Osservatorio TG

Non è dato di sapere…

I Tg di mercoledì 10 febbraio – Tg5, TgLa7 e Tg2 aprono sulle borse che inaspettatamente si riprendono, dopo una settimana di segni meno. Cosa sia successo tra la chiusura di ieri sera e l’apertura di questa mattina, non è dato di sapere, o forse sarebbe giusto dichiarare “ufficialmente” che i mercati sono in preda a continue ondate di isteria, e che l’unica costante è la speculazione che, al contrario, non perde mai la testa. Tentativi di indagare e spiegare non mancano, ma da premiare è solo la buona volontà. In compenso tra le varie testate non si notano differenze sostanziali: i mercati finanziari in questa fase non sono strumento di battaglie politiche interne e, conseguentemente, non dividono più di tanto l’informazione.

Diversa è la situazione per le unioni civili, apertura per Tg1, Tg3 e le minori Mediaset. Qui lo scontro politico è, più ancora dei temi concreti affrontati dal ddl Cirinnà, la chiave essenziale per leggere le diverse posizioni. Mediaset “fa il tifo” per il “caos” (Tg4) che accompagnerebbe l’iter della legge al Senato, supportando dagli spalti la squadra sicuramente perdente che può sperare solo nella sospensione della partita. Su Rai e La7 si indaga nello spogliatoio del Pd, fotografando malumori e divisioni già note e probabilmente (ndr) esagerandone il peso. Mentana sottolinea che per prendere tempo si è deciso di votare solo da martedì.

La politica presenta un centrodestra che annaspa sulla candidatura per Roma (“nervi scoperti” per TgLa7), con la prospettiva di far ricorso alle odiatissime primarie. Ovviamente su Mediaset ha spazio quasi esclusivamente solo l’ok di Parisi per Milano.

L’assassinio di Giulio Regeni compare nei titoli solo su Studio Aperto, mentre nei servizi appaiono le prime testimonianze e valutazioni (Tg5) degli ambienti egiziani frequentati dal ricercatore italiano e le proteste delle autorità del Cairo che rigettano le interpretazioni che circolano nella stampa italiana, e non solo.
La Rai propone buone coperture sulla Siria (Tg1) con l’inviata d Aleppo, e sulla rotiera tra Grecia e Macedonia(Tg3). Buono l’approfondimento di Tg2 sulla condizione dei 15.000 apolidi nel nostro Paese. Anche Tg5 affronta il tema profughi, segnalando l bacchettate di Bruxelles all’Italia per la vicenda hotspot.

Le primarie negli Stati Uniti rappresentano una valida opportunità per abbandonare i sentieri minati di casa nostra. Titoli per Tg3 e per La7, che ci dice che “Sander fa paura” alla Clinton.

Da qualche giorno sulle testate Mediaset si assiste ad un gran ritorno della cronaca nera e criminale offerta in evidenza fin dai titoli. Questa sera in evidenza una rapina violenta a Catania, il monsignore arrestato perché accusato di essersi appropriato di circa 30milioni di donazioni, i nuovi maltrattamenti in una casa-famiglia a Parma.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa