Rien ne va plus

I Tg di lunedì 5 dicembre – La lunga giornata della politica che segue la schiacciante vittoria del No e le annunciate dimissioni del Premier Matteo Renzi monopolizza tutte le aperture, prendendosi tra i 2/3 ed i 4/5 delle intere edizioni. La “cronaca della crisi minuto per minuto” (Tg4) impegna le scalette, con Mentana che per primo dà la decisione del Presidente Mattarella di “congelare” le dimissioni di Renzi fino all’approvazione della legge finanziaria al redivivo Senato, prevista per questo venerdì.

Molti gli interrogativi di giornata, che si diffondono per tutte le testate: presente su Studio Aperto il “totonomi” sul potenziale nuovo inquilino di Palazzo Chigi (il ministro Padoan, il Presidente Grasso, Del Rio ma anche Romano Prodi). Sul destino politico del futuro ex premier all’interno del suo partito, con la riunione della Direzione spostata a mercoledì, si interrogano con maggiore interesse i Tg delle 20, mentre la discussione sulla legge elettorale interessa maggiormente Tg3 e Tg La7, con quest’ultimo che segnala le spaccature tra le opposizioni: Lega e M5S pronti a votare “subito, quest’ultimo con l’Italicum anche al Senato”, e Berlusconi che invita il Pd a comporre un nuovo governo sotto il quale votare la nuova legge elettorale.

Sul “merito” della sconfitta, se tutte le testate ne ascrivono la responsabilità alla volontà di “personalizzare” il referendum da parte di Renzi, per i Tg Mediaset la vittoria del No viene rivendicata nientemeno che da Berlusconi in persona, la cui nuova discesa in campo avrebbe spostato almeno un 5% dei consensi. A partirne alquanto è l’analisi del voto in sé, di cui solo Tg2 produce il quadro più chiaro differenziato per aree geografiche e tra voto interno e all’estero che, pur irrilevante nella sommatoria generale, è stato per due terzi a favore del sì. Diffusa l’attenzione alle reazioni sullo scacchiere europeo e sui mercati, con tutte le testate (titolo per Tg La7) che segnalano come alle dimissioni di Renzi non sia seguito alcun tracollo delle borse.

Complessivamente una serata dell’informazione più che accettabile, forse anche perché i toni della politica, sia sul fronte dei vincitori che in quello degli sconfitti, sono stati sostanzialmente morigerati. Un’ultima notazione: dopo mesi Renzi per la prima volta non è comparso “in corpore vivo”, se si escludono gli spezzoni del discorso in piena notte con cui ha riconosciuto pienamente la sconfitta.

Concludiamo con un’incursione fuori dal nostro core business, ovvero nel mare grande dei talk che in edizione ordinaria o straordinaria hanno tappezzato l’intero palinsesto delle reti televisive, generaliste e allnews: al centro dell’attenzione l’uscita di scena di Renzi e la fine di una fase, breve ma intensa, della vita politica italiana.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse