L'opinione

In onda la crisi di governo

32

I Tg di mercoledì 7 dicembre – La cronaca della crisi di governo, iniziata su alcune testate alle 14.20 (inizio dell’immancabile maratona di Mentana) con la fiducia alla legge di bilancio votata al Senato, assorbe l’intera serata dell’informazione (titolo unico per Tg4 e TgLa7). Come già nei giorni scorsi, c’è poco da dire su scalette sostanzialmente identiche e complessivamente corrette. Tutte le testate si prodigano in aggiornamenti su di una giornata politica che, anche se definita “convulsa”, si è svolta in realtà come da programma: dirette congiunte per i Tg delle 19 dal Quirinale durante il colloquio tra Matteo Renzi ed il Presidente Mattarella, mentre quelli delle 20 riprendono le dimissioni dell’ormai ex premier. Precedentemente anche l’attesa Direzione del Pd non aveva prodotto momenti al calor bianco, e tutte le testate registrano il pacato l’aut-aut di Renzi, segnalando però che il riferimento ad un governo dalle ampie maggioranze è niente più che un’esercitazione di stile. Prosegue intanto su Mediaset in vista delle consultazioni di domani il totonomi dei potenziali successori a capo di un governo che tutti vogliono ma a cui nessuno vuole partecipare, mentre le dichiarazioni delle varie forze d’opposizione, con gli M5S che esigono un voto immediato e Salvini che “minaccia” di “ricorrere alla piazza” ottengono titoli sui Tg Rai.

Com’era inevitabile, spazio ridotto a tutte le altre tematiche a cominciare proprio dalla fiducia sulla legge di bilancio, approvata senza essere neanche discussa per facilitare l’avvio formale della crisi: spazi risicati nei servizi, e qualche elemento in più su Tg3 e Tg La7. Maggiore attenzione, invece (titoli per Tg5 e Tg La7) alla seconda giornata positiva per Piazza Affari (+2,1%), trainata nuovamente dagli indici bancari e dai sentori di un intervento pubblico su Mps.

In una giornata dominata dalla politica, la consegna da parte dei giudizi egiziani dei documenti relativi al caso Regeni dopo 7 mesi di ritardi e silenzi risveglia l’interesse collettivo dei Tg: titoli per Tg3, servizi per tutti gli altri. Tg5 ha dedicato la copertina all’ennesimo caso di malasanità in un ospedale italiano. Buono il servizio del Tg3 sul volontariato europeo.

Il giudizio della rivista “Time”, indica Donald Trump “personaggio dell’anno”, definendolo però “Presidente degli Stati Divisi d’America”, cattura l’attenzione dei Tg Rai e di Tg La7. Presente a fine edizioni per Tg3 e Tg5 il violento terremoto che a Sumatra ha fatto più di 100 vittime. Sempre Tg3 è l’unico stasera a parlarci di nuovi sbarchi, salvataggi e vittime nel Mediterraneo. La situazione ad Aleppo, con l’arrivo in serata di una richiesta da parte de i maggiori paesi occidentali, Italia compresa, di un immediato cessate il fuoco, viene seguita dal Tg3 e ripresa da Tg La7.

Ritornando tra i confini nazionali, la prima del teatro La Scala di Milano, che apre la stagione con la Madama Butterfly di Puccini (la cui diretta su Rai 1 ha scalzato l’edizione delle 20 dell’ammiraglia Rai), riceve attenzione diffusa ed è nei titoli del Tg2.

Luca Baldazzi

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione