L'opinione

Aspettando domenica notte

94

I Tg di venerdì 2 dicembre – In una serata in cui le aperture sono inevitabilmente assorbite dall’ultimo giorno di campagna referendaria, con le dichiarazioni che occupano due o tre titoli, è difficile per le altre notizie “scalare” le scalette. La campagna infinita è finita, e in pochi la rimpiangeranno.

Tornando al dichiarazionismo di giornata, spazio a “big” su tutte le testate con Tg5 che conclude con un’intervista lunga al premier Renzi, mentre tutte le Mediaset rilanciano il nuovo appello per il no di Berlusconi. Lo scontro Salvini-Alfano sul voto estero, con il leader della Lega che paventa “brogli” è presente fin dai titoli su Tg1 e Tg La7. Come avevano fatto un po’ tutti durante le elezioni americane, Tg4 ricostruisce in un servizio i vari passaggi di questa campagna fatta di “insulti e turpiloquio”.

Buona attenzione al cinquantesimo rapporto annuale Censis ( titoli su Tg3, Tg5 e TgLa7). Nei servizi di tutti la sintesi efficace: i ragazzi di questa generazione sono e saranno più poveri dei loro genitori (Tg4). Gli italiani che se lo possono permettere risparmiano sempre di più, ma non spendono. Il sommerso è altissimo, e popola anche i settori del digitale.

Il nuovo allarme attentati lanciato dall’Europol per le festività natalizie ottiene spazio soprattutto su Tg3, Tg4 e Tg5, mentre i lavori del Forum Med 2016 continuano a latitare dalle scalette, ottenendo qualche menzione solo a fine edizione dei Tg Rai e Tg5 e TgLa7.

Passando alla cronaca, le indagini sulle morti sospette nell’ospedale di Saronno restano un “must” – con titoli anche per quelle testate più lontane dalla cronaca (TgLa7).

Per gli esteri, la nomina di Trump del generale Mattis, “cane pazzo”, a Segretario della Difesa è titolo solo per Tg La7, ma viene ripresa anche dai Tg Rai e Mediaset. Titolo per Tg1 sulla successione di Valls ad Hollande nella corsa all’Eliseo, mentre Tg3 è il solo stasera a ricordarci che questa domenica tutta l’Europa aspetta un altro importante appuntamento elettorale: quello del ballottaggio in Austria.

L’abbandono del neo campione di Formula Uno Rosberg, che a soli 31 anni decide di ritirarsi dalle gare, prende di sorpresa tutti e raccogli titoli su molte testate, compresa Tg La7.

Segnaliamo stasera l’attenzione continuata di Tg1 sul tema del bullismo. Interessante il servizio del Tg sulla dimensione del gioco d’azzardo in Italia, business controllato in larga parte dalle mafie, e della ludopatia.

Tre anni fa i crolli delle domus a Pompei ci avevano fatto in due occasioni titolare su “Un Paese che crolla”. Ci fa piacere oggi segnalare che l’avvenuto recupero di quelle aree archeologiche, con l’apertura di un percorso di 3 chilometri ideato per visitatori disabili, viene ripreso con orgoglio da molte testate (titoli per Tg1, Tg3, Tg5). Buono il Tg2 che, cogliendo l’occasione, abbina alla “Pompei senza barriere” un servizio sugli oltre 3 milioni di cittadini italiani che, afflitti da varie disabilità, non possono godere del diritto di accesso nella vita quotidiana per la mancata rimozione delle barriere architettoniche.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Malaffare e politica, Franco Roberti: “Legame con la mafia ancora profondo”

Dal grande progetto di “videosorvegliare” Napoli e le sue periferie, al macrotema dell’immigrazione, a quello sulla legittima difesa; e poi il terrorismo e i pericoli per l’Italia. Intervista a 360 grandi a Franco Roberti
di Valentina Renzopaoli
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Immigrazione

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo