Osservatorio TG

Europa – Strategia comune cercasi …

I Tg di venerdì 27 novembre – La tensione crescente in Europa tra Russia e Turchia, con le scuse richieste da Putin e negate da Erdogan, che ribatte invitando il Cremlino a “non giocare con il fuoco”, e’ l’apertura per Tg2, Tg3, Tg5 e Tg La7. Se i movimenti sullo scacchiere internazionale restano ancora poco decifrabili, un discorso diverso vale per le posizioni italiane, riassunte nei servizi che riprendono le parole del presidente del consiglio Renzi: “Non si parte a bombardare se non si sa cosa si farà dopo” e “non ripeteremo l’esperienza dei dissennati bombardamenti in Libia”. Posizione supportata dagli interventi del ministro Pinotti e della Presidente Boldrini (lanciati alti dai Tg Rai), e che attira al governo l’accusa dal centrodestra di “eccessiva timidezza” e di “vigliaccheria” (da Salvini). Ancora una volta e’ il solo Tg La7 ad accompagnare la cronaca di giornata con alcune interpretazioni dell’“l’attendismo” di Renzi che sarebbe da ricondurre proprio alla incerta situazione della Turchia, passata in pochi giorni da “parte delle soluzioni” per il conflitto in Siria e per la gestione dei profughi (oltre 2 milioni), a soggetto che crea problemi. Interessante il riferimento all’imbarazzo con cui la Ue nella riunione di domenica sul tema immigrazione affronterà l’interlocutore turco, “armata” solo dei 3 miliardi promessi a Erdogan perché li trattenga sul suo territorio.
La commozione di Parigi nel ricordo delle 130 vittime della strage del 13 novembre è in apertura per TG1 e le minori di Mediaset. I Tg Rai offrono le migliori coperture, con Tg2 che si sofferma sul forte clima di unità nazionale in una manifestazione in cui maggioranza ed opposizione, Marie Le Pen compresa, hanno cantato assieme la Marsigliese; le testate Mediaset (Tg4 e Tg5) privilegiano le critiche dei parigini ad un discorso giudicato fiacco e poco deciso, anche se non manca lo spazio per la chiara risposta di Hollande ai terroristi dell’Isis, che “uccidono nel nome di un dio tradito”: “nessuna pietà”. 

I dati record sulla fiducia dei consumatori nel mese di novembre, i più alti degli ultimi 20 anni, godono di copertura sui Tg Rai e di un lungo servizio su Tg La7, mentre le testate Mediaset non ve fanno menzione.
I naufragi nelle ultime ore sulle coste turche in cui sono affogati 6 bambini hanno ridestato in diverse redazioni (servizio per Tg3, Tg5 e Studio Aperto) l’attenzione ad un dramma che continua, se ne parli o meno. Una carenza d’attenzione denunciata dallo stesso Tg3 nei giorni scorsi ed in un odierno servizio che, riprendendo dati dall’Osservatorio Europeo sul giornalismo, evidenzia come la disattenzione dei telegiornali di queste settimane ai temi dell’immigrazione si ritrovi anche sulla carta stampata, e come le scosse alle coscienze prodotte da immagini drammatiche – come quelle a settembre del cadavere del bambino sulla spiaggia turca – abbiano originato quello che viene definito uno “sdegno passeggero”, durato sulla carta stampata appena 10 giorni, e anche meno – questo siamo noi a dirlo – sui teleschermi.
Il secondo giorno del Pontefice in Africa in visita a paesi ricchi di risorse ma resi poveri soprattutto dalla corruzione, è nei titoli solo per i Tg Rai.
Sempre i Tg Rai riferiscono dell’inchiesta sorta attorno al forzato rimpatrio, per cui si indaga per sequestro di persona, di Alma Shamalayeva, la cui testimonianza viene raccolta da Tg1 e Tg2.
Tg La7 e Tg2 sono gli unici a fare menzione dell’importantissima conferenza sul clima che si terrà questa domenica a Parigi, ed a cui il Tg2 dedica nel suo approfondimento tre lunghi e dettagliati servizi.
Chiudiamo con Tg4 e i conti presentati provocatoriamente alle comunità islamiche italiane dopo la diffusione dei “numeri dell’insicurezza” (1.000 musulmani tenuti sotto controllo, 61 sospetti espulsi). La notizia che però tiene banco stasera sul Tg di Rete 4 è quella della scuola elementare di Rozzano nel milanese, il cui preside ha deciso, per ragioni di “laicità”, di annullare la “Festa musicale del Natale”, scatenando una polemica politica che ha coinvolto esponenti PD, M5S e lo stesso Salvini (servizi anche su Tg 1 e Tg5). Una scelta che il conduttore definisce una “boiata pazzesca” in una sorta di editoriale a difesa dei valori della civiltà cristiani incarnati nel presepio, nei canti e nel crocefisso. Non concordiamo, pur condividendo che la “laicità assoluta” non sempre e’ la risposta migliore alle questioni dell’integrazione.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale