Rien ne va plus

I Tg di lunedì 5 dicembre – La lunga giornata della politica che segue la schiacciante vittoria del No e le annunciate dimissioni del Premier Matteo Renzi monopolizza tutte le aperture, prendendosi tra i 2/3 ed i 4/5 delle intere edizioni. La “cronaca della crisi minuto per minuto” (Tg4) impegna le scalette, con Mentana che per primo dà la decisione del Presidente Mattarella di “congelare” le dimissioni di Renzi fino all’approvazione della legge finanziaria al redivivo Senato, prevista per questo venerdì.

Molti gli interrogativi di giornata, che si diffondono per tutte le testate: presente su Studio Aperto il “totonomi” sul potenziale nuovo inquilino di Palazzo Chigi (il ministro Padoan, il Presidente Grasso, Del Rio ma anche Romano Prodi). Sul destino politico del futuro ex premier all’interno del suo partito, con la riunione della Direzione spostata a mercoledì, si interrogano con maggiore interesse i Tg delle 20, mentre la discussione sulla legge elettorale interessa maggiormente Tg3 e Tg La7, con quest’ultimo che segnala le spaccature tra le opposizioni: Lega e M5S pronti a votare “subito, quest’ultimo con l’Italicum anche al Senato”, e Berlusconi che invita il Pd a comporre un nuovo governo sotto il quale votare la nuova legge elettorale.

Sul “merito” della sconfitta, se tutte le testate ne ascrivono la responsabilità alla volontà di “personalizzare” il referendum da parte di Renzi, per i Tg Mediaset la vittoria del No viene rivendicata nientemeno che da Berlusconi in persona, la cui nuova discesa in campo avrebbe spostato almeno un 5% dei consensi. A partirne alquanto è l’analisi del voto in sé, di cui solo Tg2 produce il quadro più chiaro differenziato per aree geografiche e tra voto interno e all’estero che, pur irrilevante nella sommatoria generale, è stato per due terzi a favore del sì. Diffusa l’attenzione alle reazioni sullo scacchiere europeo e sui mercati, con tutte le testate (titolo per Tg La7) che segnalano come alle dimissioni di Renzi non sia seguito alcun tracollo delle borse.

Complessivamente una serata dell’informazione più che accettabile, forse anche perché i toni della politica, sia sul fronte dei vincitori che in quello degli sconfitti, sono stati sostanzialmente morigerati. Un’ultima notazione: dopo mesi Renzi per la prima volta non è comparso “in corpore vivo”, se si escludono gli spezzoni del discorso in piena notte con cui ha riconosciuto pienamente la sconfitta.

Concludiamo con un’incursione fuori dal nostro core business, ovvero nel mare grande dei talk che in edizione ordinaria o straordinaria hanno tappezzato l’intero palinsesto delle reti televisive, generaliste e allnews: al centro dell’attenzione l’uscita di scena di Renzi e la fine di una fase, breve ma intensa, della vita politica italiana.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia