L’autunno dei Tg

I Tg di lunedì 3 ottobre – L’ottava stagione de L’Osservatorio Tg trova ai nastri di partenza tre nuovi “fantini” alla direzione di due testate Rai e del Tg4. Anche durante l’estate abbiamo, ovviamente, “buttato un occhio” a ciò che avveniva nell’informazione di serata. Modifiche sostanziali nella proposta di Tg2 e Tg3 al momento non le abbiamo notate, mentre per il Tg di Rete4 i tre mesi di vicedirezione e conduzione di Cecchi Paone che ci avevano sorpreso e fatto sperare in una “resipiscenza” da parte della testata di Mario Giordano, si sono esauriti a luglio: il tentativo di un telegiornale più aperto, più corretto e meno caricaturale non poteva affermarsi nella rete parasalviniana che ha come massimo interprete Del Debbio, e come must i talk gridati e conditi del populismo più retrivo. Non accaso, stasera, Tg4 è l’unico a non ricordare il terzo anniversario della strage di migranti davanti all’isola dei Conigli, che ottiene invece l’apertura degli altri due Mediaset e ampio spazio sui Rai e La7. In compenso il Tg di Rete4 è prodigo nel fornirci dettagli su “tesoro dei Rom”, ovvero le proprietà di ville e castelli in Croazia di una “regina” che risiede in Italia.

In un autunno che, anche senza avere la sfera di cristallo, è facile prefigurare assai “caldo” (referendum costituzionale, destino dell’Italicum, braccio di ferro Roma-Bruxelles, singulti all’interno di M5S e del PD), sarà interessante verificare il comportamento delle diverse testate sui temi più dibattuti e, in particolar modo, l’auspicabile correttezza del servizio pubblico in relazione al referendum. Questa sera l’informazione Rai è alquanto “omogenea”: apertura per tutti sull’abbandono di Pizzarotti, per altro presente anche su Mediaset e La7. Il ping pong tra PD ed opposizioni sul diritto dovere di avanzare le possibili modifiche sull’Italicum è colto da tutto e sottolineato da Mentana.

Sempre Mentana segnala le divergenze, ammantate di toni diplomatici, tra governo e bankitalia sulle prospettive della crescita 2017. I buoni dati Istat sull’aumento del reddito disponibile degli italiani e della propensione al risparmio – cui, però, non corrisponde un rilevante aumento di consumo – è correttamente presente su quasi tutti, compreso Tg5.

Passano gli anni, ma le linee editoriali – se così vogliamo nobilitarle – non si modificano più di tanto. Su Mediaset la cronaca nera e criminale resta in primo piano, e continua a rappresentare il core business di Studio Aperto e del vecchio-nuovo Tg4: caso Parolisi e processo Stival, con quest’ultimo presente anche sui Tg1 e Tg3.

Al momento – e meritoriamente – i Tg non sembrano aver spento i riflettori sulle zone terremotate. Il concerto di Bocelli ad Amatrice e le dichiarazioni del sindaco sono presenti un po’ su tutti, soprattutto sui Tg Rai.

A 36 giorni dalle elezioni presidenziali USA gli ultimi “guai” di Donald Trump (relazioni economiche con soggetti iraniani ed elusione fiscale) sono ampiamente presenti su tutti e scatenano una ubiqua Giovanna Botteri sulle testate Rai.

La sconfitta di Orban nel referendum ungherese “anti profughi”, che però non fa recedere il suo governo dalle posizioni di chiusura dal NO alle quote di accoglienza europee, è nei titoli per Tg3 e Tg La7. Mentana, solitamente alquanto “british”, in questo caso non si tiene ed esplicita la sua sensazione di sollievo per il colpo a vuoto del leader populista di Budapest. Le stesse testate, ma anche Tg1 e Tg5, aggiornano il bilancio dei salvataggi in mare (poco meno di 6.000 nelle ultime ore) e dei morti nel Mediterraneo.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città