Immigrazione e solidarietà spontanea

I Tg di martedì 16 giugno – Il braccio di ferro Italia-Ue sull’immigrazione, le pene di Renzi per l’esito dei ballottaggi, la Grecia che sembra allontanarsi dall’Europa: questi i temi che si dividono le aperture dei Tg di serata. Tg5 apre su quest’ultimo tema, segnalando una situazione cha appare irrecuperabile e che porterà con ogni probabilità ad un vertice straordinario domenica prossima a Bruxelles. TgLa7 sottolinea le parole durissime di Juncker contro Tsipras “racconta bugie al suo popolo..”), e di Tsipras contro l’FMI (è responsabile di politiche criminali …). C’è solo da augurasi, che si possa immaginare la quiete dopo la tempesta.

Sull’“emergenza nell’emergenza” dei profughi, tutti hanno nei titoli la tensione a Ventimiglia il vertice odierno di Strasburgo che sembra avere almeno in parte smussato l’acuminatezza dello scontro Roma-Parigi. C’è da segnalare che da qualche giorno si assiste ad un rilevante shift nell’offerta dei Tg sulla questione immigrazione, in particolar modo su Mediaset. Negli ultimi mesi – lo abbiamo spesso notato nelle analisi quotidiane – immigrazione e rom hanno sopravanzato nella comunicazione questioni molto più imponenti. Diversi settori politici hanno “imposto”, a suon di slogan e felpe, l’immagine dell’italiano assediato dagli immigrati e di uno Stato che spende e spande per chi arriva con i barconi, mentre lascia languire i cittadini in difficoltà tagliando assistenza e servizi. Ora qualcosa sembra muoversi. Mentre nei talk qualche volta è comparso “il profugo” nella sua soggettività, nei Tg sono sempre prevalsi lo scontro politico, l’incitamento alla xenofobia (Tg4, soprattutto) o, in alternativa, il tentativo di riportare nei suoi giusti termini il problema. Mai però prima degli ultimi giorni le immagini dei profughi nelle stazioni romane e milanesi e alle frontiere con l’Austria o con la Francia avevano “bucato il video”, e questo, paradossalmente, sta avvenendo anche sulle testate che usano toni più populisti, o sono “arruolate” nella strategia della Lega. Sarà perché sono finite le frecce all’arco di chi è dedicato alla caccia agli “invasori”, sarà perché è finita la campagna elettorale delle regionali e comunali; quale che ne sia il motivo, quel che è certo è che questa sera non solo i Tg Rai e La7, ma anche quelli Mediaset “ci fanno vedere” chi sono realmente questi disperati. Inevitabilmente da potenziali carnefici diventato così vittime da aiutare, come dimostra la spontanea solidarietà dai cittadini romani e milanesi, ma addirittura di quelli francesi che da Mentone vanno a Ventimiglia per rivestire e ristorare i profughi che il loro governo respinge alla frontiera. Prima si sparava contro gli immigrati e le politiche del governo, ora il governo continua (con qualche ragione) ad essere nel mirino, ma i profughi “in corpore vivo” finalmente appaiono dei disperati che ispirano sentimenti non più solo aggressivi, ma anche di vicinanza e compassione. Ovviamente Tg4 può perdere il pelo, ma non il vizio; ecco così che, dopo aver parlato della solidarietà spontanea dei romani, arriva il servizio sui cittadini del quartiere Tiburtino che non vogliono saperne di presenze di immigrati. E poi quello del cittadino italiano di Ventimiglia che lamenta che “a lui non lo aiuta nessuno”.

Per la politica tutti i Tg variamente inquadrano il Renzi del day after la sconfitta alle comunali. Il Premier appare nervoso e lancia sassi contro Marino (o governa bene, o a casa), e sulla scuola per un verso apre alla discussione con sindacati e professori, per l’altro ipotizza il rinvio delle 100.000 assunzioni dei precari all’anno prossimo. Tutti riprendono la sua affermazione sul “momento più duro per il governo”, e la volontà di tornare il “Renzi prima maniera”. Tg3 e TgLa7 fin dai titoli si occupano dl successo di Cinque Stelle; Mentana ipotizza un avvicinamento del Movimento all’Italicum, il sistema elettorale che potrebbe portarlo al governo. Di Maio è guest star su tutte le maggiori testate. Intanto Lega e Fronte Nazionale francese hanno formato il gruppo comune di estrema destra nel Parlamento europee.

L’enciclica sull’ambiente di Papa Francesco (che sarà pubblicata giovedì) è presente nei Tg Rai. Tg2 presenta un approfondimento del tema del reddito di cittadinanza, segnalando le ipotesi sul tappeto e, per converso le restrizioni che in Gran Bretagna cominciano ad essere avanzate sul welfare in genere e in particolare per il sostegno a meno abbienti e ai disoccupati.

Dati auditel dei Tg di lunedì 15 giugno 2015

Schermata 2015-06-17 alle 01.09.46

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città