Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Immigrazione e solidarietà spontanea

I Tg di martedì 16 giugno – Il braccio di ferro Italia-Ue sull’immigrazione, le pene di Renzi per l’esito dei ballottaggi, la Grecia che sembra allontanarsi dall’Europa: questi i temi che si dividono le aperture dei Tg di serata. Tg5 apre su quest’ultimo tema, segnalando una situazione cha appare irrecuperabile e che porterà con ogni probabilità ad un vertice straordinario domenica prossima a Bruxelles. TgLa7 sottolinea le parole durissime di Juncker contro Tsipras “racconta bugie al suo popolo..”), e di Tsipras contro l’FMI (è responsabile di politiche criminali …). C’è solo da augurasi, che si possa immaginare la quiete dopo la tempesta.

Sull’“emergenza nell’emergenza” dei profughi, tutti hanno nei titoli la tensione a Ventimiglia il vertice odierno di Strasburgo che sembra avere almeno in parte smussato l’acuminatezza dello scontro Roma-Parigi. C’è da segnalare che da qualche giorno si assiste ad un rilevante shift nell’offerta dei Tg sulla questione immigrazione, in particolar modo su Mediaset. Negli ultimi mesi – lo abbiamo spesso notato nelle analisi quotidiane – immigrazione e rom hanno sopravanzato nella comunicazione questioni molto più imponenti. Diversi settori politici hanno “imposto”, a suon di slogan e felpe, l’immagine dell’italiano assediato dagli immigrati e di uno Stato che spende e spande per chi arriva con i barconi, mentre lascia languire i cittadini in difficoltà tagliando assistenza e servizi. Ora qualcosa sembra muoversi. Mentre nei talk qualche volta è comparso “il profugo” nella sua soggettività, nei Tg sono sempre prevalsi lo scontro politico, l’incitamento alla xenofobia (Tg4, soprattutto) o, in alternativa, il tentativo di riportare nei suoi giusti termini il problema. Mai però prima degli ultimi giorni le immagini dei profughi nelle stazioni romane e milanesi e alle frontiere con l’Austria o con la Francia avevano “bucato il video”, e questo, paradossalmente, sta avvenendo anche sulle testate che usano toni più populisti, o sono “arruolate” nella strategia della Lega. Sarà perché sono finite le frecce all’arco di chi è dedicato alla caccia agli “invasori”, sarà perché è finita la campagna elettorale delle regionali e comunali; quale che ne sia il motivo, quel che è certo è che questa sera non solo i Tg Rai e La7, ma anche quelli Mediaset “ci fanno vedere” chi sono realmente questi disperati. Inevitabilmente da potenziali carnefici diventato così vittime da aiutare, come dimostra la spontanea solidarietà dai cittadini romani e milanesi, ma addirittura di quelli francesi che da Mentone vanno a Ventimiglia per rivestire e ristorare i profughi che il loro governo respinge alla frontiera. Prima si sparava contro gli immigrati e le politiche del governo, ora il governo continua (con qualche ragione) ad essere nel mirino, ma i profughi “in corpore vivo” finalmente appaiono dei disperati che ispirano sentimenti non più solo aggressivi, ma anche di vicinanza e compassione. Ovviamente Tg4 può perdere il pelo, ma non il vizio; ecco così che, dopo aver parlato della solidarietà spontanea dei romani, arriva il servizio sui cittadini del quartiere Tiburtino che non vogliono saperne di presenze di immigrati. E poi quello del cittadino italiano di Ventimiglia che lamenta che “a lui non lo aiuta nessuno”.

Per la politica tutti i Tg variamente inquadrano il Renzi del day after la sconfitta alle comunali. Il Premier appare nervoso e lancia sassi contro Marino (o governa bene, o a casa), e sulla scuola per un verso apre alla discussione con sindacati e professori, per l’altro ipotizza il rinvio delle 100.000 assunzioni dei precari all’anno prossimo. Tutti riprendono la sua affermazione sul “momento più duro per il governo”, e la volontà di tornare il “Renzi prima maniera”. Tg3 e TgLa7 fin dai titoli si occupano dl successo di Cinque Stelle; Mentana ipotizza un avvicinamento del Movimento all’Italicum, il sistema elettorale che potrebbe portarlo al governo. Di Maio è guest star su tutte le maggiori testate. Intanto Lega e Fronte Nazionale francese hanno formato il gruppo comune di estrema destra nel Parlamento europee.

L’enciclica sull’ambiente di Papa Francesco (che sarà pubblicata giovedì) è presente nei Tg Rai. Tg2 presenta un approfondimento del tema del reddito di cittadinanza, segnalando le ipotesi sul tappeto e, per converso le restrizioni che in Gran Bretagna cominciano ad essere avanzate sul welfare in genere e in particolare per il sostegno a meno abbienti e ai disoccupati.

Dati auditel dei Tg di lunedì 15 giugno 2015

Schermata 2015-06-17 alle 01.09.46

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare