Osservatorio TG

Analisi dei Tg dal 28 maggio al 1 giugno

176

Schermata 2018-06-02 alle 14.47.22

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 173. Argomenti presenti nelle titolazioni: 206; politica 40% (83 presenze, per il 47% dei titoli), cronaca 19% (39 presenze, per il 22% dei titoli), esteri 14% (28 presenze, per il 16% dei titoli), economia 13% (26), cultura e società 6%(13), interni 4% (8) e sport e varie 4% (8).

2 giugno – Habemus administratio! La complicata settimana della politica che ha portato all’insediamento del governo “gialloverde” è stata accompagnata, attimo per attimo, da tutte le edizioni: l’en plein d’aperture, con oltre il 40% dello spazio su ciascuna testata, non contando le dirette, dedicato appunto alla “telecronaca” degli eventi.

La rottura sul nome del prof. Paolo Savona all’Economia consumatasi nel weekend; la “parabola” di Carlo Cottarelli, il commissario alla spending review arrivato di gran fretta lunedì ed a cui è stato affidato di formare un governo tecnico che si sapeva non avrebbe trovato la maggioranza in Parlamento; l’accordo ritrovato tra Lega e Movimento 5 Stelle con la riproposta di un governo guidato ancora una volta dal prof. Conte (“adocchiato” già martedì da Mentana), anche lui richiamato di gran fretta al Quirinale ed al quale stato riconfermato l’incarico giovedì: tutti eventi che hanno tenuto incollati i telespettatori ed in mobilitazione permanente le fila degli inviati davanti ai palazzi del potere. Chi ha seguito le edizioni di venerdì avrà senz’altro assistito a manifestazioni di “sollievo” quasi liberatorie sia nei servizi che da parte dei conduttori, con Tg5 che nelle copertina dedicata alla cerimonia della campanella commenta così: “dopo 3 mesi la ricreazione è finita”. Spazio per la levità anche su Tg4 e Studio Aperto, con quest’ultimo che raccoglie la satira del web a fronte dei tanti passi falsi di questo difficile avvio di legislatura.

A latere di questo sollievo, che s’accompagnata ad un generale rasserenarsi dei mercati con lo spread in forte calo e la borsa che torna a salire, si riaffacciano i dubbi e le perplessità di fronte ad un governo che si prefigge imponenti riforme, senza aver chiaramente indicato una strategia sul come ottenere le coperture. Se le parole di martedì del commissario europeo Oettinger,“I mercati insegneranno agli Italiani a votare”, hanno sollevato reazioni indignate bipartisan ed anche parte di Bruxelles, ciò non toglie – come osservato dai diversi commentatori sulle testate – che questa settimana di sussulti sia stata provocata anche da una diffusa preoccupazione sia dei mercati che da parte della Commissione Europea dovuta ad una confusa campagna elettorale, attraversata da posizioni poco chiare e contrastanti su molti punti, primo fra tutti la permanenza nell’eurozona.

Ma al di là delle tensioni sul nome di Paolo Savona, risolte forse questo venerdì con la stretta di mano tra lui ed il Presidente Mattarella con la sua nomina proprio a ministro per gli Affari Europei, di particolare gravità sono state le parole dell’ora vicepremier Luigi Di Maio che al rifiuto di Mattarella verso un governo Conte con il prof. Savona all’Economia aveva ventilato di porre il Capo dello Stato sotto accusa, chiamando una mobilitazione di massa per la festa del 2 giugno. Posizioni che, sebbene successivamente ritrattate, comunque segnalano un forte episodio su cui alcune testate tornano nei giorni successivi: Tg 5, che lunedì sente Antonio Polito del Corriere, e Tg La7, che a fronte della pace riconquistata ha cercato di illuminare i retroscena del cambio di rotta del leader M5S. Sempre Di Maio è stato bersaglio di ulteriori critiche sia da parte di un servizio/editoriale parodico del Tg4 di mercoledì e, giovedì sul Tg2, dalle parole del direttore del Mattino Barbano (sostituito venerdì da Monga), che ascrive questa prolungata crisi di governo ad un “un tatticismo esasperato e non sempre coerente del leader m5s”.

Memori del comportamento di alcune testate nei confronti del governo tecnico Monti, quando alcuni ministri a seguito di scelte impopolari divennero oggetto di numerose coperture critiche, valuteremo se e quando nelle prossime settimane l’atteggiamento critico sinora mostrato sarà motivato da spirito costruttivo e non reazionario da parte di un sistema della comunicazione, allineato ancora in larga parte sui binari del precedente duopolio PD – Forza Italia.

Fuori dall’avvio della XVII Legislatura, l’attenzione delle testate si concentra sulla pagina degli esteri, occupata da tre notizie che – non fosse stato per il nuovo governo – avrebbe probabilmente gareggiato per le aperture delle edizioni. Molto seguita, da metà delle edizioni, la strage la strage del killer di Liegi in Belgio (titoli tra martedì e mercoledì); il riaccendersi delle tensioni sui mercati causati dalla decisione di Trump di porre dazi sull’acciaio ed all’alluminio importato negli States dal mercato europeo (5 titoli da giovedì) si palesa sulle scalette in varie coperture, con alcuni interessanti approfondimenti. Con il rasserenarsi del clima politico del Paese, la crisi spagnola che ha portato tra giovedì e venerdì alle dimissioni del Premier Rajoy per lo scandalo tangenti che ha colpito suo partito torna in auge sulle scalette, raccogliendo titoli sui Tg Rai e quelli delle 20 di venerdì. Il riavvicinamento tentato tra Usa e Nord Corea per non far fallire il vertice del 12 giugno, ufficialmente annullato, viene nel corso della settimana seguito da Tg Rai con Mentana che in conduzione di venerdì parla di passi avanti.

Per gli interni, si segnalano le critiche nei telegiornali verso la situazione in cui si trovano i magistrati di Bari, costretti da lunedì a tenere i processi in una tendopoli allestita fuori dal tribunale municipale perché la struttura rischia di crollare (titoli per Tg3 ed i Tg Mediaset della scorsa settimana). Assai presenti sono state poi, sui Tg Mediaset, le frecciate verso l’amministrazione capitolina per le numerose buche che hanno seriamente compromesso il Giro d’Italia. Su questo fronte, sia Tg5 che Tg1 dedicano un titolo alle gallerie della Roma sotterranea, un vasto dedalo di passaggi scavati dai romani che rendono la Capitale tra le città a più alto rischio idrogeologico del mondo, ed anche – in parte – cagione delle numerose voragini che la affliggono.

Sul fronte della cronaca, volendo parlare di un tema destinato a tornare in auge nei prossimi mesi – almeno stando a quanto affermato dal nuovo ministro degli Interni Matteo Salvini – è possibile muovere alcune osservazioni. La prima: il picco di sbarchi registratosi tra domenica e lunedì, 2000 persone equivalenti ad 1/5 del totale degli arrivi precedente nell’anno, è stato oggetto lunedì soltanto di un titolo da parte del Tg1 e pressoché ignorato da parte di quelle testate che, solo lo scorso anno, avevano fatto dell’emergenza immigrazione il proprio core business. Parallelamente, continuiamo a registrare da parte delle testate Mediaset un abbandono di quell’approccio ansiogeno che accompagnava sulle reti minori molte delle coperture di fatti di sangue. Vedremo anche su questi fronti come la mutata situazione politica influenzerà la narrazione mediatica degli eventi. Su questi temi, da segnalare da parte del Tg2 l’ultimo addio all’esecutivo di Gentiloni, a cui sono stati attribuiti nei servizi molti meriti tra i quali, appunto, la ripresa economia, con la risalita dell’occupazione a livelli pre crisi (titoli per i Tg3, Tg1 e Tg5 di giovedì), ma anche il forte contenimento, da qui ad un anno, dei flussi migratori provenienti dalla Libia.

Volendo restare “in tema”, segnaliamo, le varie ed eventuali:
- il titolo del Tg5 di lunedì dedicato all’immigrato 22enne che in Francia ha salvato una bambini che rischiava di cadere da un palazzo arrampicandosi a mani nude per raggiungerla, e che per questo è stato ricevuto dal Presidente Macron all’Eliseo che gli ha concesso la cittadinanza ed un lavoro;
– il servizio del Tg3 di giovedì su di una casa d’accoglienza per minori fuggiti dalle guerre divenuti maggiorenni in Italia e che propone un modello d’immigrazione che produce integrazione e giovani motivati; sempre Tg3 titola sulle rilevazioni del rapporto Save The Children sui pericoli che minacciano l’infanzia di quasi 1 miliardo di bambini nel mondo.
- l’editoriale del Tg5 di giovedì, che partendo da un nuovo caso di maltrattamento di anziani (titolo per i Tg Mediaset), esprime frustrazione per il fatto che spesso persone accusate di questi “reati odiosi” possano beneficiare di misure detentive lievi, quali il semplice arresto domiciliare;

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli