Immigrazione e solidarietà spontanea

I Tg di martedì 16 giugno – Il braccio di ferro Italia-Ue sull’immigrazione, le pene di Renzi per l’esito dei ballottaggi, la Grecia che sembra allontanarsi dall’Europa: questi i temi che si dividono le aperture dei Tg di serata. Tg5 apre su quest’ultimo tema, segnalando una situazione cha appare irrecuperabile e che porterà con ogni probabilità ad un vertice straordinario domenica prossima a Bruxelles. TgLa7 sottolinea le parole durissime di Juncker contro Tsipras “racconta bugie al suo popolo..”), e di Tsipras contro l’FMI (è responsabile di politiche criminali …). C’è solo da augurasi, che si possa immaginare la quiete dopo la tempesta.

Sull’“emergenza nell’emergenza” dei profughi, tutti hanno nei titoli la tensione a Ventimiglia il vertice odierno di Strasburgo che sembra avere almeno in parte smussato l’acuminatezza dello scontro Roma-Parigi. C’è da segnalare che da qualche giorno si assiste ad un rilevante shift nell’offerta dei Tg sulla questione immigrazione, in particolar modo su Mediaset. Negli ultimi mesi – lo abbiamo spesso notato nelle analisi quotidiane – immigrazione e rom hanno sopravanzato nella comunicazione questioni molto più imponenti. Diversi settori politici hanno “imposto”, a suon di slogan e felpe, l’immagine dell’italiano assediato dagli immigrati e di uno Stato che spende e spande per chi arriva con i barconi, mentre lascia languire i cittadini in difficoltà tagliando assistenza e servizi. Ora qualcosa sembra muoversi. Mentre nei talk qualche volta è comparso “il profugo” nella sua soggettività, nei Tg sono sempre prevalsi lo scontro politico, l’incitamento alla xenofobia (Tg4, soprattutto) o, in alternativa, il tentativo di riportare nei suoi giusti termini il problema. Mai però prima degli ultimi giorni le immagini dei profughi nelle stazioni romane e milanesi e alle frontiere con l’Austria o con la Francia avevano “bucato il video”, e questo, paradossalmente, sta avvenendo anche sulle testate che usano toni più populisti, o sono “arruolate” nella strategia della Lega. Sarà perché sono finite le frecce all’arco di chi è dedicato alla caccia agli “invasori”, sarà perché è finita la campagna elettorale delle regionali e comunali; quale che ne sia il motivo, quel che è certo è che questa sera non solo i Tg Rai e La7, ma anche quelli Mediaset “ci fanno vedere” chi sono realmente questi disperati. Inevitabilmente da potenziali carnefici diventato così vittime da aiutare, come dimostra la spontanea solidarietà dai cittadini romani e milanesi, ma addirittura di quelli francesi che da Mentone vanno a Ventimiglia per rivestire e ristorare i profughi che il loro governo respinge alla frontiera. Prima si sparava contro gli immigrati e le politiche del governo, ora il governo continua (con qualche ragione) ad essere nel mirino, ma i profughi “in corpore vivo” finalmente appaiono dei disperati che ispirano sentimenti non più solo aggressivi, ma anche di vicinanza e compassione. Ovviamente Tg4 può perdere il pelo, ma non il vizio; ecco così che, dopo aver parlato della solidarietà spontanea dei romani, arriva il servizio sui cittadini del quartiere Tiburtino che non vogliono saperne di presenze di immigrati. E poi quello del cittadino italiano di Ventimiglia che lamenta che “a lui non lo aiuta nessuno”.

Per la politica tutti i Tg variamente inquadrano il Renzi del day after la sconfitta alle comunali. Il Premier appare nervoso e lancia sassi contro Marino (o governa bene, o a casa), e sulla scuola per un verso apre alla discussione con sindacati e professori, per l’altro ipotizza il rinvio delle 100.000 assunzioni dei precari all’anno prossimo. Tutti riprendono la sua affermazione sul “momento più duro per il governo”, e la volontà di tornare il “Renzi prima maniera”. Tg3 e TgLa7 fin dai titoli si occupano dl successo di Cinque Stelle; Mentana ipotizza un avvicinamento del Movimento all’Italicum, il sistema elettorale che potrebbe portarlo al governo. Di Maio è guest star su tutte le maggiori testate. Intanto Lega e Fronte Nazionale francese hanno formato il gruppo comune di estrema destra nel Parlamento europee.

L’enciclica sull’ambiente di Papa Francesco (che sarà pubblicata giovedì) è presente nei Tg Rai. Tg2 presenta un approfondimento del tema del reddito di cittadinanza, segnalando le ipotesi sul tappeto e, per converso le restrizioni che in Gran Bretagna cominciano ad essere avanzate sul welfare in genere e in particolare per il sostegno a meno abbienti e ai disoccupati.

Dati auditel dei Tg di lunedì 15 giugno 2015

Schermata 2015-06-17 alle 01.09.46

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang