ieri avevamo scritto di un’aula che, più che sede di attività parlamentari, appariva in questi giorni il palcoscenico di comiche finali. Questo giudizio non fa riferimento ad un nostro dileggio delle istituzioni della democrazia rappresentativa, ma al dato oggettivo che anche oggi si è riproposto con i gesti osceni del senatore di verdiniano Barani nei confronti di una senatrice M5S e con le consuete bagarre, riprese dai maggiori Tg. L’intervento del capogruppo di Forza Italia Romani, che ha invitato a comportamenti più da “galantuomini”, è suonato come la richiesta di una sorta di tregua verso asprezze che poco hanno a che fare con il dibattito e molto con la caciara. Anche i Tg sembrano sottostare allo “spirito del tempo” e l’informazione su emendamenti e votazioni sulla riforma del Senato passa in secondo piano rispetto alla cronaca degli scontri che, comunque, nel servizio di La7 è riportata con precisione e adeguata sintesi.

L’ennesimo caso di far west a in Oregon, che ieri solo Mentana, con il consueto tempismo, era riuscito a dare in diretta ed il Tg2 a riprendere a fine edizione, oggi è apertura per Studio Aperto e Tg1. I Tg Mediaset si riempiono di testimonianze di sconcerto, dolore e rabbia, mentre quelli Rai meglio veicolano l’appello di Obama che chiede aiuto contro le lobby delle armi; La7 manifesta sin dai titoli scetticismo verso il dibattito sul controllo delle armi in america, che sarà nuovamente “inscenato” senza esiti concreti. Accurato il servizio del Tg3 che riporta i dati delle più di 11 vittime di armi da fuoco ogni anno negli Stati Uniti. Sempre dagli Usa l’allargarsi del dieselgate, che mette sotto accusa le altre maggiori case automobilisiche, resta saldo a metà edizione per tutti i Tg.

I bombardamenti russi in Siria, contro l’Isis ma anche a puntello del potere di Assad, sono nei titoli per i Tg Rai e La7. Tg2 propone un approfondimento molto accurato e lucido sui cinque anni della catastrofe siriana. Sempre per gli esteri, l’attentato compiuto in Nigeria dai miliziali di Boko Hamar che servendosi di cinque bambine come kamikaze ha fatto 14 morti, è titolo per Studio Aperto e Tg3. 

A poche ore dal secondo anniversario del naufragio del 3 ottobre 2013 davanti coste di Lampedusa in cui morirono 366 migranti (buon servizio su Tg1), il borsino del tema profughi volge al basso: Mediaset (soprattutto Tg4) che, in assenza di elementi utili per invocare politiche securitarie, non ne parla. Tg3 presenta invece due servizi: uno sui sopravvissuti che, scampati agli scogli di Lampedusa, tornano per la commemorazione della strage, ed un altro su di un comune piemontese, Schio, che ha nei fatti, “confinato” la propria quota di migranti in un dimesso rifugio alpino a più di 50 km dalla stessa città, dove si muore di freddo, ma che in compenso li rende invisibili ai cittadini doc.

Chiudiamo ancora sul sindaco di Roma Ignazio Marino, ormai assunto per l’informazione televisiva (e non) al ruolo dil soggetto politico “più aggredibile”. Tg5 si lancia in un altro attacco, riprendendo le critiche odierne dell’Avvenire al tentativo di consigliare il Papa si come rispondere alle domande dei giornalisti. Tg4 addebita al Sindaco anche all’odierno sciopero dei mezzi pubblici nella Capitale, pure se è stato indetto ovviamente non dal Campidoglio ma dai sindacati di base. Marino è nei titoli per TgLa7 (anche per lanciare il Bersaglio Mobile di questa sera dedicato alla Capitale). Da Studio Mentana ammette che alcune delle accuse a lui rivolte risultano assai poco motivate.

Luca Baldazzi

Dati auditel dei Tg di giovedì 1 ottobre 2015

Schermata 2015-10-02 alle 22.03.06

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang