I Tg dall’8 al 12 ottobre 2018 – la protesta sui Tg

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 207. Argomenti presenti nelle titolazioni: 269; politica 24% (66 presenze, per il 32% dei titoli), cronaca 22% (60 presenze, per il 29% dei titoli), economia 14% (40 presenze, per il 19% dei titoli), interni 14% (39), cultura e società 10% (28), esteri 10% (23) e sport e varie 7% (20).

13 ottobre – Le schermaglie tra governo, opposizioni ed istituzioni europee sugli indici della manovra continuano a reclamare la prima pagina dell’informazione anche questa settimana, con la risalita dello spread – stabilmente sopra quota 300 – in apertura lunedì e martedì per quasi tutte le testate.

In un quadro che ancora non riflette la “presenza” del governo gialloverde sulle testate del Servizio Pubblico, e con quelle Mediaset in un ruolo d’opposizione attiva, i pareri contrari al governo trovano “vita facile” sulle scalette, spesso proprio perché oggetto degli “strali” scagliati dai due vicepremier, solerti a ricacciare al mittente le osservazioni che mettono in dubbio l’efficacia della manovra. L’intervento del Capo dello Stato di giovedì a difesa delle autorità indipendenti, preceduto martedì dalla dura replica di Di Maio verso Bankitalia e Corte dei Conti, mentre sempre giovedì Salvini ribatteva contro le dichiarazione del Presidente dell’Inps Boeri, invitandolo a “dimettersi e presentarsi alle elezioni”, risulta non a caso apertura per le testate Rai e Tg5.

E’ tuttavia nella giornata di venerdì che sui Tg la “voce” dell’opposizioni si fa corale, con da una parte le forti critiche della “troica” (Fondo Monetario Internazionale, Commissione Europea e Banca Centrale Europea) impegnate secondo Tg La7 in “un’offensiva a 3 punte” sulla manovra (aperture per quasi tutti i Tg), dall’altra le rivendicazioni degli studenti per richiede una maggiore attenzione ai problemi della scuola (nei titoli per 4 testate, tra cui Tg4 e Studio Aperto). Sempre i Tg Mediaset segnalano come queste manifestazioni consistano nella prima protesta generale contro il governo gialloverde.

Restando in tema di proteste di piazza, i cortei di Genova che al grido di “Basta bugie” hanno sfilato lunedì contro i provvedimenti di un decreto per la ricostruzione che non li convince, risultano presenti fin dai titoli per tutte le testate, ed apertura per Tg La7; l’attenzione sugli sviluppi della ricostruzione del Ponte Morandi prosegue nel corso della settimana, scandagliata martedì dal ritorno degli sfollati nelle proprie dimore (nei titoli per Tg3, Tg La7 e Tg2), e mercoledì dai dubbi del presidente dell’Anticorruzione Calenda sui rischi di infiltrazioni mafiose tra le maglie lasciate aperte dal decreto (titoli per Tg3, Tg1 e Tg La7).

Il maltempo che prima colpisce la Spagna, e che successivamente si abbatte sulla Sardegna e sulla Liguria, provocando alcune vittime ed ingenti danni, tra cui il crollo di un ponte statale, risulta seguito da tutte le testate, con diversi titoli sui Tg Mediaset.

Per il resto, spazio assai ridotto per gli esteri. Buone le coperture sul caso del giornalista arabo Khashoggi (4 titoli), scomparso in Turchia e che sarebbe stato quasi certamente ucciso presso il suo consolato perché indagava nei confronti di un principe saudita.

In una settimana segnata da molti fatti di cronaca, tra cui il ritorno venerdì dell’ “evergreen” di Brembate, a spiccare su questa pagina è senz’altro il “colpo di scena” di giovedì al Processo Cucchi bis, ovvero l’ammissione di uno di carabinieri accusati, a 9 anni dal fatto, di aver assistito ad un pestaggio fino a prima negato: titoli per tutti. Mentana “precede la concorrenza”, raccogliendo un contributo da Ilaria Cucchi già giovedì sera, mentre Tg5 la ospita venerdì, con Tg1 che invece intervista genitori di lei, saldi nel volere la verità ora che “Il muro del silenzio è crollato”.

Sempre per la cronaca, grande spazio ai nuovi casi di femminicidio nel Paese. L’apertura del Tg4 di venerdì, dedicata all’imminente sentenza della Cassazione sul processo per la morte di Yara Gambirasio (titoli per gli altri Mediaset, Tg1 e Tg2), ci ha fatto tornare un po’ indietro con la memoria, quando tra il 2010 ed il 2012 ai “grandi casi criminali” l’informazione mainstream soleva offrire un’attenzione spropositata. La presenza, anche su Studio Aperto, di servizi di cronaca con accostamenti suggestivi, succeduti per altro dalle coperture dell’ultimo “royal wedding” (titoli su Studio Aperto da lunedì e per i Tg Mediaset di venerdì), ha rafforzato questa “nostalgia”, rammentandoci della conduzione di Emilio Fede.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:

– L’inchiesta del Tg2 sui centri per l’impiego in Italia, proposta in due parti tra giovedì e venerdì. Oltre a delineare un quadro assai problematico, che vede questi uffici operati di richieste e privi in gran parte di risorse, il servizio propone un confronto inclemente con le strutture tedesche, a cui segue l’esplicita esortazione da parte di Alfonso Marrazzo, caporedattore della sezione economia del Tg2, di “fare qualcosa”. La sua proposta per migliore il sistema è seguire il modello tedesco, che si struttura attraverso la partecipazione dello Stato sia con le imprese che con i lavoratori;

– sempre Tg2 si prende in carico più di altri la vicenda della reporter uccisa in Bulgaria, su cui si stendono le ombre della ndrangheta, con un’inchiesta che ci riporta alla memoria i vari giornalisti uccisi nel corso degli ultimo 12 mesi in Europa (prima Daphne Galizia, poi Ian Kuicak ed adesso Victoria Marinova), perché stavano chiaramente facendo delle “domande scomode”;

– l’attenzione del Tg3 di mercoledì al Rapporto Terres des Hommes sui minori vittime di reati in Italia, che segnala un preoccupante aumento degli abusi sessuali tra i bambini; sempre Tg3 dedica giovedì un titolo al nuovo sequestro di beni ad Ostia al Clan Spada, che obbliga i nipoti dei boss ad abbandonare preventivamente alcuni stabili occupati da anni.

 

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer