10.000 sfollati in tricea

I Tg di giovedì 3 novembre 2016 – Le continue scosse in centro Italia, con la più violenta ieri notte di 4.8 gradi Ricther, ricevono le aperture di Studio Aperto e dei Tg del Servizio Pubblico, con Tg1 che dedica tre titoli. L’attenzione nei servizi si è oramai spostata sulle condizioni degli sfollati: 10.000 gli abitanti che hanno scelto di passare le notti in rifugi di fortuna (tende, tenso strutture, ma più spesso le proprie auto) a presidio delle case e delle aziende lesionate, mentre sarebbero tra i 26 e i 28 mila quelli assistiti dalla protezione civile. Tra le molte testimonianze, riprendiamo quella di Studio Aperto che ci porta nei comuni di Fabriano e Foligno, dove Trenitalia ha messo a disposizione alcuni vagoni letto come rifugi temporanei. Inquietante il rapporto “ecosistema scuola” di Legambiente che segnala come oltre il 90% degli istituti scolastici italiani siano, a vari livelli, non a norma. Tg4 approfondisce la condizione degli anziani terremotati e titola sul suicidio di uno sfollato 75enne, proposto a “simbolo della disgrazia”.

Stasera la pagina politica non si discosta da quella della cronaca, con le dichiarazioni del premier Renzi che rivendica come l’Europa non potrà mettere paletti sulle spese per la ricostruzione. Titoli per tutti i Tg Mediaset sull’intervista- appello di Berlusconi su Tg5. L’ex premier ribadisce la necessità di far fronte comune di fronte all’emergenza in attesa delle misure del governo ma, visto che gioca in casa, abbina alle sue dichiarazioni un appello per il No referendario. Sul decreto che andrà alle Camere domani Tg2 invita un esperto a commentarne le misure.

La decisione della Corte Suprema che decreta che l’ uscita dall’Unione Europea della Gran Bretagna debba essere ratificata dal Parlamento (primo titolo per Tg4 e Tg La7) prende di sorpresa un po’ tutti, ed in altre contingenze avrebbe guadagnato l’apertura di tutte le edizioni. “Vince l’Europa, perde la Brexit” titola trionfalmente Tg4, con Studio Aperto che lo precede parlando nel servizio di un “Colpo di scena shakespeariano” e magnificando la vittoria di “Davide (il comitato di cittadini che aveva chiesto alla Corte di esprimersi) contro Golia (il governo di May, che già ha annunciato ricorso). Al momento per Tg La7 una sola cosa è chiara: la Brexit, se davverò vi sarà, andrà in contro a tempi molto, molto lunghi.

Tutte le testate seguono la progressiva rimonta di Trump nei sondaggi: titoli per tutti (salvo Tg2), servizi a fine edizione. “L’incertezza di Londra si accompagna a quella di Washington” commenta Mentana.

La “contraddizione apparente” dei dati sull’occupazione che vedono un aumento tanto degli occupati che dei disoccupati è ripresa nei titoli da Tg3, Tg5 e Tg La7. Quasi tutte le testate han provato a sbrogliare il paradosso delle statistiche, eccetto Tg4 che si è “accontentato” di segnalare l’incremento dei disoccupati.

Ai nuovi morti nel Mediterraneo – si stimano più di 230 profughi annegati davanti alle coste libiche, vanno la copertina del Tg5 ed i titoli di Tg1, Tg3 e Tg La7 (notizia non pervenuta per I Tg minori Mediaset). A tenere alta l’attenzione sul tema dei profughi è tuttavia la grave denuncia di Amnesty International di violenze ed abusi sugli ospiti di diversi hot spot italiani. Ma è Tg La7 che, oltre a dedicarvi un ampio servizio, si esprime direttamente con un editoriale a braccio di Enrico Mentana che appare toccato dalle notizie, ma anche dubbioso sulla loro veridicità, e che ricorda che tra i doveri dei profughi c’è senz’altro quello di farsi identificare.

L’avanzata delle truppe irachene su Mosul resta bassa stasera (titolo solo per Tg La7), ma riceve coperture a fine edizione anche dai Tg Rai e Tg La7 mentre la possibilità di catturare Al Baghdadi sembra dissolversi.

Segnaliamo in conclusione l’attenzione del Tg2 all’approvazione della nuova legge sul Cinema, con 400 milioni di finanziamento, che tra le altre cose rimuove i molti vincoli di censura. Un altro servizio ricostruisce le molte censure a cui, negli anni 60, 70 e 80, sono andate incontro molte bellissime, pellicole, tra cui diversi film di Pasolini.

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer