L'opinione

L’Europa s’infrange contro i muri

72

I Tg di mercoledì 13 aprile – In una giornata piena di notizie, Tg1, Tg3 e Tg4 dedicano le aperture al tema dei rifugiati. Che siano le parole del Presidente Mattarella, le ruspe attive sul valico del Brennero, le paure per le prospettive di grandi flussi nella rotta libica, l’attenzione ai nuovi scontri di questa mattina ad Idomeni o la prossima visita di Papa Francesco all’isola di Lesbo, il dramma dei migranti occupa su tutte le testate titoli e servizi. Tg1 e Tg3 viaggiano con i rifugiati sui treni diretti al Brennero, mentre Tg4 indaga sull’origine degli ingenti flussi migratori africani. Al di là dei tanti fronti caldi singolarmente presi, la riflessione condivisa è che, nonostante le proteste arrivate da Bruxelles contro la scelta unilaterale dell’Austria, a rischio non ci sia più la sola libera circolazione ma la stessa essenza dell’Unione Europea che, come denuncia Mentana, “si sta liquefacendo” infrangendosi sui nuovi muri.

Titoli per tutti e aperture su Tg2 e Tg La7 per l’appuntamento con i social del presidente Renzi, dopo il passaggio della legge costituzionale. Tg3 registra i distinguo interni al Pd (la minoranza vuole cambiare l’Italicum, Renzi dice “no”), mentre le opposizioni si concentrano sul referendum antitrivelle di domenica. La dichiarazione del premier che vorrebbe la legge sulle unioni civili approvata entro aprile, sfugge ai Tg delle 20 ed anche a Tg2. Sempre per la politica, grande interesse sul futuro del Movimento e su di un eventuale, forzato, ritorno in campo di Beppe Grillo. Tg1 raccoglie intervento di Dario Fo dopo la visita alla camera ardente di Gianroberto Casaleggio.

Per la pagina economica il rimbalzo delle borse trainato dagli indici bancari grazie al fondo Atlante fa coppia nei titoli con la notizia del via libera al part-time pre-pensionistico” (titoli per tutti eccetto Studio Aperto). Grande attenzione da parte di Tg4, che dedica due buoni servizio su entrambi gli argomenti, mentre Tg2 ospita lungamente in studio il ministro Poletti, incalzato efficacemente su molti temi dolenti (esodati e pensioni di reversibilità).

La dichiarazione del generale-presidente egiziano Al Sisi che continua a negare ogni coinvolgimento dei suoi servizi con l’uccisione di Giulio Regeni, parlando oggi di azioni compiute da “malvagi”, vengono registrate nei titoli di tutte le testate (primo servizio per Tg4 per “l’ennesimo depistaggio ed insulto all’Italia”) così come i suoi attacchi all’informazione locale, colpevole di aver “scatenato la crisi tra Italia ed Egitto”.

Alle foto circolate ieri di una sorridente Doina Mattei su Mediaset (nei titoli) e Tg1 (servizio), rumena in semilibertà dopo 9 anni di carcere per l’omicidio di una giovane romana, e che avevano fatto indignare i parenti della vittima, seguono oggi la reazione del ministro della Giustizia Orlando e la decisione del giudice di revocare la semilibertà alla donna (titoli per i Tg Mediaset e servizi per quelli Rai).

Segnaliamo in chiusura l’apertura del Tg5 che, accantonando politica ed esteri, dedica la copertina e prima parte dell’edizione a diversi casi di malagiustizia (vicende Gulotta e Doina) e malasanità (ospedale Cardarelli di Napoli).

Luca Baldazzi

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani