Osservatorio TG

Ong – Sospetti, accuse, ipotesi e condanne

115

I Tg di giovedì 27 aprile – Ampio spazio, stasera, a notizie di ambito giudiziario. L’inserimento nel registro degli indagati per la tragedia del Rigopiano del Presidente della Provincia di Pescara e del sindaco di Farindola, accusati con altre 4 persone di omicidio colposo, riaccendere l’interesse di tutte le testate, guadagnando primo titolo per Studio Aperto, Tg3, Tg1 e Tg5. Tornano le testimonianze dei sopravvissuti ed i dubbi sulla gestione delle giornate precedenti l’emergenza. A tenere maggiormente banco nei servizi sono, tuttavia, sospetti e condanne.

Dagli atti delle procure si passa ai  “sospetti” della procura di Catania, presenti fin dalle aperture su Tg4, Tg La7 e Tg2. Sono quelli del procuratore capo Zuccaro, che durante un’intervista sul programma di Rai 3 Agorà ha ribadito le possibili collusioni fra alcune ong operanti nel canale di Sicilia e trafficanti di uomini, che  varrebbero addirittura finanziate dai mercanti di schiavi per ampliare i propri traffici e creare maggiore inquietudine sociale. Accuse poco attenuate dall’uso del condizionale e dalle parziali “ritrattazioni” di serata, e che portano il ministro Minniti a ribadire alla Camera  che sarebbe meglio “non fare generalizzazioni”; Le testate Mediaset rincarano la dose sui proventi del traffico di esseri umani, mentre sui Tg Rai ottengono più spazio le repliche delle ong, con Tg2 che intervista Ungaro di Save the Children. A fine servizio è però Mentana a passare sul banco del Pubblicio Ministero, ribadendo che un Procuratore della Repubblica dovrebbe o fare dei nomi o non parlare affatto, evitando di  generare un clima di vago sospetto che inficia le attività di tutte queste associazioni virtuose.

Le condanne richieste dai PM nell’ambito del processo di mafia capitale assommano a 500 anni, spalmati su 41 imputati, di cui 28 e 23 rispettivamente per Buzzi e Carminati. Nei titoli per tutte le edizioni delle 20.

Alta nelle impaginazioni (titoli per Studio Aperto, Tg3 e le testate delle 20) l’attenzione alla sorte di Alitalia, con Lufhtansa che nega qualsiasi interesse.

Per la politica a tenere banco sono le tensioni interne nel Pd, a 3 giorni dal voto sulle primarie, con Tg5 che intervista il Orlando.

Per gli esteri, Tg3 e TgLa7 registrano le dichiarazioni di Gentiloni sul trattamento degli italiani nel Regno Unito nel post Brexit, mentre in Parlamento europeo la Merkel avverte la premier May ribadendo che un Regno Unito fuori dall’Unione necessariamente non godrà di trattamenti di favore. Oggi se ne parla poco (qualche cosa in Rai), ma da domani per 48 ore sarà centrale il viaggio del Papa in Egitto.

Mentana riflette su Tar del Lazio, che è considerato una piccola Consulta per come blocca molti procedimenti, da ultimo l’ordinanza che impedisce la presenza al Colosseo dei cosiddetti centurioni.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot