L'opinione

Tutto in un giorno?

94

I Tg di martedì 6 dicembre – A questa domanda Mentana risponde affermativamente: fiducia del resuscitato Senato sulla stabilità, Direzione del Pd e dimissioni formali di Renzi nelle mani di Mattarella, tutto in poche ore. Le aperture di tutte le testate presentano lo stesso quadro predefinito, anche se poi il “dopodomani” risulta inevitabilmente indistinto. La “tentazione di Renzi” di andare quasi subito al voto è ripresa da molti e soprattutto da Tg4 che vi contrappone l’attendismo di Berlusconi. Si ha comunque l’impressione che “il pallino” sia ancora una volta nelle mani del Pd, che però con ogni probabilità domani si mostrerà diviso e forse pronto alla rottura definitiva. Renzi sarebbe stato riportato a più miti consigli dal Quirinale, che quantomeno impone i tempi necessari per la riforma elettorale e il presidio delle crisi bancarie. Anche su questo l’analisi dei Tg coincide. Dopo le consultazioni nella giornata di giovedì, l’incarico venerdì sarà ad una figura istituzionale o, nel caso di un compreso in casa Pd, ad un esponente non propriamente renziano, ma certamente non anti renziano. Il ruolo di Mattarella viene sottolineato e riconosciuto da tutte le testate, e questa è “cosa buona e giusta”. TgLa7 fa un po’ il pierino, e segnala che il ritorno alle liturgie e alla prassi d’antan delle consultazioni e degli incarichi, cozza con il clima degli ultimo anni, in politica come in comunicazione. Segnaliamo poi Tg4, che propone una lettura alquanto forzata del rapporto tra No al referendum e presenza di immigrati e profughi in diversi comuni italiani.

Passando in certa misura al altro, Tg5 apre sui dati Istat sulla povertà e riflette sulla sua drammatica presenza al sud, messa in relazione anche con la fortissima vittoria del no. Anche le altre testate aggiornano il quadro di un Paese che soffre, e che la politica non intercetta.

I dati odierni di borsa e spread che premiano Milano e il debito pubblico, sono sintetizzati da Tg5 con la formula “la crisi fa bene alla borsa ed allo spread”. Tg3 va oltre gli slogan e approfondisce in un buon servizio l’orientamento dei poteri finanziari, intervistando Gavazzi.

Passando alla cronaca, la rivolta di un condominio di San Basilio (periferia est della Capitale) contro l’arrivo in un appartamento di una famiglia marocchina è presente su molte testate, compreso Tg1. Il caso è controverso, e non si tratta esclusivamente di una manifestazione xenofobia. Il Tg4 lo illustra nel servizio, ma non si trattiene dall’istinto di titolare su “non vogliamo i negri”.

Sul caso Regeni, in occasione dell’arrivo a Roma del Procuratore de Il Cairo latore di tanta buona volontà ma di poche riscontri concreti, titoli su Tg1, Tg5 e TgLa7. Quest’ultimo produce un buon servizio che riassume la drammatica vicenda e che contribuisce a tener alta lì attenzione e la mobilitazione civile.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli