L'opinione

I Tg dall’11 al 15 dicembre 2017

38

Schermata 2017-12-16 alle 21.17.20

Tabella percentuale dei titoli. Totale titoli: 209; cronaca 21% (44 titoli), politica 20% (42 titoli), interni 20% (42), esteri 17% (34), sport e varie 12% (24), cultura e società 6% (13) ed economia al 5% (10).

16 dicembre – La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da una particolare presenza di notizie “d’interni”, concentrate nei primi giorni, che hanno occupato fino ad un quinto delle scalette. La cronaca dei disagi nelle diverse zone colpite dal maltempo (19 titoli) è ben presente sui Tg Rai e Mediaset, che dedicano grande spazio alle proteste delle popolazioni evacuate in Emilia Romagna. Molto spazio mercoledì anche alle tensioni tra Ryanair e piloti italiani, nate a seguito di una “comunicazione” aziendale, in realtà più vicina ad una minaccia, che ha provocato la dura presa di posizione del ministro Delrio, intervenuto al Tg1.

Per la politica, la “bufera” sul caso Boschi, esondata nei Tg di giovedì (aperture per Tg4, Tg3 e Tg La7, titoli per tutti anche nella giornata di venerdì), quasi ruba la scena al tanto atteso passaggio della legge sul testamento biologico al Senato (apertura per Tg1, Tg2 e Tg5). Questa norma di civiltà, arrivata dopo un lungo iter iniziato, come ricorda Mentana, con Piergiorgio Welby, ha potuto concludersi solo sull’onda emotiva prodotta dal suicido assistito di Dj Fabo dello scorso febbraio. Coperture dignitose per tutti, con i Tg Mediaset più “riservati”, mentre quelli Rai hanno abbondato di testimonianze dei principali promotori della legge.

Da segnalare una particolare presenza nei titoli del presidente del Consiglio Gentiloni (23 citazioni). Oltre alle varie dichiarazioni sui fatti politici della settimana (boschi e testamento biologico), il premier ha figurato nei titoli di giovedì per le sue dichiarazioni al Consiglio Europeo (5 titoli), dove cooptato dalla Merkel ha protestato contro quei paesi dell’Europa dell’Est, aderenti al Gruppo Visegràd, che rifiutano una più equa distribuzione dei migranti attraverso quote nazionali. A contribuire a questa maggiore esposizione anche il mezzo “endorsement” ricevuto martedì da Berlusconi alla presentazione del libro di Vespa. Anche questa settimana, per altro, il leader di FI ha confermano la sua forte presenza sulle scalette dei Tg, figurando in 13 titoli da lunedì a giovedì.

Per la cronaca, la cattura in Spagna del super ricercato pluriomicida Norbert Feher, più noto come “Igor il Russo”, totalizza l’attenzione dei Tg di venerdì, con ben 5 aperture. Grande presenza sui Tg Mediaset , che ripropongono molti video per ricostruire una latitanza durata quasi nove mesi. Interessante l’approfondimento del Tg2, che dedica due servizi all’attività dell’Europol, spesso incentrata nella caccia ai super latitanti, che in Italia sono spesso boss mafiosi. Sempre in tema di mafia, spazio fin dai titoli per Tg3 e Tg2 all’arresto di 4 donne del clan dei Casalesi, subentrate ai loro uomini nella gestione delle casse dell’organizzazione criminale.

L’inchiesta che ha portato all’arresto di 6 persone per traffico di rifiuti tossici in Toscana (titoli Tg1, Tg3 e T5 di giovedì), non ha ricevuto forse adeguata attenzione, dato che le indagini hanno prodotto raccapriccianti intercettazioni: “I bambini si ammalano? Che muoiano”.

Per gli esteri, l’attentato newyorkese di lunedì, che fortunatamente ha fatto solo alcuni feriti tra cui lo stesso attentatore, ha monopolizzato le aperture di lunedì. Poche le contestualizzazioni circa il nesso con la decisione di Trump su Gerusalemme captale di Israele. La risposta dei paesi musulmani, che sollecitati da Erdogan hanno proposto di rendere Gerusalemme Est capitale della Palestina, figura nei titoli su Tg3 e delle testate delle 20.

Tra le varie, segnaliamo:

l’attenzione dedicata dal Tg4 al problema delle case occupate, con un titolo lunedì dedicato alla sentenza che pone sul Ministero degli Interni l’onere di risarcire i proprietari delle abitazioni, quando non si realizza lo sgombero degli abusivi.

l’inchiesta del Tg1 sulla Capitale, che martedì ha affrontato le insufficienze del trasporto pubblico, per poi passare alla raccolta dei rifiuti e, nella serata di mercoledì, alle piazze dello spaccio, presenti anche in centro.

l’interesse mostrato nel corso della settimana dai Tg Mediaset, ma in particolare da Tg5, alla difesa dei simboli della cristianità (i presepi e le icone religiose) in vista delle celebrazioni natalizie. Giovedì un titolo del Tg4 e la copertina/editoriale dell’ammiraglia Mediaset sono stati dedicati al caso dell’istituto superiore Calvino di Milano, reo di aver “cancellato il natale”.
il titolo del Tg3 di venerdì dedicato agli avanzamenti nel riavvio delle attività dell’Alcoa di Portovesme, presente anche nei servizi del Tg5 di giovedì. Spazio nei servizi di entrambe le testate al “miracolo natalizio” che ha riguardato i dipendenti della Melegatti di Verona, che non vedranno la cassa integrazione.

Luca Baldazzi

 

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione