Rien ne va plus

I Tg di lunedì 5 dicembre – La lunga giornata della politica che segue la schiacciante vittoria del No e le annunciate dimissioni del Premier Matteo Renzi monopolizza tutte le aperture, prendendosi tra i 2/3 ed i 4/5 delle intere edizioni. La “cronaca della crisi minuto per minuto” (Tg4) impegna le scalette, con Mentana che per primo dà la decisione del Presidente Mattarella di “congelare” le dimissioni di Renzi fino all’approvazione della legge finanziaria al redivivo Senato, prevista per questo venerdì.

Molti gli interrogativi di giornata, che si diffondono per tutte le testate: presente su Studio Aperto il “totonomi” sul potenziale nuovo inquilino di Palazzo Chigi (il ministro Padoan, il Presidente Grasso, Del Rio ma anche Romano Prodi). Sul destino politico del futuro ex premier all’interno del suo partito, con la riunione della Direzione spostata a mercoledì, si interrogano con maggiore interesse i Tg delle 20, mentre la discussione sulla legge elettorale interessa maggiormente Tg3 e Tg La7, con quest’ultimo che segnala le spaccature tra le opposizioni: Lega e M5S pronti a votare “subito, quest’ultimo con l’Italicum anche al Senato”, e Berlusconi che invita il Pd a comporre un nuovo governo sotto il quale votare la nuova legge elettorale.

Sul “merito” della sconfitta, se tutte le testate ne ascrivono la responsabilità alla volontà di “personalizzare” il referendum da parte di Renzi, per i Tg Mediaset la vittoria del No viene rivendicata nientemeno che da Berlusconi in persona, la cui nuova discesa in campo avrebbe spostato almeno un 5% dei consensi. A partirne alquanto è l’analisi del voto in sé, di cui solo Tg2 produce il quadro più chiaro differenziato per aree geografiche e tra voto interno e all’estero che, pur irrilevante nella sommatoria generale, è stato per due terzi a favore del sì. Diffusa l’attenzione alle reazioni sullo scacchiere europeo e sui mercati, con tutte le testate (titolo per Tg La7) che segnalano come alle dimissioni di Renzi non sia seguito alcun tracollo delle borse.

Complessivamente una serata dell’informazione più che accettabile, forse anche perché i toni della politica, sia sul fronte dei vincitori che in quello degli sconfitti, sono stati sostanzialmente morigerati. Un’ultima notazione: dopo mesi Renzi per la prima volta non è comparso “in corpore vivo”, se si escludono gli spezzoni del discorso in piena notte con cui ha riconosciuto pienamente la sconfitta.

Concludiamo con un’incursione fuori dal nostro core business, ovvero nel mare grande dei talk che in edizione ordinaria o straordinaria hanno tappezzato l’intero palinsesto delle reti televisive, generaliste e allnews: al centro dell’attenzione l’uscita di scena di Renzi e la fine di una fase, breve ma intensa, della vita politica italiana.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu