Aspettando domenica notte

I Tg di venerdì 2 dicembre – In una serata in cui le aperture sono inevitabilmente assorbite dall’ultimo giorno di campagna referendaria, con le dichiarazioni che occupano due o tre titoli, è difficile per le altre notizie “scalare” le scalette. La campagna infinita è finita, e in pochi la rimpiangeranno.

Tornando al dichiarazionismo di giornata, spazio a “big” su tutte le testate con Tg5 che conclude con un’intervista lunga al premier Renzi, mentre tutte le Mediaset rilanciano il nuovo appello per il no di Berlusconi. Lo scontro Salvini-Alfano sul voto estero, con il leader della Lega che paventa “brogli” è presente fin dai titoli su Tg1 e Tg La7. Come avevano fatto un po’ tutti durante le elezioni americane, Tg4 ricostruisce in un servizio i vari passaggi di questa campagna fatta di “insulti e turpiloquio”.

Buona attenzione al cinquantesimo rapporto annuale Censis ( titoli su Tg3, Tg5 e TgLa7). Nei servizi di tutti la sintesi efficace: i ragazzi di questa generazione sono e saranno più poveri dei loro genitori (Tg4). Gli italiani che se lo possono permettere risparmiano sempre di più, ma non spendono. Il sommerso è altissimo, e popola anche i settori del digitale.

Il nuovo allarme attentati lanciato dall’Europol per le festività natalizie ottiene spazio soprattutto su Tg3, Tg4 e Tg5, mentre i lavori del Forum Med 2016 continuano a latitare dalle scalette, ottenendo qualche menzione solo a fine edizione dei Tg Rai e Tg5 e TgLa7.

Passando alla cronaca, le indagini sulle morti sospette nell’ospedale di Saronno restano un “must” – con titoli anche per quelle testate più lontane dalla cronaca (TgLa7).

Per gli esteri, la nomina di Trump del generale Mattis, “cane pazzo”, a Segretario della Difesa è titolo solo per Tg La7, ma viene ripresa anche dai Tg Rai e Mediaset. Titolo per Tg1 sulla successione di Valls ad Hollande nella corsa all’Eliseo, mentre Tg3 è il solo stasera a ricordarci che questa domenica tutta l’Europa aspetta un altro importante appuntamento elettorale: quello del ballottaggio in Austria.

L’abbandono del neo campione di Formula Uno Rosberg, che a soli 31 anni decide di ritirarsi dalle gare, prende di sorpresa tutti e raccogli titoli su molte testate, compresa Tg La7.

Segnaliamo stasera l’attenzione continuata di Tg1 sul tema del bullismo. Interessante il servizio del Tg sulla dimensione del gioco d’azzardo in Italia, business controllato in larga parte dalle mafie, e della ludopatia.

Tre anni fa i crolli delle domus a Pompei ci avevano fatto in due occasioni titolare su “Un Paese che crolla”. Ci fa piacere oggi segnalare che l’avvenuto recupero di quelle aree archeologiche, con l’apertura di un percorso di 3 chilometri ideato per visitatori disabili, viene ripreso con orgoglio da molte testate (titoli per Tg1, Tg3, Tg5). Buono il Tg2 che, cogliendo l’occasione, abbina alla “Pompei senza barriere” un servizio sugli oltre 3 milioni di cittadini italiani che, afflitti da varie disabilità, non possono godere del diritto di accesso nella vita quotidiana per la mancata rimozione delle barriere architettoniche.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento